SELF-HELP E PSICOLOGIA   |   Tempo di Lettura: 8 min

Scopri i Pilastri Fondamentali che Reggono la Tua Energia

energia-prestazione

Anteprima del libro "Le Abitudini per l'Alta Prestazione" di Brendon Burchard

I pilastri della energia

“L’energia è delizia eterna.”
William Blake

Come potrete immaginare, il successo richiede moltissima energia nel lungo periodo. Le persone con alte prestazioni sono dotate della magica tripletta di Energia con la “E” maiuscola - quella di tipo olistico, che include la vivacità mentale, fisica ed emotiva, positiva e duratura. È il motore che li aiuta ad avere un rendimento migliore in molti ambiti della loro vita. È il motivo per cui gli high performer sono più appassionati, resistenti e motivati. Se riuscirete ad attingere dall’Energia con la E maiuscola che risiede in voi, il mondo sarà nelle vostre mani.

Nell’ambito delle nostre ricerche sull’alta prestazione, ci occupiamo di misurare l’energia chiedendo alle persone di valutarsi su una scala da 1 a 5, relativamente ad affermazioni quali:

  • Possiedo la resistenza mentale che mi permette di essere presente e concentrato tutto il giorno.
  • Dispongo dell’energia fisica che mi serve per raggiungere i miei obiettivi giornalieri.
  • Mi sento generalmente allegro e ottimista.

Ma i risultati possono essere anche ribaltati da affermazioni quali:

  • Mi sento rallentato e confuso.
  • Troppo spesso sono fisicamente esausto.
  • Sento addosso moltissime energie ed emozioni negative.

Vi accorgerete che l’energia non è soltanto un fattore fisico, come credono in molti. Anche la lucidità mentale e le emozioni positive hanno la loro importanza. Di fatto, per tutte e tre sono stati evidenziati dei legami con l’alta prestazione. Quando, in questo libro, utilizzo il termine energia, tenete presente che mi riferisco all’intero spettro della vivacità mentale, emotiva e fisica.

L’esito delle ricerche che abbiamo condotto su questo tema potrà anche sembrarvi scontato: bassi livelli di energia sono da associare a un calo generale dei livelli dell’alta prestazione. Ma sono i dettagli di queste scoperte che dovrebbero incuriosirvi:

Un livello di energia inferiore implica:

  • Un calo della felicità generale.
  • Un entusiasmo minore nei confronti delle nuove sfide.
  • Una minore percezione del proprio successo, rispetto a quello dei colleghi.
  • Una ridotta fiducia in se stessi di fronte alle avversità.
  • Un calo del grado di influenza sugli altri
  • Una minore probabilità di mangiare sano o fare sport.

Ciò significa che un basso livello di energia non soltanto danneggia l’alta prestazione in generale, ma pervade ogni aspetto della vostra vita. Siete meno felici. Non volete affrontare sfide impegnative. Vi sentite surclassati da tutti. La fiducia in voi stessi vi abbandona. Mangiate male. Ingrassate. Faticate a convincere le persone, a vendere, a farvi seguire, a ricevere sostegno.

Ma ovviamente esiste anche una soluzione. Accrescete la vostra energia e migliorerete tutti questi aspetti.

E non è finita qui. L’energia è collegata positivamente anche al livello di istruzione, alla creatività e all’assertività. Ciò significa, generalmente, che più alto è il livello di energia, maggiori sono le probabilità di raggiungere gradi di istruzione superiori, trovare idee creative nel lavoro, farsi valere e agire per la realizzazione dei propri sogni. Per questo motivo, le organizzazioni e le istituzioni accademiche di tutto il mondo dovrebbero prendere estremamente sul serio l’importanza di tenere alto il livello di energia dei dipendenti e degli studenti.

Quanto alle posizioni lavorative ricoperte, gli amministratori delegati e gli alti dirigenti possiedono il livello di energia più elevato - di molto superiore rispetto ad altre posizioni analizzate, come manager, dipendenti di grado inferiore, studenti/tirocinanti e infermieri. Ciò vale anche per le ricerche condotte sull’età. Una scoperta sbalorditiva dimostra che amministratori delegati e alti dirigenti sono dotati di una quantità di energia pari a quella degli atleti professionisti. A quanto pare, per riuscire a diventare amministratore delegato devi prestare la stessa attenzione ai tuoi livelli di energia di quanto faccia il quarterback di una squadra di football della nfl, poiché a entrambi serve la stessa quantità di energia.

In conclusione: più si è energici, più è probabile essere felici e scalare la vetta del proprio ambito di interesse primario.

A quanto pare, anche il matrimonio apporta i suoi benefici, non soltanto in termini di energia, ma anche di longevità. Dai nostri questionari emerge che le coppie sposate sono più energiche di quelle che non hanno mai convolato a nozze. Quindi, correte a informare i vostri amici timorosi convinti che il matrimonio renda più noiosi, tristi e lunatici che le loro scuse non reggono più.

Infine, l’energia è collegata in maniera significativa alla produttività. Per riuscire a fare di più non avete bisogno di scaricare una nuova app o di riorganizzare i vostri documenti. Non si tratta tanto di scrivere meglio le vostre e-mail, quanto di generare meglio l’energia.

L'esperienza nel Coaching

L’esperienza che ho accumulato durante la mia attività di coaching per persone eccezionali può confermare questi dati e molto altro. Vedo spesso persone che, nella costruzione della propria carriera, dimenticano di concentrarsi sulla loro energia per poi ritrovarsi nel bel mezzo di una catastrofe. Ho visto bassi livelli di energia distruggere matrimoni, trasformare persone gentili in mostri vittime dello stress e spazzare via anni e anni di introiti economici aziendali in pochi mesi, in seguito al crollo psicofisico dell’amministratore delegato.

La quasi totalità degli studi moderni condotti sulla salute conferma l'importanza del nostro benessere, termine spesso utilizzato per descrivere una concezione più olistica dell’energia. Purtroppo, però, non siamo molto bravi a prenderci cura di noi stessi. Più di un terzo degli americani soffre di obesità, fattore che incide sulle casse statunitensi per un totale che supera i 147 miliardi di dollari annui di spese mediche. Soltanto il 20% circa degli americani svolge l’attività aerobica e di potenziamento muscolare minima raccomandata dai centri di prevenzione e controllo delle malattie (cdc). Ulteriori studi rivelano che il 42% degli americani adulti afferma di non impegnarsi abbastanza per ridurre il proprio livello di stress, il 20% di non eseguire nessuna attività per alleviarlo o gestirlo, mentre uno su cinque dichiara di non avere alcun supporto emotivo su cui contare.

Un lavoratore americano su tre è affetto cronicamente da stress sul posto di lavoro e solo poco meno della metà afferma che la propria organizzazione si preoccupa del benessere dei dipendenti. Questo accade nonostante le aziende che lo fanno si rivelino più produttive, spendano meno in termini di assistenza sanitaria, trattengano i loro dipendenti più a lungo e li vedano prendere decisioni migliori.

Lo stress è l’assassino dell’energia e del benessere per antonomasia. Rallenta la produzione di neuroni, riduce i livelli di serotonina e dopamina (responsabili dell’umore) e stimola l’amigdala, diminuendo al contempo la funzionalità dell’ippocampo, rendendovi esausti e smemorati.

Avremmo potuto dedicare vari libri al benessere, ma non avremmo nemmeno scalfito la superficie dell’argomento. Adesso, invece, vorrei concentrarmi esclusivamente sulle misurazioni dell’energia descritte all’inizio di questo capitolo e analizzarne il rapporto con l’alta prestazione individuale.

Aumentare l'energia

La buona notizia è che potete aumentare drasticamente la vostra energia e la vostra prestazione generale con l’aiuto di poche, semplici pratiche. L’energia non è uno stato mentale, fisico o emotivo fisso. Lo ripeto: voi non “possedete” l’energia, così come non la possiede una centrale elettrica. Una centrale trasforma l’energia e la distribuisce. Allo stesso modo, non possedete” la felicità, ma trasformate i vostri pensieri in sensazioni che possono essere o non essere felici. Non dovete per forza “possedere” la tristezza, potete trasformarla in qualcos’altro.

Ciò significa che non è necessario “aspettare” la gioia, la motivazione, l’amore, l’entusiasmo o qualsiasi altra emozione positiva della vita. Potete scegliere di generarla, al bisogno, quando volete, grazie alla potenza dell’abitudine.

Come ogni altro ambito della vostra vita o ogni altra tipo di capacità, l’energia può essere migliorata. Ecco a voi tre valide pratiche che ho visto adottare agli high performer per cavalcare la cresta dell'onda e mantenere la propria energia.

Questo testo è estratto dal libro "Le Abitudini per l'Alta Prestazione".

Data di Pubblicazione: 28 maggio 2018


Torna su
Caricamento in Corso...