Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 34 punti Gratitudine!


Wilhelm Reich e la modificazione del clima

Tecniche moderne per l'abbattimento della desertificazione

 

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 17,00
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 163

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

«In questo lavoro, Roberto Maglione ha intrapreso il difficile compito di scrivere una overview scientifica dell'argomento, partendo dai primi lavori di Reich, che risalgono agli anni '50, fino a quelli più recenti di ricercatori e scienziati che hanno seguito il lavoro di Reich. Ha trattato l'argomento con attenzione, evitando le trappole dell'entusiasmo esagerato o dello scetticismo, attenendosi ai fatti ed a ciò che è stato dimostrato scientificamente. È un lavoro che dovrebbe, in un mondo razionale, attirare l'attenzione di scienziati responsabili e competenti, di privati cittadini e di funzionari governativi che si preoccupano del benessere dell'umanità e dei grossi disastri che ripetutamente si abbattono sul territorio a causa della siccità e dell'avanzare della desertificazione.» (James DeMeo, PhD Orgone Biophysical Research Lab Greensprings, Ashland, Oregon, USA)

INDICE

Ringraziamenti
Prefazione
Introduzione
Wilhelm Reich. Vita ed opere
Il periodo europeo (1897-1939)
Il periodo americano (1939-1957)
Metodi tradizionali di intervento sul clima
L'ingegneria orgonica cosmica
La fisica orgonica
Le tecniche di cloudbusting
Il decalogo di Reich
Il cloudbusting dopo Reich
Le attività di ricerca di Richard Blasband
La rimozione della DOR e la riduzione della siccità
La deviazione degli uragani ed altri interventi
Il cloudbusting in tempi recenti. Gli esperimenti di James DeMeo
Il cloudbusting in USA
Il cloudbusting in Europa
Il cloudbusting in Africa
Il cloudbusting nel mondo
Bernardo Zanini
Trevor J Constable
Mirko Kulig
L'esperienza di altri autori
Glossario

APPROFONDIMENTI

Prefazione

Quando Roberto Maglione, mi chiese di scrivere un'introduzione al suo libro sulle scoperte di Wilhelm Reich in ambito atmosferico, provai sensazioni contrastanti e mi posi molti interrogativi. La Cosmic Orgone Engineering o cloudbusting, come è più nota nel linguaggio comune, è fra le più imponenti e potenzialmente benefiche scoperte di Reich, ma anche la più controversa e, purtroppo, quella potenzialmente più pericolosa, se non utilizzata con considerevole attenzione e cautela.

Molti, compreso me, avevamo tenuto per anni private tutte le informazioni su questo argomento, considerandolo una materia di discussione all'interno di gruppi di persone altamente fidate, pur rimanendo abbastanza disponibili a discutere apertamente le altre controverse scoperte di Reich, come l'accumulatore di energia orgonica e la sessuo-economia. Mi chiesi se il libro avesse trattato Reich e il difficile argomento in modo adeguato o se lo avesse presentato in modo eccessivamente meccanicistico o perfino mistico, il che, per esempio, è tipico di ciò che si può trovare sulla rete globale di Internet. Sono contento nel dire che questo nuovo libro ha concretizzato le mie speranze e non le mie paure. Senza voler banalizzare né esagerare le cose, in quasi 30 anni di esperimenti in campo con il cloudbuster ho apprezzato sempre più l'enorme potenza e le capacità del continuum di energia orgonica che esso utilizza. È questo continuum di energia, un tempo conosciuto come un etere dinamico nello spazio, la cui presenza è stata investigata e dimostrata negli anni '20 dal fisico Dayton Miller, a regolare il nostro clima alle sue fondamenta. Dal punto di vista tecnico, abbiamo dimostrato già da molti anni, con sistematici studi di campo ed utilizzando dati ufficiali e metodi classici di analisi scientifica, la validità delle originali asserzioni di Reich risalenti agli anni '50. Posso affermare che siamo ora in possesso di mezzi tecnici atti a porre fine alla siccità e rinverdire i più aridi deserti del mondo, sempre che lo si voglia. Tecnicamente, posso dirlo con sicurezza, questo ora è possibile. Comunque, dal punto di vista dell'ordinamento sociale, stiamo ancora affrontando grossi e spesso insormontabili ostacoli.

Dopo decenni di indagini cliniche e ricerche di laboratorio, che lo portarono alla scoperta del cloudbuster, per un anno Reich effettuò operazioni di cloudbusting, scrupolosamente mirate, rinverdendo i deserti vicino a Tucson, in Arizona. Poco tempo dopo, la peste emozionale, attiva nel giornalismo e nell'ordinamento giuridico americano ed in collaborazione con il Governo statunitense, riuscì a spegnere la brillante luce emanante dalla sua scoperta. II cloudbuster fu quasi completamente dimenticato. Tuttavia, i suoi più stretti collaboratori riuscirono a tenere accesa la torcia di tale conoscenza, e continuarono le ricerche sull'energia vitale, inclusa quella relativa al cloudbuster. In quel periodo ero un bambino e le prime letture di Reich, che feci durante la mia adolescenza, mi colpirono per la chiarezza delle sue idee, i suoi potenziali rivoluzionari, e per la sfida che lanciava all'ansimante scienza ortodossa. Le sue argomentazioni sui processi viventi in naturaconfermarono molte delle sensazioni che andavo sviluppando osservando attentamente la natura in quello che era un tempo il paradiso tropicale del sud della Florida, che più tardi fu avvelenato, spianato e distrutto per diventare la giungla di cemento chiamata Miami. Da bambino, vedevo e sentivo il processo del vivente in natura, ma non avevo parole per esprimerlo e nessuna spiegazione mi veniva data dai miei insegnanti. Sono stato educato in scuole che insegnavano le cose e la scienza dal punto di vista inanimato, mentre l'universo del vivente, la natura pulsante, che si trovava sia dentro che al di fuori di me, non veniva mai discussa né tanto meno presa in considerazione. Reich, invece, si tuffava dritto all'interno di questo oceano di energia plasmatica vivente, e ne descrisse le proprietà, le funzioni e la struttura. Nuotava liberamente, immergendosi nelle profondità, mentre gli altri stavano semplicemente sulla superficie. Leggere Reich cambiò completamente la mia vita, e mi indusse a voler conoscere con certezza se le sue affermazioni erano vere od erano pure illusioni e fantasie, come gli scettici affermavano.

E così studiai e collaborai con quegli scienziati che già seguivano gli insegnamenti di Reich, imparando molto da loro. Costruii e testai l'accumulatore di energia orgonica, confermando i suoi potenti effetti. In seguito effettuai, presso il Dipartimento di Meteorologia dell'Università del Kansas, i primi studi accademici sul cloudbuster di Reich, che confermarono il funzionamento dello strumento e la validità del metodo, proprio come Reich asseriva. Questa ricerca costituì sia un passo avanti nell'ordinamento sociale di quel periodo che una validazione scientifica del lavoro di Reich, ma creò anche nuovi ed improvvisi attacchi ed ostacoli alle ricerche che stavo portando avanti. Tuttavia, in seguito, furono eseguite, da una mezza dozzina di ricercatori, ulteriori sperimentazioni con il cloudbuster mirate a ridurre la siccità negli Usa. Queste aggiunsero ulteriori conferme dell'efficacia della tecnologia. I risultati di queste esperienze furono tutti pubblicati su riviste specializzate. Qualche anno dopo, con l'aiuto di alcuni collaboratori, organizzai e diressi le prime prove sistematiche sul campo con il cloudbuster, negli aridi deserti dell'Arizona, Israele, Namibia ed Eritrea, in Africa. Tutti questi studi sono riassunti nel presente libro. In tutti i casi, perfino ai margini del gigantesco deserto del Sahara, il cloudbuster ha dimostrato la sua efficacia. Un'atmosfera surriscaldata, fosca e stagnante veniva, solitamente nel giro di qualche giorno di duro lavoro, prontamente sostituita da magnifiche e possenti nubi foriere di pioggia, che riversavano umidità vitale in territori secchi e polverosi. Testimoniammo lo sbocciare di fiori e la formazione di nuovi laghi in quelle aride distese di terra, che in precedenza erano polverose e secche, e dove solo qualche misera goccia di pioggia era caduta in precedenza. Fatti che nessuno poteva pensare fosse possibile si realizzassero. Nella arida e secca Terra Santa, sofferente sotto i colpi della doppia piaga del disastro ambientale e sociale, io ed i miei collaboratori testimoniammo spettacolari cambiamenti dell'atmosfera, con repentini mutamenti del clima da secco ad umido, da caldo a freddo. con colline rinverdite, riempimento di laghi e cime di montagne coperte di neve. Dovevamo darci dei pizzicotti per essere sicuri che non stavamo sognando, o che non eravamo stati magicamente trasportati in Svizzera, invece di trovarci ai margini del Sahara. Durante la nostra più ambiziosa impresa, il quinquennale progetto in Eritrea, Africa, ampie regioni del Sahel furono rinverdite e rese erbose, riducendo l'importazione annuale di cibo di quella piccola nazione di decine di milioni di dollari. Nuovi e giganteschi laghi, troppo grandi per poter vedere le opposte rive, apparvero come per miracolo nelle aree a valle del Nilo, all'interno del cuore del Sahara, dopo solo qualche anno di cloudbusting applicato in modo razionale. Tuttavia, mentre la gente comune celebrava i risultati del nostro lavoro, solo in rare occasioni abbiamo trovato supporto a livello ufficiale. Perfino di fronte ai più evidenti e positivi risultati, ottenuti con una pioggia eccezionale che aveva posto fine ad una forte siccità, eravamo frequentemente soggetti ad attacchi da parte dei meteorologi e dei funzionari ortodossi, quasi fossimo dei praticanti di qualche tipo di magia nera che essi non potevano capire e con cui non volevano avere niente a che fare. Ma il cloudbusting non è magia, esso è una combinazione di scienza naturale ed arte, che richiede certamente la conoscenza della scienza attuale, della meteorologia e delle materie tecniche, ma anche di sentire e vedere il linguaggio espressivo del vivente che appare in Natura. Questo ci aiuta a capire cose altrimenti inspiegabili come la siccità, al suo livello più profondo, fornendoci anche nuovi approcci per agire in modo costruttivo e positivo su di essa.

I cambiamenti ambientali che ho descritto furono dettagliatamente documentati per i posteri, benché non ho il minimo dubbio che il lettore che ha scarsa familiarità con questo argomento difficilmente crederà a ciò che sto scrivendo. Se non fossi stato testimone di questi eventi, probabilmente anch'io sarei uno scettico. Ci si può razionalmente chiedere: perché non si è mai saputo nulla di questi esperimenti dai giornali o dalla televisione? Perché questa grossa scoperta non è stata applicata più frequentemente in aree soggette a forte siccità e desertificazione? Non si può dire che i vari ricercatori e scienziati, come me, non abbiamo tentato di diffondere e far conoscere quest'argomento. Posso dire che possiedo un grosso archivio di lettere e proposte che ho spedito nei periodi di forte siccità e crisi ambientali a numerosi funzionari governativi, sia in Usa che all'estero, ed a vari scienziati e società scientifiche. La gran parte di questi non si è neanche degnata di darmi una semplice risposta. L'esempio più recente è stato quello capitatomi durante la forte siccità che ha colpito il Rajasthan, India. I meteorologi ed i funzionari ci rifiutarono il permesso di entrare nel paese anche solo per sperimentare i nostri metodi, senza alcuna spesa a loro carico. proprio nei momenti in cui l'intera regione stava soccombendo per anni di siccità, con migliaia di villaggi abbandonati per mancanza d'acqua potabile e milioni di vite a rischio. Una simile esperienza mi è capitata anche durante la siccità Australiana, poi quando l'Indonesia stava letteralmente bruciando, ed ancora quando la siccità in Kenia aveva ridotto allo stremo migliaia di vite ed ucciso centinaia di migliaia di capi di bestiame, e così via di questo passo. Sembra quasi che la visione del mondo e le teorie scientifiche dei funzionari e degli scienziati che si occupano di queste cose è più importante della vita o della morte di milioni di esseri viventi. Ho anche scritto e pubblicato molti articoli su questo argomento, ma solo raramente la gente ha letto gli articoli e mi ha contattato per verificare ciò che si poteva fare durante un periodo di siccità nelle proprie regioni. Solitamente si tratta di gente comune, ed in qualche caso fortunato, assieme ai giusti contatti per poter pianificare un'intervento, si è riusciti ad ottenere le sovvenzioni, ed in qualche raro caso, l'approvazione ed il supporto governativo. Ma questi sono casi rari. Ho anche un secondo grosso archivio, che documenta i vari attacchi ed i maliziosi articoli scritti, con il preciso scopo di denigrare questo lavoro, da persone motivate da interessi personali per i quali, come ho già detto prima, la scoperta dell'energia vitale e del cloudbusting provoca solo tanto odio e paura. E così, dalla morte di Reich in poi, questo lavoro è stato portato avanti cautamente e privatamente, all'ombra e fra gli stretti corridoi della Torre della Grande Scienza e delle Istituzioni Governative entro cui solo raramente siamo stati invitati. Siamo stati costretti a lavorare come dei piccoli mammiferi che cercano di sgattaiolare al di sotto dei grossi piedi e le ampie e goffe ombre dei dinosauri, pieni di speranza in un futuro che solo pochi possono immaginare, un futuro, comunque, senza dinosauri! Abbiamo imparato, con l'esperienza, che è molto più facile dissolvere l'eccezionale stagnazione presente nell'atmosfera e stimolare un temporale nel bel mezzo di un deserto che creare un cambiamento nell'ordinamento sociale all'interno delle istituzioni di un'umanità corazzata. In questo lavoro, Roberto Maglione ha intrapreso il difficile compito di scrivere una overview scientifica dell'argomento, partendo dai primi lavori di Reich, che risalgono agli anni '50, fino a quelli più recenti, attraverso i successivi 50 anni, di ricercatori e scienziati che hanno seguito il lavoro di Reich. Ha trattato l'argomento con attenzione, evitando le trappole dell'entusiasmo esagerato o dello scetticismo, attenendosi ai fatti ed a ciò che è stato dimostrato scientificamente. È un lavoro che dovrebbe, in un mondo razionale, attirare l'attenzione di scienziati responsabili e competenti, di privati cittadini e di funzionari governativi che si preoccupano del benessere dell'umanità e dei grossi disastri che ripetutamente si abbattono sul territorio a causa della siccità e dell'avanzare della desertificazione.

È un mio sincero desiderio che questo nuovo libro di Roberto Maglione possa aiutare a dissipare la nebbia e a dissolvere le nubi all'interno dell'ordinamento sociale, cercando di diffondere questa nuova conoscenza in modo razionale, benefico e positivo per la vita.

 

James DeMeo, PhD

AUTORE

Roberto Maglione, ingegnere, ha lavorato per numerosi anni nel settore esplorativo di una multinazionale petrolifera. Attualmente è responsabile della Comunicazione Scientifica in una società leader mondiale nel settore della bioingegneria cardiovascolare. È autore di un testo di carattere scientifico (Reologia ed Idraulica dei Fluidi di Perforazione, Cusl, 1999, 21 edizione) e di oltre 70 articoli tecnici. È membro di numerose associazioni scientifiche.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 21 aprile 2017 Acquistato sul Giardino dei Libri

Molto ben scritto, il libro ci guida sulle orme del Reich e delle sue scoperte. L'energia orgonica che permetterebbe di curare alcune malattie e di interferire con le condizioni climatiche, facendo piovere in zone siccitose e dissipando nuvole ove ci fosse il rischio di tempeste. Bel libro, sicuramente da leggere

Commenta questa recensione

Scritto da: - 4 giugno 2010

Ho letto il libro e ho trovato davvero importante il lavoro che sta portando avanti l'autore. Bisognerebbe che la scienza e il governo italiano, sappiano di questo nuovo strumento per ridare pioggia nelle regioni del sud anche perchè si parla di privatizzare l'acqua un bene prezioso che in certe zone del pianeta si prega per averlo. Spero che le autorità vengano a conoscenza di tale tecnologia, per il bene di tutti e il pianeta terra.

Commenta questa recensione

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su