SALUTE E BENESSERE   |   Tempo di Lettura: 4 min

Cosa è la Biopsicoanalisi

Biopsicoanalisi

Anteprima del libro "La Biologia e il Senso della Malattia - Volume 2" di Gérard Athias

Quinto giorno

La biopsicoanalisi è una terapia che consiste nell'ascoltare il sintomo o i sintomi attraverso l'organo malato. Il messaggio dell'organo rinvierà alle profondità dell'inconscio. La biopsicoanalisi lavora principalmente sull'inconscio, a partire dalla fisiopatologia.

L’enfisema

Prendiamo per esempio l'enfisema.

L'enfisema è una malattia degli alveoli polmonari, caratterizzata dall'aumento di volume (dilatazione) degli alveoli con conseguente distruzione della loro parete elastica. Questo, durante la fase di espirazione, impedisce loro di liberarsi completamente dell'aria che contengono.

I tessuti che circondano gli alveoli perdono la loro elasticità e questi sacchi aeriferi non riescono più a gonfiarsi e a sgonfiarsi normalmente. Tale fenomeno riduce la quantità di ossigeno che i polmoni trasferiscono verso la circolazione sanguigna, il che rende più difficile la respirazione.

Il meccanismo fisiopatologico principale è una limitazione dell'espirazione, dovuta alla perdita della forza di retrazione elastica dei polmoni, che comporta una diminuzione della pressione motrice espiratoria e un aumento delle resistenze bronchiali.

Per prima cosa lavoreremo su questa elasticità e poi ci occuperemo dell'espirazione.

Quello che cercheremo è dunque una difficoltà riguardante l'elasticità e la capacità di adattamento dell'individuo. Per chi conosce l'omeopatia e le opere di Didier Grandgeorge, l'elasticità è legata al caucciù e alla Hura Brasiliensis. Il simbolismo di questo rimedio è connesso alla morte del figlio. Si cercherà quindi questo tipo di ricordo nella genealogia.

A proposito dell'espirazione, la biologia ci indica una pista legata a una forza centrifuga. Il simbolo legato a questa forza è il padre e perciò si cercheranno delle problematiche con il padre (per lo più connesse al suo decesso reale o "emozionale").

Il primo giorno della nostra vita è iniziato con un'inspirazione; l'ultimo giorno della nostra vita terminerà con un'espirazione. Simbolicamente, la respirazione rappresenta la vita: ogni inspirazione è una nascita simbolica e ogni espirazione è una morte. Dovremo quindi proseguire la nostra ricerca per capire in che modo la persona affetta da enfisema sia legata alla morte, al suo desiderio di vivere, ecc.

Il cancro della lingua: formazione della massa

Vi ho spiegato che il cancro è una soluzione e che in realtà ha una funzione. Il problema è che a un certo punto dovete andare oltre gli esempi. Bisogna comprendere tutto quello che è legato al simbolismo di una malattia. In un primo tempo sono costretto a farvi degli esempi, ma sappiate che sono solo degli esempi. L'esempio non è tutto.

La lingua è un muscolo flessibile. L'angoscia inconscia corrispettiva è la rovina. La rovina si ha, ad esempio, quando un orso vi dà una zampata e vi porta via una guancia, due braccia o la lingua.

Quando la mia lingua è in pericolo, il mio cervello cosa comprende? Che devo proteggerla. Creerà allora un "carapace" e questo carapace "può essere" quello che poi chiameremo un cancro della lingua.

La lingua così diventa più solida. A cosa risponde il mio cancro? Pericolo per la lingua; bisogna proteggere la lingua. E il cancro, in questo caso, si esprimerà formando una massa. Un guscio, come quello indossato dai giocatori di hockey. È come se mettessi un guscio alla lingua per evitare la sua rovina.

Il carcinoma secretorio: marcatori tumorali

Ci sono altri tipi di cancro il cui senso non sarà nella massa, ma nella funzione. Per esempio, ci sono dei cancri che hanno a che vedere con la funzione secretoria. Nel caso della tiroide, ci sono delle cellule che mutano, producendo più T3 e T4, quindi la malattia1 "non sarà più utile per la sua massa, ma per la sua funzione. Questo è molto interessante, perché in medicina si osserva il cancro attraverso dei marcatori tumorali. In alcuni cancri i marcatori tumorali non si muovono; non possono evolversi perché sono utili in rapporto alla massa.

Nel caso dei carcinomi secretori, i marcatori tumorali salgono in verticale. Cosa accadrà quando ci sarà una secrezione? I marcatori tumorali riveleranno lo stato di questa secrezione. Per farla semplice, ci saranno due tipi di cancro. Dei cancri che servono a secernere e dei cancri che servono a "proteggere". Nell'esempio del cancro alla lingua, la funzione non è secretoria, ma protettrice.

Sul piano della biopsicoanalisi, la parola è legata alla lingua. Vi farò adesso degli esempi di "innesco" del cancro della lingua.

muoiono di prognosi, mentre la diagnosi è molto importante. Il conflitto della prognosi è stressante.

Questo testo è estratto dal libro "La Biologia e il Senso della Malattia - Volume 2".

Data di Pubblicazione: 19 gennaio 2018


Torna su
Caricamento in Corso...