Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 38 punti Gratitudine!


The Radio Tisdas Sessions

Il vero blues del deserto suonato da Tuareg

Tinariwen

 

Clicca per ingrandire

Ti è piaciuto questo cd? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Il blues è sempre nato dall'oppressione e questo è il vero blues del deserto, suonato da tuareg che vivono la sofferenza ogni giorno.

Questa è una registrazione fatta in una stazione radio di Mali con i produttori Justin Adams e Lo Jo. Lavorando tra le 19:00 e la mezzanotte (l'unico lasso di tempo in cui l'elettricità era disponibile), hanno mantenuto un effetto ruvido e semplice. Il suono è crudo e ipnotico come solo può essere il blues del deserto.

 

 

AUTORE

Tinariwen è un gruppo Touareg del sud del Sahara che propone musiche molto vicine al blues di Ali Farka Touré: il nome del gruppo significa 'spazi vuoti' riflettendo il suo amore per il deserto di casa. Costretti ad abbandonare la loro vita nomade nel Sahara, i musicisti dei Tinariwen erano combattenti nell'insurrezione dei Touareg contro il governo del Mali: il gruppo si formò nel 1982 nei campi di addestramento del Colonnello Gheddafi. Il leader libico aveva reclutato infatti questo popolo senza patria promettendo di aiutarlo nella sua causa fornendo armi e munizioni per la rivolta, ma alla fine i rivoltosi capirono che l'unica intenzione di Gheddafi era quella di utilizzare questi fieri combattenti per le sue guerre... I Tinariwen hanno inventato un nuovo genere musicale poi chiamato Tishoumaren ovvero la musica degli ishumar: ishumar, che significa disoccupato, si riferisce alla generazione di giovani esuli touareg che hanno abbandonato il loro territorio prostrati dalla siccità e dalla repressione delle autorità. I Tinariwen hanno combinato le forme musicali tradizionali touareg e del Mali con una moderna sensibilità ribelle e radicale: strumenti tradizionali come il liuto teherdent ed il flauto utilizzato dai pastori sono stati abbandonati in cambio di chitarra elettrica, basso e batteria, mantenendo però il tradizionale violino ad una corda del Mali. Nel deserto senza uffici postali e senza telefono, la musica dei Tinariwen diventò un potente strumento di ribellione: testi sul risveglio della coscienza politica e sui problemi degli esuli o sulla repressione attuata dal Mali nei confronti dei Touareg con la loro espulsione in Algeria, che sono veri e propri inni per l'indipendenza del popolo touareg. Le loro cassette erano proibite sia in Mali che in Algeria e chiunque trovato in possesso delle loro musiche rischiava la prigione. Un rock'n'roll ribelle basato sui ritmi e sulle melodie tradizionali touareg che dopo la rivolta armata del 1990 contro il governo del Mali ha iniziato a parlare di riconciliazione, ricostruzione ed educazione. Questa è la storia dei Tinariwen, un gruppo la cui musica era la colonna sonora di una vera rivolta e che ora è diventata un poema sulle anime ribelli e sull'orgoglio della tanto desiderata nazione del deserto.

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA