Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it

I 7 Principi della Wicca

Primi Passi nella Wicca - Anteprima del libro di Thea Sabinenna Chown

Principi ed etica di una Wiccan

Uno dei miei insegnanti dice di frequente che la Wicca è una religione con molta teologia (studio della natura della divinità) e nessun dogma (regole imposte dai capi religiosi). Molte persone diventano wiccan perché sono anime indipendenti che non vogliono sentirsi dire cosa pensare o in cosa credere. La Wicca offre un terreno fertile e molto spazio per la creatività e l’indipendenza spirituale. Anche se la comunità wiccan è molto variegata, e lo sta diventando sempre di più, si possono individuare alcuni principi comuni. In questo capitolo descriverò sette di questi principi e vi presenterò un codice etico di base della Wicca.

Prima di cominciare, però, ecco una serie di cose che i wiccan non fanno e in cui non credono. Le riporto, anche se potrà sembrarvi ridicolo, perché è capitato che dei wiccan dovessero dare spiegazioni in merito. Quindi, per la cronaca, la Wicca non è:

Satanica o anti-cristiana

Come ho dichiarato nella sezione sulla «nuova vecchia religione» nel capitolo 1, la Wicca non è stregoneria satanica. I wiccan non credono in Satana; Satana è parte della religione cristiana, e il satanismo è un’eresia cristiana. Contrariamente alle idee hollywoodiane, i wiccan non compiono sacrifici di animali e tantomeno umani, né stravolgono i rituali cattolici. I wiccan non odiano i cristiani, e non hanno intenzione di nuocere a loro né alla loro fede. Tuttavia sarebbero felici se i cristiani smettessero di bussare alle loro porte e di lasciare loro volantini, nel tentativo di convertirli (vedi prossimo punto).

In cerca di proseliti

I wiccan non cercano di convertire gli altri. Non fanno il giro delle scuole superiori per trovare adolescenti vulnerabili a cui fare il lavaggio del cervello, non vanno porta a porta per cercare di convincere gli altri che la loro religione è quella giusta. I wiccan sanno che persone appartenenti a numerose culture in tutto il mondo - tra cui cristiani, musulmani, ebrei, bahà’i, buddisti, pagani e altri — sono state uccise per le loro credenze religiose o forzate ad adottare una fede a loro estranea, e molti wiccan vedono il proselitismo come una continuazione di questo atteggiamento dispotico e coercitivo. I wiccan sanno che non c’è una sola strada che porta a Dio, e che tutti devono trovare la loro spiritualità (oppure no, se lo desiderano). Credono che se una persona è destinata a percorrere il cammino wiccan, lo troverà senza bisogno che qualcuno faccia proselitismo. I wiccan sanno anche che chi trova questo percorso da solo gli attribuisce più valore di quanto non lo faccia chi è stato in qualche modo «convinto».

Dualistica

Come vedrete tra poco nel 1° principio, la Wicca fa uso di molti simboli duali, con polarità opposte. Tuttavia, anche se alcune religioni vedono gli opposti come antagonisti - vedi per esempio Dio e Satana - i wiccan li considerano partner, due parti di un intero. L’idea del «o bianco o nero», del «giusto o sbagliato in assoluto» non trova spazio nella Wicca: i wiccan vedono semplicemente molte gradazioni di grigio. Questo non significa che non abbiano un’etica! Troverete maggiori informazioni su questo punto nella sezione sull’etica, nell’ultima parte di questo capitolo.

Esclusiva

Non c’è nulla nella Wicca che vi impedisca di praticare più di una religione o di adorare più di un dio.

Un modo per ottenere potere sugli altri. La Wicca è un cammino per costruire il vostro potere. Non è più importante?

Concentrata solo sulla magia

Se vi state avvicinando alla Wicca solo per imparare la magia, non sprecate il vostro tempo. La Wicca è una religione, e non ne avete bisogno per fare magie. La magia esiste al di fuori della religione. La Wicca rappresenta una delle molte vie per la pratica magica, tuttavia il suo tema centrale non è la magia; alcuni wiccan non la praticano per niente.

Una moda audace, con vestiti fantastici

Un paio di pantaloni neri lucidi con rossetto abbinato, un anello al naso con il pentagramma, un tatuaggio vagamente minaccioso e un CD rock angoscioso e melanconico non vi trasformeranno in un wiccan. Molti wiccan amano decorare il loro corpo in modo inusuale (il nero smagrisce, i brillantini sono divertenti, e i tatuaggi rappresentano un buon argomento di discussione) ma aderire alla Wicca perché va di moda, o per fare dar fuori di matto i vostri genitori, i vicini o il capo, svilisce questa religione. E visto che stiamo parlando di mode e tendenze, il goth (gotico, dark) e la Wicca non sono la stessa cosa! La Wicca simpatizza con il goth perché esplora la morte e gli aspetti più oscuri della spiritualità, e molti wiccan sono goth, ma potete essere wiccan indossando Armani, Hot Topic, Salvation Army... e anche nulla.

Una scusa per l’abuso sessuale

La Wicca non ha nulla a che fare con l’utilizzo del sesso per manipolare gli altri, e tantomeno con gli abusi su minori. I wiccan trovano queste cose abominevoli, come qualunque altra persona. L’abuso sui minori è inaccettabile, e non è tollerato nella Wicca. È vero che i wiccan tendono a essere piuttosto aperti in tema di sesso (vedi 7° principio wiccan), ma poiché sono sinceri riguardo alla sessualità, e la celebrano, molte congreghe non accettano studenti sotto i 21 anni. Non è appropriato coinvolgere bambini o adolescenti in rituali che possono contenere simbolismo sessuale. Detto ciò, se qualcuno provasse a dirvi che per la formazione wiccan vi viene richiesto sesso come pagamento in natura, scappate a gambe levate. Quello è un maniaco sessuale, non un wiccan.

Ecco una lista di sette principi fondamentali in cui molti wiccan credono.

Questo testo è estratto dal libro "Primi Passi nella Wicca".

Ti è piaciuto questo articolo? Rimani in contatto con noi!
Gli articoli più letti
Gli ultimi articoli pubblicati
Articolo consigliato:

Primi Passi nella Wicca

I fondamenti della filosofia e della pratica dell’Antica Religione

-15%
Primi Passi nella Wicca

Thea Sabin

Un libro sulla Wicca scritto da una vera sacerdotessa che ne illustra i fondamenti e la pratica. Un’affascinante introduzione a una... continua