SPIRITUALITÀ ED ESOTERISMO

Il cervello umano: il più grandioso computer che sia mai stato creato

Il cervello umano, un grandioso computer

Scopri le caratteristiche dei due emisferi e gli aspetti che influiscono sul tuo modo di comunicare leggendo l'anteprima del libro di Alessio Atzeni.

Sol et luna

La mente del sapiente si dirige a destra e quella dello stolto a sinistra.
(Ecclesiaste 10,2)

Il nostro cervello è uno strumento prezioso e misterioso. Inserito nella scatola cranica che lo protegge, come una cassaforte protegge il suo tesoro, è il più complesso organismo di tutta la creazione, e non può essere altro che il veicolo di un Dio, così la pensavano Leonardo da Vinci e Michelangelo Buonarroti.

Sappiamo che il cervello è composto da due emisferi, il destro e il sinistro. È interessante che la parola capo indichi chi comanda, infatti in Toscana si usa questo termine per indicare la testa. Il capo, suddiviso in cranio e faccia, è considerato la parte più importante del corpo, in quanto contiene il cervello ed è la sede di alcuni essenziali organi di senso: la vista, l’udito, l’olfatto e il gusto. Anche quando ci si fa il segno della croce si tocca la testa, per indicare il padre.

Ci siamo mai chiesti come mai gli indù indossino quello splendido gioiello in mezzo alla fronte? Perché è il luogo più sacro del corpo umano, è chiamato lobo frontale. Nella tradizione cristiana si fa cenno all’ascesa del Monte Golgota, il colle appena fuori dalle mura di Gerusalemme su cui, secondo la narrazione dei vangeli, salì Gesù per esservi crocifisso. Golgota, dall’ebraico gulgoleth, significa cranio. Il Cristo con la croce che risale il monte del cranio può essere visto come un viaggio iniziatico che avviene dentro la nostra testa, per portarci all'illuminazione. Il nome di Gesù in aramaico è Yeshua ben Joseph che significa: “Yeshua figlio di Giuseppe”. Cristo non è il nome di Gesù, ma una traduzione greca di un termine ebraico che significa unto. Sappiamo che re, sacerdoti e profeti venivano consacrati tramite l’unzione con oli, il crisma infatti simboleggia la conoscenza sacra. Ne deduciamo che la più grandiosa vita che possiamo vivere è una vita che persegue la conoscenza.

Il cervello umano è il mezzo che permette alla nostra coscienza di fare esperienza in questa dimensione, di avere un punto di osservazione. Leonardo diceva: “Il cranio è la casa della mente”, una casa però divisa in due. Il lato destro del cervello governa la parte sinistra del corpo, il lato sinistro, la parte destra. Siccome il cervello è intimamente legato al corpo, si può usare il corpo per stimolare l’emisfero che vogliamo attivare e potenziare. Questa particolarità di incrocio di emisferi nel corpo umano è nota fin dall’antichità, infatti le antiche tradizioni mistiche, esoteriche e religiose, citano il fatto che la metà sinistra di Dio si rifletta nel lato destro dell’uomo e la metà destra nel lato sinistro.

Se osserviamo le opere d’arte dei più grandi maestri dell’umanità, statue e dipinti, notiamo che l’uomo deve sempre compiere una torsione per riportarsi nella direzione di Dio. Per esempio, nel mondo dell’alchimia e della semiotica è indicata questa strada, così come nei dipinti di Leonardo con i suoi contrapposti. Si tratta del principio fondamentale del moto azionale, il moto cioè che la figura compie in se stessa senza spostarsi e con l’implicita suggestione di un andamento a spirale, così come osserviamo nelle figure terribili e serpentinate di Michelangelo. Troviamo questo principio di movimento anche nelle sculture del Bernini, nel David, nel Ratto di Proserpina, nell’Amore e Psiche del Canova, oltre che nella magistrale lezione sul cervello umano e divino dipinto a caratteri cubitali nella volta della Cappella Sistina.

Il linguaggio dei simboli

Il linguaggio dei simboli (con il caduceo, le eliche del dna oppure il tao) ci descrive un movimento, anche la parola emozione ci suggerisce l’idea del moto e di energia in movimento, Leonardo disse: “Il moto è causa di ogni vita”. I maestri, profondi conoscitori della natura, del simbolismo e della geometria sacra, sapevano che per raggiungere Dio, la forma a spirale è perfetta perché ci indica la direzione per l’elevazione dell’essere umano. Questo vortice lo si ritrova ripetuto costantemente in natura, nei fossili, nelle conchiglie, nelle tele di ragno, nelle impronte digitali, nei fiori, nelle galassie, nel cordone ombelicale e anche nell’orecchio umano, l’elice, che veicola il suono all’interno della testa.

La natura è piena di leggi armoniche, sembra disegnata attraverso le regole della più perfetta geometria da un grande architetto. Questo turbine ci suggerisce l’idea del movimento nello spazio e nel tempo, gli stessi pianeti hanno orbite che si muovono con queste leggi, un proiettile, un’onda del mare, un tornado, le eliche propulsive, i dervisci rotanti usano questo movimento per le loro tecniche estatiche. Anche il serpente parlante del peccato originale non è altro che una corrente di energia, un’onda portatrice di parole.

Il serpente non ha mentito: “Mangiate i frutti dell’albero della conoscenza e sarete simili agli dèi, anzi sarete come Dio”. A questo proposito, secondo un’antica tradizione, il serpente e il Signore non sarebbero due entità distinte, ma un’unità. Quando Dio creò Adamo ed Eva e disse loro di non cibarsi del frutto dell’albero della conoscenza, subito dopo si trasformò in serpente, si attorcigliò intorno all’albero, sedusse Eva perché mangiasse il frutto e ne desse ad Adamo.

A Dio tutto è possibile. Chi avrebbe creato il serpente, se non Dio? E senza l’aiuto di Dio, il serpente avrebbe forse potuto sedurre Eva? In realtà tutto venne deciso proprio dall’intervento di Dio, che volle perdere l’uomo, perché solo perdendosi avrebbe potuto ritrovarsi. Dio volle che l’uomo peccasse, perché solo peccando, avrebbe potuto giungere un giorno, alla santità. Se vieti a qualcuno una cosa, essa diventa più attraente, si trasforma in un magnete e tutti i genitori e non solo Freud sanno questa cosa. Dio, il padre supremo, avrebbe potuto forse ignorarla?

Riguardo a Freud, esiste un simpatico aneddoto: in una bella serata primaverile, il famoso psicologo si era recato con la moglie e il figlioletto in un parco di Vienna a passeggiare. Camminando e conversando tra loro, i genitori si dimenticarono del piccolo. Era ormai prossima l’ora di chiusura del parco, sentirono la campana che l’annunciava e proprio allora la moglie con profondo spavento si accorse che il bambino non li seguiva più. “Gli hai vietato qualcosa?” chiese Freud. “Si” rispose lei. “Gli ho detto di non avvicinarsi alla fontana”. “Allora non temere” la tranquillizzò Freud “è lì che lo ritroveremo”. E così accadde.

La negazione

Un aspetto importante nella comunicazione con gli altri e con se stessi è quello della negazione, il non per il nostro cervello rappresenta un’assenza di contenuto. Vediamo come: “Non pensate a un cavallo bianco”. Ripeto: “Non dovete pensare a un cavallo bianco”. Cosa è successo nella nostra mente? Appare magicamente un candido destriero. Funziona anche se non dobbiamo pensare a un elefante blu che vola. Bello vero? Per quale motivo se non dobbiamo pensarci, la nostra mente ce lo fa addirittura vedere? Perché la mente funziona per immagini, che crea e poi cancella. I bambini, meno razionali degli adulti, con il non hanno maggiori difficoltà. Questo lo sanno bene i genitori e gli insegnanti quando si rivolgono a loro o li rimproverano dicendogli di non correre e loro corrono ancora di più o di non gridare e loro urlano ancora di più. Sarebbe molto più semplice imparare a comunicare meglio, in modo che la negazione sparisca del tutto. Come? Per esempio, rivolgendosi loro dicendo: fermatevi, camminate lentamente, parlate sottovoce.

Ma non è tutto. Negli anni ottanta del secolo scorso, uno psicologo di Harvard, Daniel Wegner, si imbattè in una citazione di Dostoevskij: “Cerca di non pensare a un orso bianco e questo continuerà a venirti in mente”. Wegner fece un esperimento per vedere se questa affermazione fosse vera. Alcuni volontari furono fatti accomodare in una stanza e furono invitati a pensare a tutto, ma non all’orso bianco. Furono muniti di un campanello che avrebbero dovuto azionare ogni volta che l’animale proibito gli fosse comparso nella mente. Di lì a poco fu un continuo suonare di campanelli, a dimostrazione e conferma che lo scrittore russo aveva ragione.

Il tentativo di sopprimere determinati pensieri conduce a soffermarsi e ad indugiare proprio sull’argomento che si vuole evitare. Furono fatti altri esperimenti con diversi gruppi di persone per capire il funzionamento dei pensieri negativi. Sostanzialmente, il gruppo che aveva tentato di reprimere i pensieri negativi, ne era stato maggiormente ossessionato. Così come chiedere a persone che seguono una dieta di non pensare al cioccolato, li induce a consumarne di più, e consigliare di non votare qualcuno, induce gli elettori a fare il contrario. In conclusione, vietare qualcosa a qualcuno e dirgli di non farlo non è il massimo a livello comunicativo. È curioso notare che su dieci comandamenti, otto inizino proprio con il non: “Non avrai altro Dio all’infuori di me, non nominare il nome di Dio invano, non uccidere, non commettere atti impuri, non rubare, non dire falsa testimonianza, non desiderare la donna d’altri, non desiderare la roba d’altri”. Non è inquietante?

Mente e cervello

Il cervello contiene approssimativamente un centinaio di miliardi di cellule nervose, i neuroni, più o meno lo stesso numero di stelle che sono nella nostra galassia, che può essere vista come un cervello macroscopico. Se il cervello viene danneggiato, per noi, non significa perdere la coscienza, significa che la coscienza non può più usare quella forma, per osservare questa dimensione. Non possiamo perdere la coscienza perché è, in essenza, chi siamo, possiamo solo perdere qualcosa che abbiamo, ma non possiamo perdere qualcosa che siamo. Il cervello, per usare una metafora, è come una radio, riceve e decodifica, è il mezzo che ci permette di trasformare le frequenze e le informazioni che ci arrivano. Se si rompe la radio, la musica continua a esistere. Il mistero è nella sorgente. Da dove proviene la musica? La cabala ci dice che i nostri pensieri non sono generati dal cervello, dalla materia grigia, proprio come la musica non ha origine dalla radio, ma capta solo delle onde. Il cervello è più simile a una centralina, a un’antenna che intercetta un segnale e lo decodifica. Mente e cervello non sono la stessa cosa, anche se tendiamo a pensare che sia così. La mente sembra agire indipendentemente dal cervello così come un programmatore informatico agisce indipendentemente dal computer. Chi è il programmatore?

Tornando al cervello, l’emisfero sinistro è l’emisfero razionale, chiamato anche emisfero maschile, è analitico, matematico, addetto al linguaggio verbale, ricorda i nomi, giudica, è chiamato anche mente critica, serve per sopravvivere. È la mente logica, duale, separa e divide tutto in giusto o sbagliato, bene e male, pensa in modo ordinato, regolare e lineare, misura il tempo, è la parte che usiamo di più nel mondo occidentale. L’emisfero destro è invece quello femminile, creativo, visivo, ha funzioni non verbali, pensa per immagini, vede la Gestalt (il tutto), le forme, riconosce e ricorda i visi, è l’emisfero della musica e dell’umorismo. Questo emisfero è un maestro illimitato, mentre l’emisfero sinistro è il maestro che pone limiti. Alcune tradizioni collegano l’emisfero destro direttamente al cuore e lo collegano all’intuizione. Permette di cogliere direttamente l’unità, l’essenza delle cose, opera attraverso la simbologia, l’archetipo, è la mente artistica, la parte creativa e olistica del nostro cervello, è associativa e procede a ruota libera. Il genio intuitivo arriva in un lampo di comprensione. Possiamo definirlo un pacchetto di immagini, di informazioni, un regalo che arriva dall’alto, non è un pensiero o un ragionamento, è un dono.

Roger Wolcott Sperry, neuroscienziato statunitense, Premio Nobel nel 1981 per la medicina, nel suo lavoro sui cervelli divisi, disse:

la principale idea che emerge è che sembrano esistere due modalità di pensiero, una verbale e l’altra non verbale, rappresentate, in maniera piuttosto distinta nell’emisfero sinistro, e in quello destro rispettivamente, e che il nostro sistema di insegnamento, così come la scienza in generale, tende a trascurare la forma non verbale dell’intelletto. Ciò equivale a dire che la società esercita una discriminazione, nei confronti dell’emisfero destro.

Non solo la società, anche l’emisfero sinistro sembra boicottare il suo silenzioso gemello destro. Ai corsi di disegno insistiamo molto sull’importanza della stimolazione dell’emisfero destro attraverso esercizi specifici, la parte del cervello che si occupa della percezione visiva, spaziale, meditativa, tanto importante nella pratica dell’arte, ma la maggior parte degli allievi sembra ignorare e dimenticare rapidamente questo tipo di informazione. Perché?

Non possiamo non citare Albert Einstein, nella sua frase: “La mente intuitiva è un dono sacro e la mente razionale è un fedele servo. Noi abbiamo creato una società che onora il servo e ha dimenticato il dono”.

I due emisferi

Se dovessimo dare un ruolo sociale ai due emisferi, potremmo dire che l’emisfero sinistro è un ragioniere e l’emisfero destro un artista. Com’è possibile fare convivere i due professionisti all’interno degli stessi spazi? Uno necessita di un ufficio e l’altro di un laboratorio creativo. La mente razionale, il ragioniere, è spesso un soggetto invadente e chiacchierone. A chi non è capitato di conoscere qualcuno, che pur non essendo esperto in questioni creative, voglia comunque imporsi, prevaricando? Il ragioniere è quello che si cura dei dettagli, ha la capacità di leggere e capire la contabilità, che a sua volta permette di individuare i punti di forza e le debolezze di ogni impresa economica, valuta i pro e i contro, tende ad avere paura e ansia.

Ma per gli investimenti, ciò che viene definita la scienza del denaro, e che produce denaro, è necessario rivolgersi all’emisfero destro. Qui, nella parte creativa, sono infatti implicate le formule e le strategie legate all’intuizione. I grandi ricchi vengono definiti infatti maghi della finanza, il mago è l’artista, colui che compie magie usando il potere dell’intuizione.

L’artista è la mente creativa, taciturna, silenziosa, timida, che sa produrre idee geniali, spesso difficili da udire, per questo spesso viene ignorata. Non dà voce alle sue opinioni, come la maggior parte dei bambini, proprio perché la maggior parte delle volte non vengono ascoltati o presi sul serio. Dall’altra parte abbiamo la pettegola mente critica, che deve sempre questionare su argomenti meschini, persino prima di conversare con un bambino, cosa che fa raramente e malvolentieri. Chi di noi non conosce qualcuno che potrebbe risolverci molte questioni e che se ne sta zitto, solo perché c’è il solito chiacchierone invadente che non lo lascia parlare?

Un’altra immagine efficace potrebbe essere quella del cane e del gatto, che convivono nello stesso ambiente. A volte sono in conflitto, ma non è raro vederli anche amici. Questo è il nostro obiettivo. L’emisfero sinistro, il cane, il fedele servo, controlla, fa la guardia, protegge il territorio e abbaia rumorosamente per richiamare l’attenzione del padrone di casa. Spesso abbaia inutilmente, anche solo per attirare l’attenzione, per noia o per fame. Il gatto è maestro zen per presenza e attenzione a ciò che gli accade intorno, accetta condizioni in cui serve pazienza e adotta tecniche di ragionamento che favoriscono la creatività. Il gatto rompe gli schemi, spesso giocando.

La mente logica è prepotente e difficile da ignorare, anche perché le abbiamo dato molto potere, molta energia. Più avanti vedremo come utilizzare al meglio la nostra parte creativa con tecniche specifiche. L’emisfero sinistro, il fedele servo, serve a formulare la domanda, quello destro ci dona la risposta, attraverso l’intuizione.

L’emisfero razionale, tra le altre caratteristiche che abbiamo elencato, misura il tempo, a tutti noi è capitato di guardare l’orologio e pensare che il tempo non passi più, per esempio quando si fa un’attività noiosa, come alcune lezioni scolastiche in cui gli ultimi dieci minuti, durano un’ora. L’emisfero destro, invece, è atemporale, non misura il tempo. Gli artisti sanno bene che il tempo vola quando si dipinge intensamente o si disegna, così come volano le vacanze, le ferie e tutte le attività di divertimento, di scoperta ed esperienza. Quando ci dedichiamo a una qualsiasi arte, quando balliamo, quando giochiamo, quando siamo innamorati, cioè quando predomina nettamente l’emisfero destro sul sinistro, il tempo consueto inizia a dissolversi e vola.

Come possiamo fare per migliorare l’uso del cervello? Il cervello, come un muscolo, può essere allenato ed è sufficiente potenziare l’uso di un emisfero per ottenere i cambiamenti che desideriamo. Il cervello umano è il più grandioso computer che sia mai stato creato e noi lo usiamo meno di un decimo. L’evoluzione ci dice che se non lo usiamo, lo perdiamo, come lasciò scritto anche Leonardo nel Codice Atlantico: “Siccome il ferro si arrugginisce senza esercizio e l’acqua si putrefà e nel freddo s’agghiaccia, così l’ingegno senza esercizio si guasta”.

Per scoprire il nostro emisfero dominante con un facile test, possiamo unire i palmi delle mani, intrecciando le dita, in maniera che vadano a toccare il dorso della mano opposta. Osserviamo i pollici, se il pollice sinistro è sopra il destro, significa che il nostro emisfero dominante è il sinistro, se il pollice destro è sopra il sinistro significa che il nostro emisfero dominante è il destro e siamo naturalmente predisposti a essere più creativi.

Data di Pubblicazione: 12 maggio 2020

Lascia un commento su questo articolo

Caricamento in Corso...