La Storia di Martina: Le Cause e gli Effetti delle Ferite da Abbandono

Anteprima del libro "Disinnescare la Bomba" di Daniel Dufour

La ferita da abbandono di Martine

La storia che state per leggere illustra quali effetti devastanti la ferita da abbandono possa avere su una persona e sulla sua vita affettiva.

Martine ha cinquant’anni. Qualche mese fa si è separata dal marito, dal quale ha avuto un figlio che ora ha otto anni. Non ha mai conosciuto suo padre, ma è stata adottata dall’uomo che ha sposato sua madre quando era incinta di lei. La madre si rifiuta ostinatamente di darle qualunque informazione utile per ritrovare suo padre. Martine ha saputo soltanto molto tardi come sono andate le cose. Quando era adolescente interrogava spesso la madre sulla sua origine, perché intuiva (e in fondo sapeva) di non appartenere alla stessa famiglia del fratello e della sorella. Sentiva di essere diversa, senza capire il perché. È stato allora che i suoi genitori le hanno rivelato quello che era successo e il fatto che fosse stata in un certo senso “adottata”.

Da sempre, Martine ha sentito che il padre adottivo nutriva per lei un affetto profondo, mentre la madre aveva nei suoi confronti un atteggiamento distaccato unito a una certa durezza. Ciononostante non reputa di essere stata abbandonata, perché è sempre stata accudita fin dalla nascita e ha ricevuto dai suoi genitori affetto e una buona educazione. Ha un fratello e una sorella minori e ha con loro un buon rapporto, anche se vede raramente il fratello, che si è allontanato dalla famiglia.

Il rapporto con la giovinezza

Dopo aver trascorso una giovinezza senza problemi e aver terminato gli studi universitari, Martine si innamora di un ragazzo e va a vivere con lui senza sposarsi, cosa contraria all educazione borghese che ha ricevuto. Nascono due figli, poi la coppia si separa perché, spiega, «eravamo giovani e forse due buoni amici più che due persone che desiderassero veramente costruirsi un futuro insieme». In seguito aggiunge che aveva incontrato un uomo molto più grande di lei di cui si era innamorata e che questo incontro le aveva aperto gli occhi su quello che le mancava nel suo rapporto di coppia: un autentico impegno a costruire una vita a due. La separazione viene vissuta bene e Martine mantiene un rapporto d’amicizia con il suo ex, nonostante il fatto che l'educazione dei due figli ricada in massima parte su di lei, anche dal punto di vista economico.

Dopo un periodo di solitudine, si innamora perdutamente di un uomo e lascia il suo paese per stargli accanto, il che crea dei problemi per quanto riguarda la custodia dei bambini. A distanza di pochi mesi, quando lui manifesta il desiderio di sposarla e di avere un figlio da lei, Martine lo lascia, perché si rende conto che il suo amore non è commisurato a quanto lui le propone.

Qualche tempo dopo incontra un altro uomo single, figlio unico, che le fa una corte serrata e riesce a convincerla a sposarlo e ad avere un figlio. Solo diversi anni dopo lei si renderà conto che il desiderio di avere un altro figlio non le apparteneva, ma che ha ceduto per amore di quell’uomo. Dopo la nascita del bambino, però, suo marito comincia a mostrarsi sempre più distante. Sulle prime Martine lo attribuisce ai cambiamenti che l’arrivo di un figlio porta inevitabilmente con sé, ma con il tempo realizza che il marito la tiene a distanza sia fisicamente sia emotivamente. Si ritrova così a trascorrere le vacanze da sola con i figli mentre il marito è spesso lontano da casa, benché il suo lavoro non richieda così tanti spostamenti. Martine passa gran parte del suo tempo con il bambino o con gli altri figli che studiano all’estero, e svolge un lavoro molto impegnativo che le causa parecchio stress.

Le recriminazioni del marito si fanno sempre più frequenti, la attacca di continuo e non tollera il fatto che lei non sia sempre presente nei rari momenti che lui dedica alla famiglia. Martine intuisce confusamente che qualcosa non funziona più tra loro e che l’atteggiamento del marito è «davvero odioso». Lui è particolarmente abile nel farla passare per una persona instabile presso i loro amici, con il risultato che lei si sente sempre più isolata e si rifugia ancor di più nel lavoro. Ciononostante resiste, perché non vuole ritrovarsi da sola. In effetti è spaventata all’idea di vivere con il bambino in una città che non è la sua, in un paese straniero poco ospitale e in un ambiente molto chiuso.

Questa situazione va avanti per più di tre anni senza che il rapporto di Martine con il marito migliori, finché un giorno lei scopre che lui ha da qualche mese una relazione con un’altra donna. In un primo tempo lui nega il tradimento, ma poi lo ammette e ne addossa la responsabilità a Martine stessa. La separazione diventa allora ufficiale e Martine si ritrova da sola con il figlio, che trascorre regolarmente del tempo insieme al padre. Perde parecchio peso, si lancia ancor più a capofitto nel lavoro e inizia ad assumere degli antidepressivi su consiglio del suo medico.

Avvia le pratiche per il divorzio, al quale il marito sulle prime si oppone, per poi attribuire a lei la colpa del fallimento del loro matrimonio. Martine inizia allora a capire di aver vissuto con un perverso narcisista, ma fa molta fatica ad ammetterlo. Si convince di non valere nulla e di non saper gestire i suoi rapporti con gli uomini, arrivando a rimettere in discussione la sua capacità di amare e di essere amata. (Si tratta di una reazione che si riscontra molto frequentemente nelle vittime di un perverso narcisista, in quanto quest’ultimo è assai abile nel far credere all’altra persona di avere un problema e addirittura di costituire il problema, quando invece la parte in causa è lui.)

Il rapporto con l'amore

Martine non riesce ad accettare di essersi potuta innamorare di un uomo tanto malvagio e distruttivo, e soffre molto per il fatto che lui le abbia mentito nascondendole la sua relazione. Si sente tradita, ovviamente, ma anche in un certo senso sporcata dal modo in cui lui l’ha trattata. Ha l’impressione di essere stata abbandonata, tanto più che questa volta, contrariamente al passato, desiderava portare avanti la relazione benché fosse insoddisfacente, anziché troncare come aveva fatto fino ad allora. Tuttavia non spinge oltre la sua analisi introspettiva, poiché non ne ha né il tempo né un autentico desiderio.

Martine non manifesta alcuna emozione, tranne un po’ di tristezza e qualche lacrima di tanto in tanto, «perché nella vita bisogna saper essere forti» afferma. Benché sia molto stanca e stressata, fisicamente sembra reggere bene, anche grazie agli antidepressivi. Riesce a far fronte a tutti i suoi impegni, sia nel lavoro (anche se ogni tanto si lascia andare a qualche accesso di collera, che i suoi colleghi giustificano attribuendolo al fatto che proviene da un paese dove la gente è molto meno controllata!) sia nella vita sociale e familiare. Parallelamente, il rapporto con la madre si fa sempre più teso, dal momento che quest’ultima continua a rifiutarsi di rivelarle quello che sa a proposito del suo vero padre.

Questa situazione va avanti per circa due anni, fino a quando Martine incontra un uomo di una decina d’anni più vecchio di lei. È separato da tempo e dichiara di aver vissuto fino in fondo la propria libertà, anche se le confessa che ora è stanco di sfarfalleggiare come ha fatto finora. L’attrazione reciproca è forte. Martine intraprende una relazione con lui desiderando e temendo al tempo stesso la sua compagnia, per paura di legarsi troppo a un uomo incostante. Cerca quindi di mantenere il più possibile il controllo di se stessa e della relazione, il che significa che alterna momenti in cui si lascia andare ai suoi desideri ad altri in cui rimprovera all’uomo tutto e il contrario di tutto. Si rende conto dell’evidente incoerenza del suo comportamento, ma non può fare a meno di agire così. Desidererebbe andare con lui al ristorante o in altri luoghi pubblici, ma non vuole che l’ex marito lo venga a sapere perché teme che ciò renderebbe ancora più complicata la pratica di divorzio, che già sta andando per le lunghe.

Martine è in crisi anche sul piano sessuale, benché pretenda dall’uomo che frequenta un’intesa perfetta in questo campo. Sostiene di non essere gelosa e gli dice che può tranquillamente intrattenere altre relazioni d’amicizia, salvo poi reagire vivamente se lui esce a cena con un’altra. Dopo essersi lasciata andare a momenti di condivisione che fanno bene a entrambi e che rafforzano il loro legame, Martine diventa improvvisamente dura, fredda e distante invocando un qualsiasi pretesto. Insomma, continua a fare due passi avanti e tre indietro e a sottoporre il suo compagno a continue docce scozzesi, rimproverandolo di non ricambiare i suoi sentimenti o dichiarando di amarlo per poi dire il contrario. La relazione prosegue, nonostante tutto, e anzi si rafforza, perché l’uomo capisce di trovarsi di fronte a una persona che soffre per aver subito un abbandono nell’infanzia e per essere poi stata vittima di un narcisista, e le perdona un atteggiamento di rifiuto che pure sopporta a fatica.

Il rapporto con il cibo

Martine intanto si nutre in modo scorretto e irregolare, ma non accetta che le si dica che il suo rapporto con il cibo rasenta l’anoressia, e soffre di forti attacchi di panico e di una grave costipazione. Capisce che il suo corpo sta cercando di dirle qualcosa attraverso questi segnali, ma non fa nulla per porvi rimedio. Questo crea inevitabilmente forti tensioni nel suo rapporto con il compagno, il quale comincia a dare segni d’insofferenza. Martine si rende conto che il suo comportamento è a volte incoerente, tuttavia è convinta di non poterci fare nulla e pensa che in ogni caso, essendo una donna di cinquant’anni libera e indipendente, ha il diritto di essere quella che è e di comportarsi come vuole.

Poiché però, allo stesso tempo, capisce che se continua così il suo compagno finirà per lasciarla o per perdere interesse nei suoi confronti, si dice che non deve assolutamente legarsi a lui, «tanto più che non è divorziato, ma soltanto separato». Si tratta di una questione che l’uomo ha già affrontato, spiegandole il motivo del mancato divorzio e assicurandole che quello che ancora lo lega alla sua ex moglie non è nulla di più di un’amicizia, ma per Martine questo significa invece che lui non ha ancora chiuso definitivamente i conti con il suo passato e le fornisce una ragione “oggettiva” per non abbandonarsi al loro rapporto. Che cosa prova? Una leggera irritazione, ma certamente non rabbia né tristezza. È persuasa che si sta comportando nel modo giusto e che così facendo eviterà di soffrire troppo nel caso in cui la loro relazione finisse.

Alcuni mesi dopo, nel momento in cui la sua pratica di divorzio si è finalmente conclusa, Martine si rende conto di non amare quell’uomo con cui ha una relazione ormai da due anni e gli comunica la sua decisione di troncare, senza aggiungere spiegazioni! Lui è sorpreso da un annuncio così brutale, ma dopo aver invano tentato di parlare con Martine, che rifiuta categoricamente qualunque scambio di opinioni, decide di accettare la rottura e non si fa più vivo. Lei ne è sconvolta e, durante una conversazione telefonica, lo accusa di non aver lottato per farla rimanere con sé, «il che dimostra che non ci teneva davvero a me» mi dice...

A questo punto Martine decide di dedicarsi esclusivamente al figlio e alla carriera, «che mi danno gioia e felicità, mentre una relazione affettiva non può che causarmi sofferenza»! Non manifesta alcuna emozione (del resto qualunque sentimento verrebbe mascherato dall’assunzione di antidepressivi) e si butta ancor più nel lavoro e nell’educazione dei suoi tre figli. Continua ad avere forti attacchi di panico e svenimenti causati dalla fatica, a suo dire, oltre a dimenticarsi di mangiare e a soffrire costantemente di una grave costipazione.

Martine non ha voluto spingersi oltre nella ricerca di qualcosa che avrebbe potuto darle sollievo e guarirla dalla sua ferita. È la sua scelta, e dobbiamo rispettarla.

Questo testo è estratto dal libro "Disinnescare la Bomba".

Logo Giardino dei Libri

Articoli Correlati

Disinnescare la Bomba

Disinnescare la Bomba

Gli effetti della ferita da abbandono sulla coppia

Di Daniel Dufour

Questo libro ci propone semplici ed efficaci percorsi di riflessione ed esercizi che da un lato ci riconducono alla nostra dimensione più intima e dall’altro ci fanno scoprire la chiave di una vita amorosa autentica e serena. Perché vi sono coppie che paiono destinate a frequenti deflagrazioni emotive? La risposta a questo interrogativo è parecchio più complessa di quanto parrebbe a prima vista. Molti di noi sono portatori inconsci, fin...

€ 12,75 Invece di € 15,00 Sconto 15%

  Più informazioni su Disinnescare la Bomba

Torna su
Caricamento in Corso...