Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08
Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it
Disponibilità per la spedizione:
immediata!
Quantità:
  Aggiungi al Carrello

Guadagna 39 punti Gratitudine!


Riproduzione da Parete Buddha in Vitarka Mudra Colorata

Colorata

 

Clicca per ingrandire

  • Prezzo € 39,00
    Spese di spedizione gratuite!
  • Tipo: Prodotto
  • Confezione: 23 cm

Ti è piaciuto questo prodotto? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sui bottoni qui sotto)

Riproduzione da Parete Buddha in Vitarka Mudra può essere appesa in qualsiasi parte della casa.

Ideale in una stanza dedicata alla meditazione.

Vitarka Mudra

Un gesto molto importante strettamente legato alla Sapienza ed all'Insegnamento, è anche uno dei gesti che è stato più soggetto ad interpretazioni simboliche.

Chiamato il Mudra della discussione o il Mudra dell'insegnamento. La mano destra viene posta in Jnana Mudra, con le punte del pollice dell'indice a contatto, all'altezza del cuore.

Nell'iconografia tradizionale si trovano raffigurati molti Maestri, tra cui il Buddha ed il Cristo, che tengono le mani in questa postura mentre impartiscono il Sapere ai loro discepoli.

La mano destra può trovarsi posta sia verticalmente che orizzontalmente, la sinistra o sul grembo o adagiata col dorso sul ginocchio corrispondente.

Il pollice starebbe a indicare il Brahman (L'Assoluto, Dio), mentre il dito indice rappresenterebbe l'anima individuale, ed i due sono uniti in un circolo, una forma dove non è più possibile distinguere dove uno comincia e l'altro finisce. Le rimanenti tre dita fanno riferimento al mondo materiale e stanno ad esempio per gli altri 3 costituenti della nostra individualità: il corpo (il dito medio), la mente (l'anulare) e i sensi (il mignolo).

In generale il numero tre ha spesso a che vedere con il mondo della creazione, per cui tutta una serie di triadi ad esso legate possono essere identificate nelle tre dita (passato/presente/futuro; i tre guṇa, i tre stati di coscienza e così via) ma il concetto fondamentale è che queste tre dita stanno per quello che è impermanente, dal quale l'anima individuale (l'indice) si distacca nel riconoscere la sua identità con Dio (il pollice).

Questo gesto evocherebbe è lo stesso concetto che a parole è espresso dalla famosa enunciazione Tat tvam asi : "Tu sei Quello" (Chāndogya Upaniṣad 6,8,7).

QUESTO LIBRO SI TROVA IN:
NOVITÀ DI QUESTA CATEGORIA

Torna su