Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 30 punti Gratitudine!


A Doi Tenori

Duetti da chiesa nella Roma del Primo Seicento. Sances, Carissimi, Frescobaldi, Foggia

Bruno Boterf

 
-25%

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 14,92 invece di 19,90 sconto 25%
  • Tipo: CD
  • 12 brani - 65 minuti

  • Sconto

Ti è piaciuto questo cd? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Bruno Boterf e Gilles Ragon, cantanti di fama internazionale con un vasto repertorio che spazia dalla musica lirica a quella medioevale, con "A Doi Tenori" si confronatano con la tradizione del bel canto interpretando, come rivela il sottotitolo dell'album alcuni indimenticabili "Duetti da Chiesa della Roma del Primo Seicento".

Le voci di Boterf e Ragon si fondono per poi sdoppiarsi e unirsi ancora in un gioco di ripetizione ed echi capaci di creare delle magiche suggestioni. A questo riguardo bisogna segnalare la registrazione del brano "Immensus Coeli Conditor" di Giacomo Carissimi, una vera perla dove le voci dei due interpreti unite alla la grazia della melodie creano un'atmosfera che incanta e seduce.
Come tutte le edizioni di casa L'Empreinte Digitale, l'album è accompagnato dalle ricchissime informazioni contenute nel libretto e dalla trascrizione dei testi originali con traduzione a fronte in inglese e francese.

Mossi dal far rivivere l'antica tragedia greca un gruppo di musicisti si riunisce a Firenze verso la fine del '500 dando vita alla 'Camerata fiorentina' fautrice di una vera e propria rivoluzione a livello musicale: contro il polifonismo dell'ars nova il gruppo di artisti rivaluta il discorso monodico dando vita al 'recitar cantando' , linguaggio melodico di chiara e semplice comprensione, capace di toccare gli animi e coinvolgere gli affetti suscitando commozione.

Questo nuovo modo di fare musica si espande velocemente fino a raggiungere Roma, dove molti compositori iniziano a fare uso della nuova tecnica fiorentina utilizzandola sia per le opere profane che per quelle destinate alla liturgia.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su