La Biologia della Percezione - Lipton e Williams

La Biologia della Percezione

Diventare Genitori Consapevoli - Anteprima del libretto di Bruce Lipton e Robert M. Williams

La psicologia del cambiamento

Grazie. Voglio ringraziare Doug Parks per avermi dato l'opportunità di parlare davanti a voi e ringraziare voi per essere venuti, perché ho delle informazioni davvero stimolanti che voglio condividere con tutti. Queste informazioni si riferiscono a ciò che controlla la biologia; come Doug vi ha detto io ero biologo cellulare all'università del Wisconsin e clonavo cellule muscolari umane, prelevavo cellule dalle persone e le mettevo in un piattino di coltura per i tessuti, e studiavo le cellule individuali nel tentativo di capire che cos'era che controllava il loro destino, che le rendeva distrofiche, patologiche o normali, qual era il processo che le controllava. Questa ricerca mi ha introdotto ad una comprensione molto diversa da quella della mia vecchia base scientifica secondo cui siamo controllati dai geni, portandomi infine a capire che è la percezione dell'ambiente a controllare le cellule. A livello cellulare le percezioni sono percezioni, ma a livello umano le percezioni sono credenze, e risulta che sono effettivamente le nostre credenze a selezionare i nostri geni e il nostro comportamento. E la parte splendida di tutto ciò, come ha detto Doug, è che questa visione cambia la vita, soprattutto per me. lo prima ero una di questi sostenitori della genetica, mentre adesso ho spostato tutta la mia vita all'interno di questa cosiddetta scienza spirituale New Age della credenza. E ciò che è bellissimo in questa conferenza - al di là del fatto che vi fornirò i collegamenti molecolari riguardanti il modo in cui la nostra credenza effettivamente attiva un gene, in modo che non ci saranno confezioni vuote, non ci sarà devozione riguardo a ciò, ma soltanto molecole, almeno spero - ebbene, la parte più splendida sta nella seconda parte di questa presentazione, in cui il mio caro amico e collega Rob Williams vi fornirà le informazioni e gli strumenti con cui potrete rapidamente cambiare le vostre credenze. Cambiare le proprie credenze non è un processo così arduo, ma può essere compiuto anche solo in pochi minuti. Quindi c’è una nuova scienza, ci sono dei nuovi strumenti disponibili; ma partiamo con un'affermazione di verità, molto semplice: la conoscenza è potere. Più consapevolezza avete, più siete in grado di sopravvivere e di avere successo. Bene, questa è una verità, ma c'è anche un'altra verità, ed è che la mancanza di conoscenza risulta in una mancanza di potere. Perché è così importante in questo momento questa questione riguardo alla mancanza di conoscenza? Perché a tutti noi sono state fomite informazioni secondo cui la nostra salute ha a che fare con i nostri geni. Abbiamo già sentito questa storia e continuiamo a sentirla ancora adesso sui quotidiani - questa sera stessa potreste trovare un articolo che parla dei fatto che i geni controllano gli aspetti della nostra vita. Riconosciamo anche che abbiamo ricevuto i geni dai nostri genitori, e quando ricevete i geni dai vostri genitori e all'improvviso i geni controllano la vostra vita, vi trovate ad essere più o meno una vittima del vostro patrimonio ereditario. Se scoprite che alcuni vostri familiari hanno il cancro, incominciate a diventare nervosi e pensate: «Oddio, adesso dentro di me ho dei geni che sono come delle bombe a orologeria. Mi succederà qualcosa, morirò, avrò dei problemi. E perché? La responsabilità non è mia, ma mi è stata trasmessa dai miei genitori». Ma il problema con questo sistema di credenza è che si estende a un altro livello, cioè se davvero non potete fare niente rispetto ai vostri geni, perché lì avete ricevuti dai vostri genitori, allora tutto d'un tratto diventate irresponsabili, nel senso che pensate: «Beh, ma se non posso farci niente, perché dovrei anche solo provare a fare qualcosa?» Ed è a quel punto che tutte le cose cominciano ad andare male e si manifesta la mancanza dì potere, perché questa credenza sui geni toglie completamente potere a ciascuno di noi, in quanto dice che siamo meno potenti dei nostri geni. Ma in realtà questa non è un’affermazione veritiera. Lasciate che vi spieghi di che cosa stiamo parlando. Incomincerò con questo.

L'immagine del DNA

Quest'immagine del DNA, l’hanno vista quasi tutti, si studia a scuola ormai da molto tempo, è stata insegnata a tutti e la si ritrova tutti i giorni nei mezzi di comunicazione: il DNA e i geni del vostro corpo forniscono le caratteristiche della vostra vita, quindi non soltanto cose come la vostra altezza e il colore dei vostri occhi e dei vostri capelli, ma cose come l’ansia, l’obesità, l’omosessualità, l’aggressività, la timidezza e la felicità, sono tutte caratteristiche che sono state attribuite ai geni. E se questo è vero, il sistema di credenza che ne consegue dice che quando avete ricevuto i vostri geni nel momento della fecondazione, la vostra vita è stata stabilita, mentre tutto il resto della vostra vita non è stato che il dispiegarsi del programma che avete ricevuto dai vostri genitori. Quindi i geni - e stasera parleremo un po’ di scienza, ma non sarà così difficile, quindi sopportatemi, perché non voglio che ci siano degli spazi vuoti, della devozione, ma vi mostrerò tutti i collegamenti - quindi i geni, le molecole di DNA, si ritrovano nelle cellule individuali in una struttura chiamata nucleo.Quasi tutti qui hanno visto una cellula con un nucleo al suo interno, e virtualmente tutti i geni si trovano nel nucleo. Questo è un recente numero di Science, una delle riviste attualmente più prestigiose nel mondo; la prima frase di quest'articolo, che tratta del ruolo del nucleo, è questa: il nucleo è il centro di comando della cellula. Questa è la credenza convenzionale. Secondo questa credenza convenzionale, il nucleo è il centro di comando perché nel nucleo si trovano i geni, e i geni vi controllano, quindi il nucleo rappresenta quella fonte dì controllo della cellula. Dunque il centro di comando della cellula corrisponderebbe al cervello. Come insegnavo agli studenti nella scuola di medicina - questa è un'immagine della cellula, è soltanto una vignetta - le cellule ci costituiscono. Abbiamo approssimativamente da 50 a 75 trilioni di cellule che costituiscono il nostro corpo. Un punto interessante che insegnavo è questo: che non c’è alcuna funzione nuova nel vostro intero corpo umano che non sia già presente in ogni cellula. Ogni cellula ha già un sistema respiratorio, un sistema digestivo, un sistema escretorio, un sistema endocrino, un sistema tegumentario, un sistema nervoso, un sistema riproduttivo, un sistema immunitario. Fondamentalmente quello che sto cercando di dirvi è che la cellula e il corpo umano sono degli omologhi funzionali e strutturali: qualunque cosa si trovi nella cellula si trova nell’essere umano, e qualunque cosa ci sia nell’essere umano si ritrova nella cellula. Quindi se si parla del cervello umano come dell’elemento che ha il controllo, come il centro di comando del corpo umano, poi si legge quello che abbiamo appena letto sulla rivista Science, ovvero che il nucleo è il centro di comando della cellula perché tutto il DNA si trova al suo interno, allora si arriva ad affermare che il nucleo è il cervello della cellula, dunque è proprio il centro di comando. Bene, questo è un concetto interessante per questo motivo.

Una semplice domanda

Vi farò una semplice domanda: se estraggo il cervello da qualunque organismo vivente, qual è la conseguenza immediata e necessaria di quell'azione? La morte! Assolutamente, morirà. E quindi che cosa accade se estraggo il nucleo da quella cellula? Beh, se il nucleo è il cervello della cellula, per definizione, la cellula morirà. Ma la realtà è che se estraggo il cervello da qualunque organismo, l'organismo muore, mentre se estraggo il nucleo dalla cellula, la cellula non viene minimamente influenzata. Una cellula può vivere per due o più mesi senza avere più alcun gene, e non è che se ne stia lì senza far niente, ma continua a fare tutto quello che faceva prima che le togliessimo il nucleo: si muove, comunica con le altre cellule, mangia, cresce, è in grado di eliminare i rifiuti e di accrescere la propria struttura, riconosce le tossine e se ne allontana, riconosce il cibo e gli va incontro. Che cosa vi sto dicendo, fondamentalmente? Che se estraggo tutti i geni dalla cellula, non ne altero in alcun modo il comportamento; il che significa che per definizione il nucleo non può essere il centro di controllo della cellula, perché la cellula continua ad avere il controllo anche senza il nucleo. «Un momento! Ho estratto tutti i geni e la cellula ha ancora un comportamento?» La conclusione è che i geni non controllano la biologia. Questo è un errore. Questa è un'assunzione che è stata fatta moltissimi anni fa e non è mai stata dimostrata scientificamente. Ma sembra cosi corretta che abbiamo creduto a questa storia. E di fatti lo scherzo cosmico è aumentato non molto tempo fa con l'esito del Progetto Genoma Umano. E perché era uno scherzo? Vi dico questo. Se il meccanismo funzionasse nel modo descritto nei libri di testo, cioè che i geni controllano la biologia, allora come minimo sarebbero richiesti 120.000 geni per fare un essere umano. Quando i risultati del progetto Genoma Umano sono stati pubblicati è venuto fuori che c’erano meno di 35.000 geni. Mancano più di 90.000 geni. Il che non significa che questi geni manchino, ma che era il nostro sistema di credenza ad essere sbagliato: i geni non controllano la biologia come pensavamo. Quindi il progetto Genoma Umano fa veramente mancare il terreno sotto i piedi, perché loro pensavano che avrebbero ottenuto il progetto per creare un essere umano con tutti quei geni, ma invece è risultato che non c'erano tutti quei geni, ma che 2/3 dei geni mancano. Il che significa che dobbiamo adesso comprendere un nuovo modo di vedere nella biologia. Stranamente, la nuova comprensione ha incominciato a emergere negli ultimi dieci anni. Quindi tutto quello di cui vi parlerò questa sera è scienza degli ultimi dieci anni. E la parte interessante è che alla scienza sono necessari almeno dieci o quindici anni per prendere un fatto da quando è iniziato e presentarlo in pubblico, in modo che la gente lo possa capire. Quindi, tutto quello che c'è in un libro di testo, per esempio, ha almeno 10-15 anni. Quindi quello che sentirete questa sera è il libro di testo del futuro; conoscerete la scienza che è appena stata resa pubblica negli ultimi 10 anni. E parlerò di questa stupefacente struttura, la cellula umana e di come funziona. Vi ho anche detto che le cellule in voi hanno le stesse funzioni: dove voi avete degli organi nel vostro corpo, la cellula ha degli organelli che adempiono alle stesse funzioni. E quindi questo è un sistema respiratorio, un sistema digestivo, e queste sono strutture che ci sono anche nelle cellule. Ma quello che vogliamo scoprire è: dov'è il cervello nella cellula? Perché fino a pochi minuti fa la credenza convenzionale diceva che il cervello della cellula sono i geni; ma se togliendo tutti i geni il cervello continua a funzionare, dobbiamo cercare una comprensione alternativa sul funzionamento della cellula. Quindi inizierò dandovi alcune idee di base sul meccanismo di funzionamento delle cellule. Va bene? Le cellule, e questo è molto interessante, sono come delle macchine. Questo è un esempio della trasmissione della mia automobile, e si chiama diagramma dei pezzi smontati, perché potete vedere tutte questi pezzi complessi che, una volta assemblati tutte insieme, formano una trasmissione per l'automobile funzionante.il punto è che la cellula è analoga a questo per la seguente ragionerà cellula è di fatto una macchina costituita di pezzi, ma i pezzi sono proteine, invece che componenti metallici o ingranaggi come questi. La cellula è fatta di componenti proteiche. Approssimativamente ci sono 70.000 componenti proteiche. Se, quindi, aprite la cellula, cominciate a scoprire che i blocchi costitutivi sono proteine. Questo diventa molto importante, perché voglio che capiate che quando vi vedete allo specchio e vedete che avete per esempio capelli neri, occhi azzurri o che siete di una certa altezza, tutto questo è dovuto alle proteine. Le proteine vi forniscono la vostra struttura e quindi l'assemblaggio di questi pezzi. E quello che è molto interessante è che io posso riprodurre la maggior parte delle funzioni in una provetta, posso riprodurre la digestione, basta solo che prenda gli enzimi e le proteine giuste per la digestione, e mettendoli in una provetta otterrò la digestione; posso riprodurre la contrazione muscolare, posso prendere actina e miosina, che sono le proteine contrattili, e farle contrarre davanti ai vostri occhi, posso riprodurre la respirazione in una provetta.

Questo testo è estratto dal libretto del DVD "Diventare Genitori Consapevoli".

Ti è piaciuto questo articolo? Rimani in contatto con noi!

 

Gli articoli più letti
Gli ultimi articoli pubblicati
IN QUESTA SEZIONE:
Articolo consigliato:

Diventare Genitori Consapevoli - DVD

Natura, cultura e il potere dell'amore

Diventare Genitori Consapevoli - DVD Bruce Lipton

Bruce Lipton, Robert Williams

I pionieri dei paradigmi – Dottor Bruce Lipton e Dottor Rob Williams – presentano delle ragioni irresistibili per cambiare la nostra visione... continua

 
Trustpilot
Hai bisogno di aiuto? clicca qui