Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 65 punti Gratitudine!


The Music of Bali Box 3CD

Autori Vari

 
-30%

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 32,20 invece di 46,00 sconto 30%
    Spese di spedizione gratuite!
  • Tipo: CD

  • Sconto

Ti è piaciuto questo cd? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

"Jegog" è il primo dei tre volumi che casa Celestial Harmonies dedica alla musica della splendida isola indonesiana di Bali.

La musica jegog viene suonata per intrattenere ma in qualche occasione serve anche come accompagnamento per cerimonie religiose.

Nei concerti serali, la musica jegog comprende anche balli, i cui movimenti derivano dal pencak, un'arte marziale tipica di questa regione. L'orchestra, che può comprendere fino a venti musicisti, suona strumenti a percussione formati da otto grandi tronchi di bambù posti in fila sopra una cornice colorata ed ornata: ogni strumenti ha otto chiavi che coprono due ottave ed una scala di quattro tonalità.

La musica jegog viene inoltre suonata durante l'annuale corsa dei bufali, come si può ascoltare nella seconda traccia "Amuknama", ma anche come accompagnamento per tradizionali canzoni popolari. Registrato dal talentuoso produttore David Parsons nel tempio Pura Penataran di Laplapan, un villaggio vicino a Ubud, "Jegog" immortala la tradizionale musica balinese, una sorta di gamelan a quattro toni, che prende il nome dal jegogan, un enorme basso marimba che è lo strumento principe di queste orchestre.

Nell'isola di Bali la musica è parte integrante della vita: viene solitamente insegnata nei music club del villaggio, dove la gente si riunisce dopo il lavoro: il locale organizza le prove e gli strumenti vengono messi a disposizione della gente dal villaggio stesso.

"Jegog" è splendidamente interpretato dai musicisti dell'ensemble Swara Cipta Priyanti, tra i quali spiccano I Gusti Wiarta, I Made Japa e I Wayan Tirta.

Gamelan gong kebyar, che rappresenta il secondo volume dell'imperdibile serie "Music of Bali", è stato ascoltato per la prima volta nel 1914, nel nord dell'isola. La musica Kebyar è caratterizzata da una vivace dinamica di qualità che viene prodotta attraverso forti accenti ritmici e improvvisi cambiamenti nel tempo, e nell' umore.

Gamelan gong kebyar incorpora una nuova forma di danza chiamato semplicemente Kebyar, in cui il cambiamento delle espressioni e delle posture dei danzatori modificano il carattere della musica. Gamelan gong kebyar continua ad essere straordinariamente popolare, ed è diventato il mezzo preferito d'espressione per molti dei più grandi artisti dell'isola nel corso degli ultimi decenni.

"Kecak & Tektekan", terzo ed ultimo volume dell'imperdibile serie "Music of Bali", offre all'ascoltatore due stili musicali tipici della suggestiva isola di Bali.

Il nome kecak deriva dal suono cak che viene cantato in complessi schemi interdipendenti simili a quelli ritmici del gamelan. La forma moderna di kecak nacque nel villaggio Gianyar di Bedulu, intorno agli anni '30, ad opera dell'artista tedesco espatriato Walter Spies, che voleva creare un piacevole intrattenimento per il pubblico dell'isola.

Gli spettacoli di kecak sono davvero impressionanti: il coro, composto da voci esclusivamente maschili, può arrivare a superare i cento componenti tra cantanti e ballerini. Gli interpreti siedono in cerchi concentrici intorno ad una lampada ad olio e cantano brani estremamente diffici che possono durare più di un'ora l'uno.

Il tektekan, tradizionalmente usato per scacciare gli spiriti maligni ritenuti responsabili dei disastri del villaggio, era pensato per ristabilire l'armonia nella comunità e veniva anche utilizzato per la rituale pulizia di un'area dove si aveva intenzione di costruire una nuova abitazione. Oggi questa forma musicale non ha più solamente un carattere rituale, ma viene anche usata come semplice intrattenimento.

Lo strumento fondamentale usato dalle formazioni tektekan è una sorta di tamburo di bambù: i percussionisti, che accompagnano le loro esibizioni con profonde grida all'unisono, dirigono l'ensemble battendo il tempo e scandendo i cambi dinamici. Altri strumenti ricorrenti sono i cimbali, utilizzati per produrre suoni forti durante i ritmi concatenati oltre a piccoli e larghi gong che segnano i cicli ritmici.

Registrato nel tempio Pura Gunung Sari di Peliatan, il kecak è interpretato dal gruppo Tojan diretto da Nyoman Sarma, mentre il tektekan, direttamente dal tempio Pura Penataran di Laplapan, è messo in scena dal gruppo Rama Budaya guidato da Made Ladra.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA