SPIRITUALITÀ ED ESOTERISMO   |   Tempo di Lettura: 6 min

Come invocare gli Arcangeli

Come invocare gli Arcangeli

Scopri come creare le condizioni ideali per accogliere gli Arcangeli nel tuo spazio sacro leggendo l'anteprima del libro di Emanuela Giulietti.

Invocare gli Arcangeli

L’invocazione è una forma di preghiera che si manifesta attraverso una richiesta di intervento, di aiuto, di protezione o di guida rivolta alle divinità. Le invocazioni contenute in questo manuale hanno anzitutto lo scopo di creare le condizioni ideali per accogliere gli Arcangeli nel nostro spazio sacro e riuscire a sentire la loro amorevole presenza intorno a noi, nonché per chiedere l’intervento di questi meravigliosi Esseri di Luce nel realizzare tutti i nostri desideri.

Gli Arcangeli suggeriscono di recitare le invocazioni al mattino e alla sera e invitano a ripeterle ogni qualvolta se ne avverta il bisogno nel caso di un momento particolarmente difficile della nostra vita. La loro efficacia risiede in due fattori di fondamentale importanza: il primo è legato al potere della parola, la quale vibra di una propria energia interiore capace di trasformare la realtà; il secondo è connesso alla pura intenzione del nostro cuore, condizione imprescindibile per innalzare le nostre frequenze vibratorie e potersi così connettere più facilmente con il reame arcangelico. L’atto di invocare permette all’energia degli Arcangeli di manifestarsi in modo immediato prendendo in consegna le nostre volontà e operando affinché possano essere esaudite rispettando i modi e i tempi divini.

Predisporsi al contatto con gli Arcangeli

L’incontro con gli Arcangeli è caratterizzato da un confronto con la parte più intima di ciascuno di noi, quella in cui risiede la nostra essenza di creature spirituali e dalla concreta possibilità di agire attraverso questa parte per conoscere quella verità che si cela oltre la materia in cui è scritto il destino della nostra Anima. Si tratta di un incontro molto delicato e profondo che dona grandi emozioni e per questo è importante preparare il proprio corpo, la propria mente e il proprio spirito ad accogliere queste energie sottili e i loro doni così speciali. A questo proposito, prima di recitare un’invocazione, ritagliate del tempo per voi accertandovi di poter vivere il momento del contatto con gli Arcangeli in tutta tranquillità, senza essere disturbati così da evitare eventuali distrazioni provenienti dall’esterno (si consiglia di spegnere cellulari, TV, PC, ecc.).

A questo punto, sedetevi comodamente mantenendo la schiena in posizione eretta e la pianta dei piedi perfettamente aderente al pavimento per consentire una corretta connessione tra cielo e terra. Ora dedicate qualche minuto a liberare la mente dai vostri pensieri e a rilassare il corpo dalle tensioni accumulate durante la giornata. Portate l’attenzione sul vostro respiro per qualche minuto immaginando che ad ogni inspirazione una luce bianca entri dalle vostre narici, penetri in tutto il vostro corpo purificandolo completamente, andando a sciogliere qualsiasi blocco in esso presente e riportando il vostro stato di salute a livello ottimale e che, ad ogni espirazione, tutte le preoccupazioni, lo stress, la stanchezza e ogni forma di disagio lascino il vostro corpo sotto forma di un fumo grigio che fuoriesce dalla vostra bocca fino a visualizzare la luce bianca sia dentro che fuori di voi. In questo modo avrete raggiunto un senso di pace e di tranquillità interiore, vi sentirete bene e sarete in contatto con la vostra parte divina, pronti per incontrare l’Arcangelo che desiderate invocare lasciando che si manifesti a voi in tutta la sua bellezza.

Preparare il proprio spazio sacro

Lo spazio sacro è quell’ambiente “protetto” in cui avrà luogo il vostro incontro con gli Angeli. Scegliete uno spazio della vostra casa (preferibilmente dotato di un tavolino su cui disporre gli strumenti da utilizzare per renderlo caloroso ed accogliente e una sedia, o una poltrona, ove sedervi durante la recita delle invocazioni) e adornatelo con gli oggetti appartenenti all’Arcangelo da invocare.

Di seguito un elenco degli oggetti che dovrete procurarvi per allestire lo spazio sacro e che serviranno ad innalzare le sue vibrazioni agevolando la comunicazione con gli Esseri di Luce.

  • Una candela il cui colore varierà in base all’Arcangelo che vorrete invocare; serve per creare un legame con il divino aprendo un varco tra il mondo terreno e quello spirituale;
  • Una pietra associata all’Arcangelo di riferimento (prima di utilizzare la pietra è necessario purificarla liberandola dalle vecchie energie. Lasciatela sotto l’acqua corrente per circa 4-5 minuti; successivamente prendetela nella vostra mano sinistra, invocate l’Arcangelo chiedendogli di caricarla con la sua energia; a questo punto sarà pronta per essere utilizzata.) da tenere nella vostra mano ricettiva, serve per lasciare agire la sua energia su di voi;
  • Incenso in bastoncini, in grani, semi o miscele la cui accensione o bruciatura è utile ad aprire lo spirito e a renderlo disponibile all’incontro con le forze arcangeliche, nonché ricettivo ad accogliere le risposte che desideriamo ricevere;
  • Un fiore (preferibilmente fresco) come strumento di divinazione, la cui specifica energia condivide le stesse caratteristiche di quelle dell’Arcangelo al quale è abbinato; questo connubio consente di creare una sinergia energetica che genera armonia a livello spirituale;
  • Oli Essenziali (si consiglia vivamente l’impiego di O.E. che siano naturali, puri al 100% e biologici). Le modalità di utilizzo degli O.E., suggerite in questo contesto, sono:
    - Inalazione secca, mettendo 2-3 gocce di O.E. su un fazzoletto di cotone o di carta, evitando quelli profumati o che abbiano un odore particolare, da annusare a più riprese durante la giornata per armonizzare gli stati psichici emozionali e spirituali;
    - Diffusione ambientale, attraverso diffusori elettrici o a candela (chiamati anche “lampade per aromi”) si diffondono le essenze nella stanza. Un buon diffusore deve avere la coppa abbastanza capiente in modo che la quantità di acqua contenuta in essa non si esaurisca troppo rapidamente. Per una stanza di medie dimensioni di solito si versano nel diffusore 10-15 gocce di olio essenziale, ma la quantità può variare a seconda delle esigenze personali.

Nell’ambito dell’aromaterapia, si sfrutta l’informazione sottile contenuta nell’O.E. per ristabilire l’equilibrio energetico nella persona. Ogni O.E. possiede vibrazioni, proprietà e benefici unici, mentre la loro fragranza favorisce la cura dell’anima trascendendo il mondo materiale e aprendo le porte a quello spirituale. La scelta di uno specifico O.E. è legata alla sua corrispondenza con i doni dell’Arcangelo che vorrete invocare;

  • Un’immagine dell’Arcangelo da invocare come supporto alla visualizzazione della sua figura durante la recita delle invocazioni.

Data di Pubblicazione: 12 febbraio 2019


Torna su
Caricamento in Corso...