SPIRITUALITÀ ED ESOTERISMO   |   Tempo di Lettura: 7 min

I 22 comandamenti e la grande iniziazione dei 42 anni

I 22 comandamenti e la grande iniziazione dei 42 anni

Scopri la perla di saggezza offerta a un'umanità in cammino verso l’immortalità di Dio leggendo l'anteprima del libro di Olivier Manitara.

Il mistero delle 7 tappe della vita svelato

Per la Tradizione essena, il cammino della vita sulla terra si svolge in 7 tappe. Ognuna di esse dura 7 anni e si conclude con un’iniziazione, con un rito di passaggio che è sia una morte che una nascita.

La prima tappa della vita è la nascita del corpo fisico. L’uomo compare allora nel mondo fisico e fa l’offerta della sua placenta al mondo di Dio la Madre.

Da 0 a 7 anni, l’uomo costruisce il suo doppio, il suo corpo di energia e di volontà. Attraverso questo corpo, egli riceve tutto ciò che è essenziale per la sua vita sulla terra: la camminata, il movimento, la vista, l’udito, la parola... In tutte le sue attività ci sono degli spiriti che entrano in lui, che gli permetteranno di gestire tutte le influenze che gli si avvicineranno nel corso della sua vita. È veramente un corpo che viene formato dentro di lui, un doppio che gli permetterà di avere un discernimento istintivo e una protezione capaci di tenere a distanza le influenze illusorie o addirittura dannose. In questo modo l’uomo potrà restare fedele a ciò che vuole guidarlo verso il suo Angelo e la sua anima.

A 14 anni, la sessualità appare, così come il corpo dei sentimenti, delle emozioni.

A 21 anni, è il corpo del pensiero a manifestarsi.

A 28 anni c’è la grande iniziazione centrale della vita, che conduce al risveglio del corpo della coscienza e all’individualizzazione dell’uomo nel proprio vero essere.

A 35 anni, o l’uomo entra nel suo corpo di destino angelico, o cammina su una via imposta da un destino unicamente umano.

Infine, a 42 anni, se è stato ben formato, l’uomo entra in contatto con la sua anima immortale.

L'iniziazione dei 42 anni nell’egitto faraonico

L’età dei 42 anni è una tappa importante nella vita dell’uomo, perché se egli sarà stato educato nel modo giusto incontrerà la sua anima e vivrà nella saggezza; altrimenti saranno le illusioni a impadronirsi di lui.

L’iniziazione dei 42 anni era fondamentale nell’Egitto dei faraoni. La sola traccia che ci resta di essa è il testo della Confessione negativa. Attraverso questa confessione, Lucifero, cioè l’illusione dei mondi spirituali che circondano l’uomo, veniva vinto e la grande saggezza poteva dirigere il corpo dell’uomo e la sua vita.

L’intero Egitto è stato costruito su quest’iniziazione dei 42 anni. Ecco perché cerano 42 dipartimenti con 42 templi nei quali venivano onorati 42 Dei.

Più tardi, la santa kabbalah ha salvaguardato quest’insegnamento sacro dei Figli del Sole attraverso il metodo di pronunciazione dei 42 Nomi di Dio.

Gli antichi sapevano che c'erano 42 porte intorno all’uomo, che dovevano essere aperte alla saggezza e chiuse alla stupidità attraverso un’educazione religiosa che gli permettesse di considerare non soltanto i mondi visibili, ma anche i mondi sottili e invisibili.

A 42 anni, l’uomo entrava in comunione con la sua anima: o era un’anima, o era un corpo che viveva un’illusione. In questo secondo caso, si diceva che il corpo intero apparteneva a Lucifero, cioè all’illusione del mondo degli uomini che dà vita alla morte. Se l’uomo era un’anima, allora entrava nell'immortalità.

A 42 anni, l’uomo entra in possesso del proprio essere e si siede sulla Terra-Madre, si posa e posa il suo cielo: o è un cielo d’illusione, o è la saggezza che permette di parlare con tutti i mondi senza essere sotto l’influenza dell’illusione.

La nuova iniziazione dei 42 anni nella nazione essena

Nel 2009, dopo aver passato l’iniziazione del giubileo della Nazione Essena, gli Esseni contemporanei stavano cercando di restaurare i misteri e la saggezza del rito di passaggio dei 42 anni, così come l’educazione che permette di raggiungere quest’età nella dignità di Dio.

La constatazione è semplice: la civiltà attuale ha non soltanto perduto questo saper-vivere ma, inoltre, ha cancellato la possibilità di ricevere un’educazione che permette di attraversare in modo giusto le diverse tappe della vita. In tal modo, essa impedisce all’uomo di arrivare all’età di 42 anni ed entrare in comunione con l’anima immortale.

Mentre gli Esseni cercavano questa saggezza, il grande Arcangelo Gabriele è apparso loro nel nome di Dio e li ha istruiti. Egli ha illustrato i misteri del corpo umano e come i suoi organi, i suoi sensi siano sotto l’influenza del cielo di Lucifero, che è un mondo spirituale illusorio che conduce alla morte. Poi ha mostrato il suo cielo, il cielo blu di Gabriele, l’astrologia divina, le influenze pure, l’alleanza con Dio, il battesimo esseno e la liberazione dell’anima. Infine, ha detto che ora non bisogna più attivare e onorare i 42 Dei della Confessione negativa, come veniva fatto al tempo dei faraoni, ma elaborare i suoi 22 comandamenti. In questo modo l’uomo può costruirsi un corpo d’acqua capace di resistere alle influenze illusorie dei mondi spirituali e di comunicare con la saggezza eterna, che è più grande della morte.

L'attraversamento dell’acqua tramite i 22 comandamenti di Gabriele

L’Arcangelo Gabriele ha rivelato che grazie ai suoi 22 comandamenti, l’uomo può essere capace di attraversare la morte essendo vivente, e non trovandosi ancora su un cammino di risveglio e di disciplina. L’Arcangelo ha trasmesso i suoi 22 comandamenti nel corso della sua celebrazione del 2010, durante il grande anno del primo giubileo della Nazione Essena. Essi appaiono per la prima volta nel suo salmo 114.

Negli anni che seguirono, un insegnamento profondo e preciso fu strutturato intorno a questi 22 comandamenti, in particolare attraverso 22 arcana e 22 movimenti sacri di energia. Furono inoltre costruite due piramidi con 22 gradini che portano incise le parole dei comandamenti, in entrambi i Villaggi Esseni di Terranova (in Francia) e dell’Acero (in Canada). L’ascensione di questi gradini, sul posto, o attraverso una rappresentazione a 2 dimensioni, è stata integrata alla cerimonia del matrimonio esseno.

Durante la celebrazione della sua grande festa dell’acqua a dicembre del 2014 e gennaio del 2015, il grande Arcangelo Gabriele, Figlio di Dio e Dio dell’acqua e dell’anima, decise di interpretare egli stesso i suoi 22 comandamenti per trasmettere all’umanità una visione di saggezza. È così che è nato questo tomo dei Vangeli esseni. I salmi furono dati mentre gli Esseni erano riuniti nel suo tempio in uno stato di meditazione, di preghiera e di servizio.

L’Arcangelo ha trasmesso questo cammino di saggezza perché aveva constatato che quando gli uomini e le donne leggevano i comandamenti, ne traevano una comprensione troppo materialista o li leggevano col filtro del mondo delle illusioni spirituali e astratte. Poiché non c’era saggezza vivente nel loro pensiero, nel loro cuore e nella loro comprensione, egli ha deciso di aprire ulteriormente questo cammino affinché i corpi e le anime possano unirsi a lui e la saggezza del mondo dei 42 anni possa essere ritrovata e vissuta di nuovo.

Avere 42 anni significa essere un saggio, cioè un essere capace di comprendere le parole di Dio con il proprio corpo e la propria vita. Di fronte alla constatazione che la maggior parte degli uomini non hanno più questo corpo, l’Arcangelo ha voluto portare dei pensieri che permettono a colui che ascolta il comandamento con un corpo correttamente preparato di avvicinarsi a una giusta interpretazione.

Una perla di saggezza in più offerta a un’umanità in cammino verso l’immortalità di Dio...

Data di Pubblicazione: 7 gennaio 2019

Lascia un commento su questo articolo

Caricamento in Corso...