Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 36 punti Gratitudine!


Favourites 1963 - 1976

From Samba Esquema Novo 1963 to Africa Brasil 1976

Jorge Benjor

 

Clicca per ingrandire

Con l'acquisto di questo articolo riceverai in omaggio il prodotto "Lillà - Crema Corpo Avvolgente 100 ml"
Valido per ordini superiori a 29,00

Ti è piaciuto questo cd? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Quando quel giovane alchimista dalla pelle scura arrivò sulla scena con il suo nuovo schema di samba che non era soltanto bossa nova ma che portava con sé una miscela di swing irresistibile ed un lirismo unico, tutti hanno immediatamente compreso il suo potenziale ed i dischi di Jorge Ben hanno conquistato in un batter d'occhio le radio, entrando nelle case e nella vita di tutti i Brasiliani.

La comparsa del fenomeno Jorge Ben è stata peraltro l'ultima occasione che ha visto l'unanimità della popolazione brasiliana letteralmente rapita dalla musica di un nuovo compositore. Il suo caratteristico stile miscela samba, bossa nova, funk e rock con liriche che mettono insieme umorismo e satira con soggetti dal carattere spesso esoterico.

Anche se è probabilmente più famoso per la sua canzone "Mas Que Nada" portata al successo internazionale da Sergio Mendes, Jorge Ben è anche noto per la sua composizione "Taj Mahal" che è identica (e che ha vinto la relativa causa internazionale, da lui intentata, per plagio) alla melodia di "Da Ya Think I'm Sexy" di Rod Stewart, copiata pari pari dall'originale brasiliano.

"Favourites" raccoglie 20 delle più grandi canzoni di questa immortale icona del Brasile, comprese le due già qui citate. Best seller.

AUTORE

Jorge Benjor (Jorge Duilio Ben Zabella Lima de Menezes), nato a Rio de Janeiro nel 1940 da madre africana e padre brasiliano, è una figura chiave dell'ala di Rio del movimento brasiliano Tropicalia che aggiungeva elementi blues e rock'n'roll alla già esplosiva miscela del pop carioca. Nato in un tugurio di Madureira, quartiere povero di Rio, Jorge iniziò a suonare la chitarra dopo aver sentito Joao Gilberto: questa sua fonte di ispirazione gli ha permesso di sviluppare il suo speciale approccio alla bossa nova perché inizialmente non riusciva a seguire i complicati arrangiamenti della musica del suo idolo. Jorge era un eccellente giocatore di calcio (militò anche nella squadra più importante di Rio) ma fortunatamente la musica fu la scelta vincente, forse inconsapevolmente aiutata dall'amicizia dei suoi genitori con Ataulfo Alves, uno dei più importanti compositori brasiliani di tutti i tempi. Dopo infanzia e adolescenza trascorsa cantando in chiesa, a 18 anni la prima chitarra e gli studi da autodidatta seguiti a 23 anni dalla prima hit "Mas, Que Nada" cantata da Sergio Mendes. Durante la dittatura militare ed il crack culturale della fine degli anni '60, Jorge poteva esibirsi senza troppi problemi grazie ad un controllo da parte della censura meno duro di quello adottato nei confronti di altri 'tropicalisti' come Gilberto Gil e Caetano Veloso. Nel 1989 pubblicò l'album "Benjor" annunciando simultaneamente di aver modificato il cognome da Ben a Ben Jor (pare per non farsi confondere con George Benson). Le sue canzoni sono state interpretate da una serie di giganti tra cui Ella Fitzgerald, Dizzy Gillespie, Al Jarreau, Julio Iglesias e David Byrne; ha registrato con Gilberto Gil, Caetano Veloso e realizzato il sogno della sua vita lavorando insieme ad un musicista africano, King Sunny Adé; ha vinto la causa internazionale da lui intentata contro Rod Stewart per il plagio della sua "Taj Mahal"... e la sua carriera va ancora fortissimo spaziando tra bossa nova, samba, tropicalismo e jazz.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA