Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 28 punti Gratitudine!


Gypsy Music from Hungary

Meta & Kalman Balogh

 

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 14,00
  • Tipo: CD
  • 12 brani

Con l'acquisto di questo articolo riceverai in omaggio il prodotto "Lillà - Crema Corpo Avvolgente 100 ml"
Valido per ordini superiori a 29,00

Ti è piaciuto questo cd? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

"Gypsy Music from Hungary" con le meravigliose parti vocali, le suggestive note di violino, viola, violoncello, clarinetto e flauto propone il fiorente repertorio popolare ungherese, trasportando l'ascoltatore nelle variopinte atmosfere tzigane

Durante gli anni '70 alcuni giovani artisti ungheresi, soprattutto musicisti e ballerini, iniziarono ad interessarsi alla cultura ed alla ricca tradizione popolare del proprio paese, con la positiva conseguenza che la musica popolare ungherese raggiunse un nuovo e migliore status artistico.

Furono aperte sale da ballo dove i giovani potevano cantare e ballare e dove i migliori gruppi folk presentavano il proprio repertorio. La gente scoprì che in Ungheria, oltre alle romantiche melodie gypsy puszta conosciute grazie all'operetta, esisteva anche un'autentica musica popolare caratterizzata da valori più profondi.

Il gruppo Méta, fondato nel 1983 e formato da musicisti professionisti ed insegnanti, con un repertorio di brani e balli dalle diverse regioni dell'Ungheria suonati con strumenti tradizionali, è il rappresentante più significativo di questo nuovo movimento musicale. Kalman Balogh, il più famoso tra gli interpreti del tradizionale cimbalom magiaro, ha imparato a suonare questo strumento grazie al nonno musicista Elemer Balogh che svelò al nipote tutti i suoi segreti, aiutandolo a mantenere viva una tradizione quasi scomparsa.

Il progenitore del cimbalom (il dulcimer ungherese) sembra essere il santur indiano, portato in Europa intorno al XV secolo nel corso della migrazione dei gypsy che, partiti dal Rajasthan hanno raggiunto ogni angolo dei cinque continenti. .

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA