SPIRITUALITÀ ED ESOTERISMO   |   Tempo di Lettura: 8 min

Cristalloterapia e le Porte Emozionali

Cristalloterapia

Anteprima del libro "La Via Cristallina" di Simonetta Zoppo

Strumenti di riconnessione con il nostro Sé

I cristalli sono potenti strumenti di riconessione con il nostro Sé, con quella parte infinita e saggia del nostro essere che conosce la destinazione finale, e presagisce molteplici realtà potenziali da manifestare sul piano fisico per raggiungerla. Essi ci accompagnano lungo il sentiero evolutivo, mostrandoci il modo di affrontare il nostro viaggio. Ci aiutano a superare gli ostacoli e a disidentificarci dal nostro vissuto, consentendoci di continuare il nostro cammino con più leggerezza, lasciando indietro tutto ciò che ha raggiunto il suo scopo evolutivo.

Come angeli ci proteggono, stimolano il nostro coraggio, la nostra determinazione, la nostra volontà e l'autonomia. Ci aiutano a formare le nostre radici sulle quali si fonda il nostro sviluppo fisico, emotivo, psichico e spirituale. Costruiscono i nostri confini, equilibrano i nostri stati emozionali, calmano la mente, ci donano chiarezza e pace nel cuore. Ci aprono alla vita infondendoci la fiducia in essa, permettendoci di riconoscere la particolarità del nostro suono e di esprimerci come esseri autentici.

I cristalli ci spingono ad esplorare personali territori sconosciuti, a creare nuovi sentieri e ad abbattere le antiche rovine del nostro passato, dichiarando la guerra ai predatori dell’invisibile che rubano i nostri sogni, i nostri desideri, le nostre aspirazioni, la nostra creatività e i mille figli che avremmo potuto partorire, se solo fossimo stati più accorti a non consentire loro l’accesso.

I cristalli sono gli iniziati del mondo minerale

Sono quanto di più bello possa esistere di quel regno. I loro colori e le loro forme perfette ci donano, al solo guardarle, un senso di pace e di armonia.

I minerali sono definiti cristalli, quando raggiungono uno stato di coerenza grazie alla perfetta disposizione geometrica dei loro atomi.

Ogni atomo risuona alla medesima frequenza degli altri, creando un unico suono vibrazionale che si allinea con l’Energia Universale di cui diventano canali. Essi sono per noi un ponte attraverso il quale possiamo attingere con più facilità l’Energia Cosmica, che ci consentirà di riequilibrare il nostro sistema energetico, ripristinando la guarigione a tutti i livelli: fisico, emozionale, mentale e spirituale.

I cristalli ci permettono di purificarci profondamente, lasciando andare tutto quello che ingombra il nostro cammino evolutivo, consentendo ad aspetti nuovi di noi, di esistere nella nostra vita. Ci aiutano a riconoscere i nostri talenti affinché possano esprimersi in maniera consapevole. Rendono facile l’accesso alle regioni superiori del nostro essere, dove visione, intuizione, immaginazione e creatività, possono dare vita al nostro futuro. Sono in grado di ripristinare la frequenza vibrazionale naturale di una particolare zona del corpo e ci aiutano a prendere coscienza delle nostre risorse energetiche potenziali.

“La via cristallina” è composta da cinquantadue lame

Esse tracciano un percorso evolutivo, un sentiero di conoscenza che ogni essere umano deve intraprendere per rendersi consapevole di se stesso e della vita, realizzando il Proposito dell’Anima. Ognuna di esse offre al lettore la possibilità di scendere in profondità dentro di sé, per ricevere risposte ai propri quesiti e trovare gli strumenti necessari per procedere lungo il proprio cammino evolutivo. Lo invitano a creare nuovi mondi e nuovi modi di esistere ma soprattutto a riconoscere ciò che è chiamato ad essere e diventare, riscoprendo la sua nota originaria che partecipa all’Armonia della Vita.

Ciascuna carta è collegata ad un cristallo e ad un centro di energia specifico e descrive in forma poetico-letteraria le proprietà della pietra. Dodici sono le porte energetiche che si fanno canali della Luce Superiore, per risvegliare le potenzialità celate dell’essere umano, svelando la sua vera natura divina.

Porta dell’Anima della Terra

E il primo centro energetico transpersonale partendo dal basso. Esso si trova al di fuori del corpo fisico, al di sotto dei piedi, ed ha il compito di connettere l’essere umano con la Madre Terra e con il suo Cuore Cristallino, permettendo la manifestazione della Luce Superiore che proviene dalla Porta dello Spirito Infinito. Quando questo fuoco energetico è attivato, consentiamo alle potenzialità che vivono nel grembo del Divino, di mettere radici nella realtà. Sperimentiamo nel nostro corpo la discesa dell’energia spirituale divenendo co-creatori della vita. Siamo come mani che lavorano in perfetto allineamento con il Progetto Divino, e tutto quello che realizziamo, fluisce naturalmente senza sforzo. La Terra è il piano dimensionale attraverso il quale possiamo ancorare l’invisibile, aumentando il nostro potenziale energetico, collaborando all’ascesi del Pianeta e di tutta l’Umanità. Essa è il luogo dove avviene il processo di trasformazione e sublimazione della materia evolvendosi in complessità. Ogni essere vivente partecipa a questo dinamico sviluppo fissando, momento dopo momento, parte della propria infinitezza.

La carta associata alla Porta dell’Anima della Terra è: Ematite.

Porta della Radice

Situata alla base della colonna vertebrale, ha il compito di costruire le fondamenta su cui si basa il nostro sviluppo bio-psico-spirituale. Essa rappresenta la capacità di renderci reali manifestando le potenzialità sottese. Se le radici del Sé crescono sane, ci consentono di creare la stabilità e saldezza necessaria per affrontare gli esami che la vita ci offre, come opportunità per superare noi stessi. Ogni prova attraversata diventa un nuovo punto di forza, una risorsa sconosciuta che è stata resa manifesta. La fiducia che nasce dentro di noi ci spinge verso nuove avventure che ci aiuteranno a riconoscere e manifestare le nostre capacità.

Per intraprendere il viaggio della coscienza, però, abbiamo bisogno di delimitare la zona di interesse e focalizzare in dettaglio, ciò che intendiamo realizzare. Solo in questo modo, riusciremo a portare a termine i nostri progetti di vita, senza disperdere la nostra energia, e a rendere coerenti la mente e il corpo. L’attenzione che poniamo dentro e fuori di noi è il filo che collega centro e periferia. L’estremità esterna servirà per nutrirci di tutto quello che accresce la nostra consapevolezza, e quella interna, per metabolizzare solo ciò che è utile e prezioso per il nostro cammino, lasciando andare quello che ostacola il passaggio, a nuovi aspetti del nostro essere che possiamo integrare nella nostra realtà.

Le carte dei cristalli associate alla Porta della Radice sono:

Ferro Tigrato, Legno Fossile, Occhio di Falco, Ossidiana, Quarzo Fumé, Tormalina Nera.

Porta Emozionale

È situata nella parte inferiore dell’addome all’altezza del plesso sacrale. Con il secondo chakra la nostra coscienza, dapprima unitaria, si polarizza, dividendosi in Interno ed Esterno, Mente e Corpo, Maschile e Femminile, Spirito e Materia. In questa fase di sviluppo facciamo esperienza del mondo fuori di noi attraverso i cinque sensi. Andiamo incontro alla vita con il desiderio di esperirla in ogni suo aspetto, aprendoci ad essa con gioia, entusiasmo e passione. Impariamo ad essere centrati e presenti a noi stessi mentre la vita cambia, si muove e si trasforma. Riconosciamo le nostre emozioni e le esprimiamo con forza senza reprimerle, aprendoci fiduciosi all’esistenza per fluire con essa. Siamo in grado di entrare in profonda intimità con l’amato/a, per ritrovare l’unità perduta, mentre percepiamo la sacralità dei corpi che si congiungono l’un l’altro, provando l’intenso piacere di dare e ricevere. Il desiderio di conoscere ci induce a muoverci e ad esplorare l’ignoto senza sostare in qualche zona morta della psiche per timore di procedere, allontanandoci dal conosciuto. Lasciando andare il vissuto pregresso, ci apriamo al nuovo e creiamo un diverso modo di esistere. Accresciamo la nostra energia trasformandola in vita dinamica, che si muove libera da stereotipi penetrando profondamente la realtà. Perdiamo le difese che abbiamo costruito intorno a noi per proteggerci da ulteriori ferite e, lasciandole cadere, entriamo in contatto con il nucleo essenziale di noi stessi, con la nostra parte più autentica. Il riconoscerla getta ponti con l’esterno senza aver paura di esso.

Le carte dei cristalli associate alla Porta Emozionale sono: Corniola, Cuprite, Opale di Fuoco, Pietra del Sole, Pietra di Luna, Rubino.

Questo testo è estratto dal libro "La Via Cristallina".

Data di Pubblicazione: 25 gennaio 2018


Torna su
Caricamento in Corso...