Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 36 punti Gratitudine!


White Cockatoo

Featuring Didjeridu Legend - il leggendario interprete del didjeridu David Blanasi

David Blanasi

 

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 17,90
  • Tipo: CD
  • 31 brani - durata 01:01:34

Ascolta un'anteprima di White Cockatoo

3. Didjeridu Solo

7. Mimi Spirit, Wapukurra

25. Short Argument

Ti è piaciuto questo cd? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Un'incisione davvero storica che presenta il leggendario interprete del didjeridu David Blanasi che, insieme alla sua ensemble White Cockatoo, proviene dalla regione Western Harnhem Land nei territori del nord dell'Australia.

Gli artisti del gruppo sono anziani aborigeni di diverse etnie che condividono la medesima situazione sociale e che sono legati per l'amore delle tradizioni e della cultura del popolo che abita da millenni il continente australiano.

I White Cockatoo hanno suonato ovunque in Australia ed in molti paesi stranieri, noti e riveriti per il loro ampio repertorio di antiche canzoni cerimoniali: come nella tradizione aborigena le loro musiche infatti, nonostante la prominenza del didjeridu, prevedono la presenza di un vocalista che con le sue canzoni decide il tipo di accompagnamento di volta in volta creato dai musicisti. David Blanasi è uno degli anziani più importanti dei territori del nord dell'Australia: dopo la morte nel 1998 di Djoli Laiwanga (il Cockatoo nero), in osservanza delle leggi tribali, David Blanasi (il Cockatoo bianco) insieme a pochi altri musicisti è diventato l'erede ed il testimone di una delle più antiche ed ininterrotte tradizioni musicali dell'intero pianeta. Le registrazioni di "White Cockatoo" sono arricchite da un prezioso booklet con esaustive informazioni e splendide foto a colori dell'ensemble.
QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su