Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibile per la spedizione
entro 2 giorni lavorativi
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 36 punti Gratitudine!


Best of Baluji Shrivastav

Featuring guest: the inner vision orchestra

Baluji Shrivastav

 

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 17,90
  • Tipo: CD
  • 14 brani - 1:19 Ore
  • EUCD 2695

Ti è piaciuto questo cd? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Baluji Shrivastav è uno dei più grandi interpreti di musica classica indiana, nonché esperto polistrumentista capace di suonare con la medesima abilità sitar, surbahar (una sorta di basso del sitar), dilruba (violino), pakhavaj e tabla.

Diventato cieco da bambino a causa di un terribile incidente, Shrivastav non ha mai permesso a questo brutto evento di inibire il proprio talento: al contrario la cecità lo ha aiutato a sviluppare una profonda sensibilità che si riflette nelle sue toccanti interpretazioni.

Oltre ad aver fondato la Baluji Music Foundation, una fondazione caritatevole di base a Londra che promuove la conoscenza nel mondo della musica del sub-continente indiano, nel 2012 Shrivastav ha creato la Inner Vision Orchestra, un’orchestra londinese di musicisti ciechi, il cui scopo è quello di promuovere la presenza di musicisti ipovedenti nella scena musicale inglese.

“Best of Baluji Shrivastav” è una splendida raccolta di alcuni dei brani più significativi della lunga e fruttuosa carriera di questo straordinario musicista indiano. Accompagnato dalla Inner Vision Orchestra, Baluji Shrivastav offre all’ascoltatore delle interpretazioni assolutamente uniche: impeccabili da un punto di vista tecnico e con un’intensità ineguagliabile che viene direttamente dall’anima.

“Best of Baluji Shrivastav” è la prova di come il musicista riesca a concentrarsi sul suono per farne lo strumento tramite il quale interagire con il mondo.

AUTORE

Baluji Shrivastav è uno dei più grandi interpreti indiani di sitar, surbahar (una specie di basso del sitar), dilruba (violino), pakhavaj e tabla. La sua cecità, causata da un terribile incidente che lo colpì quando era ancora bambino, non ha mai ostacolato il suo talento, al contrario ha aiutato il giovane a sviluppare una profonda sensibilità che oggi si riflette nelle sue toccanti interpretazioni.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su