ARTICOLI VARI   |   Tempo di Lettura: 6 min

Come riconoscere i bisogni del tuo animale

Riconoscere i bisogni del tuo animale

Scopri quali sono i pericoli da evitare per il vostro cane o gatto in ambito domestico leggendo l'anteprima del libro di Sylvie Hampikian.

Profilo delle specie

Il cane pare essere stato addomesticato all'incirca 20.000 anni fa. A confronto, il gatto è una giovane recluta, giacché l'addomesticamento risalirebbe soltanto a 5000 anni or sono. Eppure, nonostante il peso di questi millenni di quotidianità condivisi con l'uomo, i nostri compagni hanno conservato tracce delle loro origini selvatiche. Un breve ritorno alle origini si rivela pertanto utile a capire certi loro bisogni e comportamenti.

Il cane e il gatto appartengono all'ordine dei carnivori, rispettivamente alle famiglie dei canidi e dei felidi. Attualmente sappiamo con certezza che il cane è un lupo addomesticato. Non si tratta dunque di una specie diversa dal lupo (Lupus), come credeva Linneo, bensì di una sottospecie (Canis lupus ssp. familiaris). Allo stato selvatico il cane è un predatore/saprofago diurno. Vive sul terreno, in una muta nella quale la gerarchia si basa sul rapporto dominante-dominato. L'importanza del territorio è secondaria, giacché la muta ha la tendenza a spostarsi.

Il gatto (Felis silvestris catus) dal canto suo è un predatore stretto, notturno, che si arrampica sugli alberi. Il gatto selvatico e quello inselvatichito vivono generalmente per conto loro, più raramente in colonie (con una gerarchia poco distinta). Il territorio è fondamentale per questa specie alquanto sedentaria, come testimonia l'istinto di marcatura, che consiste nel lasciare il proprio odore tramite uno spruzzo di urina o strofinando il pelame sugli elementi del territorio in questione.

Oggi pochi cani vivono in muta e ancor meno gatti si rifugiano sugli alberi. Per la maggior parte sono diventati i nostri animali da compagnia e condividono con noi la vita quotidiana. Tuttavia le condizioni di questa esistenza condivisa hanno le loro conseguenze sul benessere e sulla salute. Vediamole più in dettaglio nelle pagine seguenti.

Il cane

Habitat

Fin da quando arriva a casa vostra, sta a voi definire il territorio del cane, cioè fargli capire in quali luoghi può andare o non andare. Se vive tra le mura domestiche non ha bisogno di grandi sistemazioni: è sufficiente fare in modo che possa disporre di spazio a sufficienza per muoversi e prevedere un angolino tutto per lui, in disparte, dove potrà andare a dormire con calma. Può trattarsi per esempio di una cesta adatta alle sue dimensioni, con una copertina che laverete quando occorre. Se il vostro cane vive fuori e dorme in una cuccia, fate in modo che il luogo sia confortevole e protetto dall'umidità. Potete posizionarvi una lettiera di paglia per quando fa freddo, ma ricordatevi di cambiarla spesso.

Uscite e attività fisiche

Oltre alle uscite "igieniche", i cani di qualunque razza hanno bisogno di grandi passeggiate e di attività che li stimolino fisicamente e psichicamente. Questo anche per quelli che vivono in una casa con giardino: nel cane il bisogno di spazio e di incontri ha la meglio sul concetto di territorio. Alcuni disturbi del comportamento (animale che "si comporta male", si gratta in continuazione senza motivo apparente o addirittura si provoca mutilazioni) possono esprimere semplicemente che il vostro amico si annoia per mancanza di esercizio e di uscite. Qualche giocattolo e accessorio potranno distrarlo un po', ma non sostituiranno mai le attività all'aperto. I classici giochi da fare fuori (palla, bastone o altro oggetto da riportare) e lunghe passeggiate saranno sufficienti a soddisfarlo, rafforzando nel contempo il legame tra voi e lui. Potete altresì optare per attività sportive utili a entrambi (agility, canicross, slitta, pulka, sport acquatici ecc.), proposte da vari centri cinofili, club di cani di razza, educatori e così via. Dovrete informarvi presso gli specialisti di queste pratiche, per adattare l'alimentazione del vostro cane affinché sopperisca adeguatamente ai maggiori bisogni.

Il gatto

Habitat

Il gatto è un animale "territoriale" e accoglierlo vuol dire accettare di vivere... a casa sua! Poiché ama la tranquillità e dorme molto (due terzi del tempo), gradisce rifugiarsi nei luoghi più strampalati: sopra gli armadi, nei cassetti o nella cesta della biancheria. Potete tuttavia tentare di proporgli una cesta tutta per sé; alcuni gatti la adotteranno, altri la snobberanno con disprezzo.

Uscite e attività fisiche

Il gatto è piuttosto sedentario, quantunque ne esistano di gironzoloni e fuggitivi. Sia quel che sia, persino il micione più pacioso ha bisogno di muoversi per casa e di sentirsi libero; non chiudete le porte, niente lo infastidisce di più. Se avete un giardino, offritegli il lusso di una gattaiola. Un gatto in grado di uscire non ha bisogno di accessori: ha il tronco degli alberi per affilarsi le unghie, i piccoli animali per divertirsi (a loro spese), la terra per deporvi i suoi bisogni e l'erba per purgarsi. Per il gatto che vive esclusivamente in casa occorre trovare delle alternative, perché le sue esigenze sono le stesse. Prevedete un vecchio zerbino o un tiragraffi per le unghie, qualche giochino per distrarlo (della carta appallottolata o un tappo di sughero in genere sono sufficienti), una lettiera per i suoi bisogni e offritegli dell'erba per gatti di quando in quando.

Ambiente

Vivendo accanto all'uomo gli animali respirano la stessa aria e sono pertanto esposti come noi agli effetti dell'inquinamento, tanto più che si leccano il pelo, il cui sebo trattiene le sostanze inquinanti. Lo stesso dicasi per l'aria interna, che come si sa è spesso più inquinata di quella esterna. Per la salute di tutti quindi è inutile sovraccaricarli di prodotti potenzialmente tossici.

Fate attenzione alle sostanze tossiche

Un certo numero di componenti del nostro ambiente risulta tossico per gli animali, o perché questi rischiano di ingerirli oppure perché sono particolarmente sensibili agli effetti. Ecco un elenco di oggetti o di prodotti che occorre evitare di lasciare alla loro portata e di impiegare in loro presenza.

Alimenti

Non lasciate in giro sale da cucina, aglio crudo, uva passa, cioccolato, avocado (torneremo più avanti sui prodotti da evitare nella loro alimentazione).

Prodotti per il giardino

Quantunque i prodotti odierni (diserbanti, insetticidi, fungicidi) siano meno tossici rispetto ai veleni del passato, la loro ingestione rischia di provocare intossicazioni potenzialmente mortali, soprattutto nel gatto. Attenzione anche a certi prodotti biologici per il giardinaggio: panelli di ricino, pacciamatura e concimi a base di fave di cacao o decotti di tabacco sono tossici per cani e gatti.

Prodotti domestici

Attenzione a detersivi, smacchiatori, svernicianti, solventi, disgorganti, disinfettanti (inclusa la candeggina, il cui odore attira i gatti), carburanti, sale da disgelo e antigelo. Quest'ultimo, assai spesso a base di glicole etilenico, costituisce una delle cause più frequenti di intossicazione nel cane, perché si tratta di un prodotto dolce dall'odore gradevole.

Piante verdi

Attenzione alle aracee (dieffenbachia, filodendro, aro, spatifillo, anturio), il cui lattice è tossico, come pure ai mughetti primaverili, una delle prime cause di intossicazione vegetale nel gatto.

Data di Pubblicazione: 28 agosto 2019

Lascia un commento su questo articolo

Caricamento in Corso...