Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 25 punti Gratitudine!


Lo Zen e le Arti Marziali

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Quando lo Zen giunse in Giappone, il paese era dilaniato da guerre civili, violenze, massacri, deportazioni di massa. Fu lo spirito Zen a trasformare le tecniche brutali della guerra in arti che avevano come fine non l'efficacia bellica, ma la ricerca di sé, il perfezionamento interiore di chi le praticava.

La spada, l'arco e le frecce si trasformarono da strumenti di morte in supporti della meditazione. Il combattimento divenne puramente spirituale e il nemico fu individuato in se stessi, nelle illusioni dell'ego che impediscono all'uomo di vedere la sua reale natura, e che si devono distruggere.

In virtù di questa influenza nacque il Bushido, insieme di principi morali, codice d'onore e disciplina cavalleresca che ha come fine il perfezionamento delle qualità fisiche e morali dell'uomo: il coraggio, la semplicità e la frugalità, la lealtà e la giustizia, la generosità e il disprezzo della morte.

Le arti marziali "non sono teatro, né sport, né spettacolo. Il loro segreto è che in esse non esiste né vittoria, né sconfitta. Non si può vincere, né essere vinti".

AUTORE

Taisen Deshimaru è nato il 29 novembre 1914 in Giappone, nella provincia di Saga, Il nonno paterno insegnava judo ai samurai e quello materno era dottore in medicina orientale. Il padre era un uomo d'affari e fu sindaco della città, e fu la madre, fervente buddhista, a dargli l'istruzione religiosa. Giovanissimo, Deshimaru incontra il maestro Kodo Sawaki, il cui insegnamento si rifa a quello di Dogen, vale a dire alla fonte stessa dello zen. Dopo aver studiato all'università di Yokohama, Deshimaru occupa un posto di responsabilità nelle attività minerarie della società Mitsubishi, Inviato in Indonesia durante la guerra, continua a seguire l'ìnsegnamen-to di Kodo Sawaki e a fare zazen. Al suo ritorno in Giappone fonda l'Istituto Culturale Asiatico. Prima dì morire, il maestro Kodo Sawaki fa di lui il suo successore e gli conferisce la trasmissione (shìho). Nel 1967 Deshimaru giunge in Francia dove, a Parigi, stabilisce un dojo, elevato a rango di tempio zen nel 1975, e un monastero zen vicino ad Avallon. Fino alla sua morte (il 30 aprile 1982) Deshimaru è stato Superiore generale del soto zen per l'Europa e l'Africa e da lui dipendevano più di cinquanta dojo dalla Francia alla Costa d'Avorio.

Le vostre recensioni

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!

Scritto da: - 16 aprile 2012 Acquistato sul Giardino dei Libri

Beh ! Non c'è che dire; questo libro spiega esaustivamente l'antica "tradizione" Zen delle arti marziali. Per chi è appassionato, consiglio (sempre delle edizioni SE la piccola enciclopedia) "Lo Zen e la cerimonia del Tè"; "L'arte di disporre fiori" e "Il vero Zen" ^_^

Commenta questa recensione

Scritto da: - 16 aprile 2012 Acquistato sul Giardino dei Libri

Beh ! Non c'è che dire; questo libro spiega esaustivamente l'antica "tradizione" Zen delle arti marziali. Per chi è appassionato, consiglio (sempre delle edizioni SE la piccola enciclopedia) "lo Zen e la cerimonia del Tè"; e "L'arte di disporre fiori" ^_^

Commenta questa recensione

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su