SELF-HELP E PSICOLOGIA

Come i rituali quotidiani possono cambiarti la vita

21 Rituali per Cambiare la Tua Vita

Scopri come ogni azione che compiamo ha un impatto sui nostri pensieri e infonde loro il potere di creare una vita di infinite possibilità.

Noi siamo ciò che facciamo ripetutamente.

Qualche anno fa mi capitò di vedere in tv un affascinante esperimento psicologico, sotto forma di gioco, condotto dal geniale illusionista e ipnotista Derren Brown. Alcune persone erano state messe in una stanza ed era stato detto loro che la serratura della porta si sarebbe aperta solo se fossero riuscite a decifrare una serie di indizi. L’esperimento iniziò e tutti quanti concentrarono le loro energie sulla risoluzione delle varie prove - sequenze numeriche, esercizi logici e di memoria e così via — ma senza riuscirci. Quando il tempo a disposizione scadde, fu fatto un annuncio: ciascuno degli indizi forniti ai partecipanti per permettere loro di aprire la porta era in realtà totalmente insensato e impossibile da decifrare, mentre la serratura era stata sbloccata pochi minuti dopo l’inizio dell’esperimento. Nessuna tra le persone presenti nella stanza aveva pensato di controllare se la porta fosse effettivamente chiusa. Tutti avevano dato per scontato che lo fosse. Ciascuno di loro avrebbe potuto semplicemente aprire la porta e uscire, in qualsiasi momento!

In breve, è questo il nocciolo di questo libro. Esiste un modo incredibilmente semplice per cambiare in meglio le nostre vite, ma molti di noi non ci hanno fatto caso perché è troppo ovvio, troppo lampante. Diamo per scontato che non sia possibile controllare la nostra vita, oppure che possiamo cambiarla modificando il nostro modo di pensare, ma la via più elementare e più efficace per migliorare le nostre vite è cambiare ciò che facciamo ripetutamente ogni giorno. A cominciare da oggi.

La maggior parte di noi non ha la più pallida idea del fatto che ciò che facciamo ripetutamente crea la nostra realtà quotidiana. Pensiamo che il nostro futuro sia plasmato da grandi eventi, dalle decisioni che prendiamo, dai nostri pensieri e dalle opinioni degli altri, ma questo libro ti mostrerà che la chiave che può aprirti tutte le porte sono le tue azioni quotidiane. Presta molta attenzione a ciò che fai davvero ogni giorno e vedrai la tua vita trasformarsi.

Spesso anche quelli tra noi che sono consapevoli dell’impatto che i comportamenti quotidiani possono avere sul nostro benessere e la nostra realizzazione non riescono a comprendere appieno il loro potere di cambiarci la vita. Sappiamo che alcune cose, come tenere un diario o respirare profondamente, possono farci sentire meglio, ma non capiamo esattamente il perché. Qualcuno ci dice di esercitarci a esprimere gratitudine, qualcun altro ci suggerisce di meditare, altri ancora offrono approcci e raccomandazioni diverse, ma chi ha ragione? Tutti questi consigli sembrano vaghi e scollegati l’uno dall’altro e, nel migliore dei casi, funzionano solo di tanto in tanto. Nonostante le nostre buone intenzioni, le nostre vite rimangono sostanzialmente uguali a prima.

Se un’azione viene ripetuta abbastanza spesso diventa un’abitudine, però questo libro non parla neppure di stabilire delle abitudini positive, perché una semplice abitudine non può connetterti al campo delle infinite possibilità, e dunque non può cambiare la tua vita. Le mie ricerche dimostrano che per attrarre amore, successo e felicità le nostre azioni quotidiane devono essere permeate da un senso di sacralità, significato e potere: devono essere ritualizzate.

Se li praticherai per un minimo di 21 giorni, ciascuno dei rituali di questo libro cambierà sicuramente la tua vita per il meglio. Incorpora tutti i rituali nella tua quotidianità (la maggior parte di essi richiede solo pochi istanti) e noterai dei cambiamenti positivi. Questo libro ti dimostrerà che sei quello che fai. Non ti rimarrà alcun dubbio sul fatto che i tuoi rituali quotidiani hanno lo straordinario potere di cambiarti la vita.

Fare è essere

«Un rituale è per le scienze del mondo interno ciò che un esperimento è per le scienze del mondo esterno.»
Timothy Leary

Dovresti aver vissuto su un’isola deserta per non aver sentito parlare dell’idea che i nostri pensieri hanno il potere di creare la nostra realtà. Questa idea - resa immensamente popolare da The Secret, il bestseller di Rhonda Byrne - racchiude una profonda verità, ma presenta anche un serio problema. Il pensiero positivo ha mai davvero funzionato per te?

Hai ripetuto diligentemente le tue asserzioni, ti sei sbarazzato di tutti i pensieri negativi e hai inviato all’universo i tuoi desideri e richieste, però la tua vita non è migliorata né cambiata. E così? Sii sincero: questa mancanza di risultati non ti ha fatto venire dubbi sull’effettivo funzionamento del pensiero positivo?

La maggior parte di noi comprende l’importanza del pensiero positivo e il principio per cui “il simile attrae il simile”. Cerchiamo di tenere sotto controllo quella vocina nella nostra testa e di trasformare il negativo in positivo, ma in realtà non importa quanto siano positivi i tuoi pensieri se questa positività non ha un impatto sulla tua routine quotidiana. A costo di ripetermi: è ciò che fai concretamente della tua vita, non ciò che pensi della tua vita, ad avere il potere di trasformarla.

Quando intrapresi la carriera di scrittrice, ero accanitamente positiva. Nella mia mente, mi vedevo firmare un contratto dopo l’altro, immaginavo di scrivere libri che avrebbero ispirato i lettori. Nei fatti, passavo le mie giornate a scrivere di argomenti di cui non ero convinta fino in fondo, e il risultato fu che nessuno fu convinto fino in fondo da quello che scrivevo. In effetti mi ci è voluta una ventina d’anni per arrivare a capire una cosa ovvia: dovevo cominciare a fare quello a cui pensavo. Dovevo scrivere di argomenti che amavo, e non di ciò che altre persone ritenevano mi dovessi occupare. Il risultato? Due bestseller entrati nella top ten del «Sunday Times».

L'anello mancante

«Un rituale quotidiano è un modo per dire "voto per me, mi prendo cura di me".»
Mariel Hemingway

Sì, i pensieri creano la realtà ed esiste un potere invisibile nell’universo a cui possiamo attingere con i nostri pensieri per curarci e prosperare. Comprendere questo fondamentale concetto spirituale rappresenta, però, solo una metà dell’equazione “attrai il successo nella tua vita”. L’altra metà è altrettanto importante, ma viene trascurata perché è troppo ovvia. L’anello mancante, qui, è che le nostre azioni quotidiane devono essere positive e vitali quanto i nostri pensieri. Ciò che facciamo deve riflettere ciò che pensiamo. Le nostre azioni devono attrarre cose buone nella nostra vita tanto quanto i nostri pensieri.

Recenti ricerche svolte presso l’Università della California mostrano che il nostro cervello è guidato dalle nostre azioni, perciò probabilmente le tue azioni quotidiane dovrebbero essere il primo punto da cui cominciare: se sono positive, i tuoi pensieri lo saranno di conseguenza. Ricorda: “sei ciò che pensi” è solo una parte della storia, perché sei anche ciò che fai ripetutamente.

Per i prossimi 21 giorni avrai la rara opportunità di trasformare completamente la tua esistenza e attrarre cose buone nella tua vita - siano esse l’amore, il denaro, il successo, una salute migliore o la pace interiore - apportando dei semplici cambiamenti alla tua routine di ogni giorno.

Prendi me, per esempio: un po’ di tempo fa mi sentivo “data per scontata” e non pienamente apprezzata. Continuavo a sorridere e ad aiutare gli altri, facendo sempre uno sforzo in più, ma in cambio non mi sentivo rispettata. Poi presi la decisione di dedicare qualche minuto ogni giorno a tenere un diario della gratitudine e concentrarmi veramente sul concetto di sentirsi riconoscenti. Nel giro di tre settimane, notai che mi sembrava che l’atteggiamento di tutti nei miei confronti fosse cambiato. Le persone avevano cominciato a sorridermi, i miei figli si erano messi a dare una mano in casa (senza che gliel’avessi chiesto) e il mio editor mi aveva sorpresa mandandomi un mazzo di fiori per la pubblicazione di uno dei miei libri.

La stessa cosa accadde per la mia salute. Non mi ammalo spesso, ma quando mi capita non posso fare a meno di pensare di aver fallito in qualcosa, e che quei pensieri negativi abbiano abbassato le mie difese immunitarie. L’anno scorso mi presi un terribile raffreddore e tutti, a cominciare dal mio medico, mi dissero che mi avrebbe messa fuori combattimento per almeno due settimane. Trascorsi i primi giorni cercando di portare avanti la mia solita routine, dicendomi che potevo combattere il raffreddore e sentirmi meglio. Peggiorai. A quel punto smisi di ripetermi che sarei guarita presto e, invece, passai all’azione. Decisi di prendermi una settimana completamente senza lavoro, per dare modo al mio corpo e alla mia mente di guarire. Staccai il telefono, mi concessi il lusso di un po’ di pace e silenzio, e mi rimisi completamente nel giro di tre giorni.

Il potere del verbo fare

«Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo.»
Mahatma Gandhi

I 21 rituali presentati in questo libro, che dovrebbero essere messi in pratica per un minimo di 21 giorni (più avanti spiegherò meglio l’importanza di questo numero magico, il 21), ti dimostreranno che le azioni parlano più forte dei pensieri o delle parole, quando si tratta di attrarre successo e felicità nella nostra vita. Ti dimostreranno ciò che scienziati e psicologi di tutto il mondo hanno scoperto nel corso degli ultimi decenni: che c’è molto più potere nel verbo “fare” che nel verbo “pensare”. Ogni azione che compiamo ha un impatto sui nostri pensieri e infonde loro il potere di creare una vita di infinite possibilità.

Tuttavia, per attingere a queste infinite possibilità devi prenderti un impegno nei confronti dei rituali. Non puoi essere tiepido, poco convinto, e metterli in pratica solo quando ti va o quando te ne ricordi. Dopotutto, chi vorrebbe aiutare qualcuno che è tiepido e poco convinto? Per esempio, non faresti il tifo per un corridore che continua a mollare le gare a metà. Eppure molti di noi cercano di cambiare le proprie routine quotidiane in questo modo. Perché mai l’universo dovrebbe risponderci?

Non solo questo libro ti spiegherà il potere del verbo “fare” di cambiarti la vita, ma eseguire i rituali ti dimostrerà anche che sono le azioni, piuttosto che i pensieri, a portare l’universo dalla tua parte. Imparerai che comprendere il significato di un rituale e metterlo in pratica attrarrà ogni sorta di cose meravigliose nella tua vita. Potresti anche riuscire a sbarazzarti di quei dubbi assillanti che ti suggeriscono che in te c’è qualcosa che non va, anche se non sai esattamente cosa. Semplicemente, saprai che sei responsabile della tua vita e di ciò che accade in essa.

Non c’è stato un momento preciso in cui mi sono resa conto improvvisamente che tutti i libri, gli esercizi e i mantra sul pensiero positivo e la legge dell’attrazione, da cui sono stata affascinata per la maggior parte della mia vita adulta, non stavano funzionando. Oggi so che è la filosofia del “fallo e basta” a portare nella mia vita tutto ciò che ho sempre sognato.

Per anni mi ero impegnata ad apportare piccoli cambiamenti alla mia vita e avevo cominciato a vedere dei risultati positivi, ma il momento in cui mi convinsi veramente che le azioni parlano più forte delle parole fu quello che definirei come una e vera e propria svolta. Nei miei libri parlo spesso dell’importanza di volerci bene, se vogliamo avere successo e felicità. Spesso raccomando alcuni esercizi e mantra. Poi, un giorno, Kim, la mia assistente, mi suggerì di iniziare a postare sulla mia pagina Facebook dei brevi video sul mio lavoro di scrittrice. Essendo stata per tanti anni un’autrice “invisibile”, ero assolutamente terrorizzata dall’idea di espormi in pubblico. Provai a girare qualche video di prova col mio telefonino, ma mi sembrava che nessuno di essi funzionasse. Kim continuava a chiedermi di mandargliene almeno uno ma io trovavo sempre delle scuse e le dicevo che mi serviva più tempo per pensarci su. Non mi serviva più tempo. La verità è che ero preoccupata di come sarei stata percepita. Alla fine, Kim mi disse che dovevo decidermi a postare un video, per cominciare, e che evidentemente non mi volevo abbastanza bene e non credevo abbastanza in me stessa. Non stavo vivendo il messaggio che rivolgevo agli altri.

Quelle parole mi bruciarono parecchio, perché Kim aveva ragione. Dovevo solo buttarmi, cominciare a postare un video e volermi abbastanza bene da non prenderla sul personale se avessi ricevuto delle reazioni negative. Così, prima di registrare il mio primo breve messaggio, mi dissi che volevo bene alla persona che sono e che non importava che cosa avrebbero pensato gli altri, quale impressione avrebbero avuto. Sorrisi all’obiettivo, mi scattai un selfie e mi dissi, con tutta la convinzione di cui ero capace: «Ti voglio bene». Poi registrai un breve video e lo postai. La reazione del pubblico online fu incoraggiante. Nelle settimane successive replicai lo stesso rituale di “amore per me stessa” prima di realizzare ogni nuovo video. Il numero di visualizzazioni cominciò a crescere sempre più (uno dei miei video arrivò a centotrentamila visualizzazioni nel giro di una notte, senza neanche un commento negativo), e così la mia fiducia in me stessa crebbe. Fu stupefacente. Mi resi conto che tutti gli anni che avevo passato a ripetermi che dovevo volermi più bene non erano serviti a convincere l’universo. Avevo bisogno di dimostrare all’universo - o meglio di scandire esplicitamente con le mie azioni - che ero fiera di me stessa.

Da allora ho veramente compreso il potere che hanno i rituali di cambiarci la vita.

Data di Pubblicazione: 8 febbraio 2019

Caricamento in Corso...