SPIRITUALITÀ ED ESOTERISMO   |   Tempo di Lettura: 8 min

I tre fondamenti della magia sessuale celtica

I tre fondamenti della magia sessuale celtica

Apprendi l'importanza della canalizzazione dell'energia cosmica nella preparazione del rituale magico leggendo l'anteprima del libro di Jon G. Hughes.

I tre fondamenti della magia sessuale celtica

I tre concetti di base che sono profondamente radicati nella pratica della magia sessuale celtica sono gli stessi che sostengono il Druidismo in generale. In inglese possono essere tradotti come i Tre Fondamenti, che separano la magia sessuale dall’abuso sessuale, dalla gratificazione indisciplinata e da altre forme di magia che usano tecniche a sfondo sessuale.

È essenziale che tutti coloro che praticano la magia sessuale celtica comprendano a fondo i Tre Fondamenti, poiché ciò equivale ad afferrare l’essenza del Druidismo e della magia sessuale celtica.

Le parole in grassetto che troverete nelle descrizioni seguenti sono quelle per cui ho dovuto scegliere una traduzione appropriata, anche se non sempre del tutto accurata. I concetti di cui si parla sono già abbastanza complessi senza la confusione causata da parole in gallese e frasi incomprensibili. Le traduzioni sono goffe e, a mio avviso, insoddisfacenti, ma sono accurate nei limiti posti dalla nostra lingua.

Il primo fondamento

La ricerca della vera comprensione del Primo Fondamento è stata la principale preoccupazione della maggior parte dei Druidi praticanti di ogni tempo.

In un certo senso, il Primo Fondamento sfugge a ogni definizione accurata. In gallese la descrizione migliore è composta da parole che non hanno un preciso corrispettivo in inglese, insieme a un’espressione tonale melodica del parlante che aggiunge un messaggio implicito al significato letterale delle parole.

In breve, il Primo Fondamento è la base del sistema di credenze druidiche in cui sono cresciuto; per usare i termini più appropriati che conosco:

Il cosmo è composto da energia essenziale. Tutto ciò che si trova nel cosmo è composto, costituito e alimentato da questa energia cosmica essenziale. Non può essere creata o distrutta. Tuttavia, può essere spostata e quando un essere umano, un animale, una pianta o un altro organismo vivente cessa di esistere nella sua forma corporea, la sua energia cosmica essenziale torna all’energia collettiva.

Quando nasce una nuova forma corporea, prende la sua energia essenziale dall’energia collettiva del cosmo, perpetuando così il ciclo eterno di energia.

L’energia cosmica è presente in ogni aspetto della natura sotto varie forme. Per esempio, è questa energia cosmica che dà alle erbe le proprietà benefiche o nocive che riscontriamo. In ambito scientifico, questa energia cosmica, sotto forma di fotosintesi, alimenta la crescita di queste erbe e guida la formazione delle sostanze chimiche che gli scienziati hanno recentemente iniziato a identificare e comprendere. Finora non hanno trovato il modo di analizzare le altre forze ed energie contenute nelle erbe che trascendono la semplice composizione chimica.

L’energia cosmica è anche presente negli elementi inanimati della natura: il vento, le forze gravitazionali, le forze magnetiche, il fuoco, l’acqua, la terra, gli altri pianeti dell’universo, il tempo, ecc. Permea letteralmente ogni cosa si trovi all’interno del cosmo.

Ho cercato di spiegare il Primo Fondamento il più semplicemente possibile, concentrandomi soprattutto sulla sua rilevanza nei confronti della magia sessuale celtica. Come potrete immaginare, il concetto filosofico del Primo Fondamento è estremamente complesso e sofisticato se applicato a tutti gli aspetti del Druidismo, ma per ora la spiegazione fornita è adeguata al nostro scopo.

Il secondo fondamento

Poiché ogni cosa è alimentata dall’energia cosmica nel ciclo eterno di energia, possiamo cambiare gli eventi del presente e del futuro influenzando e indirizzando questa energia cosmica verso un singolo individuo o verso l’energia collettiva. Questo è possibile grazie alla forza dell’energia influente generata e indirizzando le energie interiori (come quelle presenti nelle erbe, nell’acqua, ecc.) prodotte nei rituali e nelle pratiche druidiche.

Il terzo fondamento

L’energia intensa ed esplosiva dell’orgasmo sessuale è un potente veicolo per proiettare questa energia influente generata verso l’energia collettiva, con l’obiettivo di promuovere un cambiamento per il bene di singoli individui o della società in generale.

Secondo l’interpretazione contemporanea, se accettiamo il principio scientifico che ogni azione produce una reazione uguale e contraria, allora dovremmo anche essere in grado di accettare l’idea che l’enorme rilascio di energia dovuto a un orgasmo debba causare un influsso altrettanto potente.

I tre fondamenti nel rituale di magia sessuale

Lo scopo del rituale di magia sessuale è l’utilizzo dell’intenso potere esplosivo dell’orgasmo come veicolo per scagliare un incantesimo o un influsso (la nostra energia influente generata) verso l’energia collettiva per:

indurre un cambiamento nell’energia collettiva che porti una reazione positiva e benefica: dirigere questa energia generata, attraverso l’energia collettiva, verso un individuo o un gruppo per apportare benefici e benessere.

Intendiamo indirizzare le energie interiori per raggiungere lo stesso fine.

La preparazione dell’incantesimo

La preparazione dell’incantesimo che si vuole lanciare è composta da due fasi:

  • identificare l’incantesimo o l’influsso che deve essere avvolto e trasportato dalla vostra energia generata e definirlo con precisione;
  • identificare dove volete proiettare questa energia generata, ossia la sua destinazione o il suo ricevente.

Entrambi gli elementi devono essere individuati prima del rituale, solitamente durante un incontro speciale tra i partecipanti che saranno coinvolti.

Lo scopo dell’incantesimo e la sua direzione possono variare a seconda delle necessità. Magari un componente del vostro gruppo ha un problema in particolare che vorrebbe affrontare. Forse vi trovate nel periodo dell’anno in cui è più appropriato scagliare un incantesimo di gratitudine, o forse voi o un componente del vostro gruppo state per imbarcarvi in un progetto o in un viaggio che vorreste supportare o energizzare.

Qualunque sia la ragione del rituale, è essenziale preparare l’incantesimo prima del suo inizio.

Tutti conoscono quelle fiabe in cui i desideri vengono mal interpretati e portano al caos. Sembra che molti lepricani, geni e fate si divertano a concedere a eroi ignari tre desideri, fraintendendoli con proprio gran divertimento.

Non sto dicendo che finirete nella lampada di un genio se commetterete un errore, ma è importante assicurarsi che il vostro incantesimo sia accurato ed esprima i vostri desideri nella forma più semplice possibile.

Non sono mai stato un difensore degli incantesimi espressi in lingua arcaica. Cerco di evitare i termini obsoleti il più possibile. Un linguaggio chiaro e semplice è più facilmente comprensibile per tutti ed evita che nascano fraintendimenti dovuti all’uso di parole ed espressioni sconosciute. Ricordate: ogni partecipante a un rituale di gruppo deve comprendere appieno il significato di qualsiasi incantesimo pronunciato o influsso generato, così che possa aggiungere la propria energia alla proiezione. Attenetevi a un vocabolario comprensibile per tutti.

Una volta definito il vostro incantesimo o influsso, scrivetelo, fatene delle copie e fatele circolare tra i membri del gruppo, che così potranno sollevare critiche e suggerire modifiche, se necessario. Durante molti rituali verrà richiesto ai partecipanti di intonare un canto ripetendo l’incantesimo; sarà meglio per tutti se ogni partecipante lo comprende a fondo e riesce anche a memorizzarlo.

Gli incantesimi e gli influssi ben concepiti permettono di ottenere i migliori risultati. Tuttavia, creare incantesimi è un’arte complessa e, come tutte le arti, richiede pratica e perfezionamento. Pensate alla massima che dice: “State attenti a ciò che desiderate, perché potreste ottenerlo.”

Limitatevi a lanciare un solo incantesimo per ogni rituale. Poiché è necessario l’orgasmo di un singolo o di un gruppo per lanciare ogni incantesimo sotto forma di energia generata, sarebbe decisamente troppo aspettarsi di poterne lanciare più di uno nello stesso rituale. La maggior parte dei riti, se non tutti, sono concepiti secondo questo principio.

Una volta definito accuratamente l’incantesimo o l’influsso, siete pronti per identificare la destinazione o il ricevente e il percorso che l’incantesimo dovrà compiere per arrivarci. È inutile sprecare tempo ed energie definendo le parole di un incantesimo se poi viene inviato nel vuoto. Il processo inizia con l’elaborazione di una visualizzazione.

Data di Pubblicazione: 29 agosto 2019

Lascia un commento su questo articolo

Caricamento in Corso...