SELF-HELP E PSICOLOGIA   |   Tempo di Lettura: 8 min

Impara a ribaltare la situazione quando ti senti sopraffatto

Ribaltare la situazione quando ti senti sopraffatto

Scopri come concentrarti su quello che puoi fare oggi per migliorare le cose leggendo l'anteprima del libro di Anthony Robbins.

Sentirci sopraffatti... come ribaltare la situazione

Spesso nella vita succedono cose che non possiamo davvero controllare. La società per la quale lavoriamo riduce il personale e ci licenzia. Il coniuge ci lascia. Un membro della famiglia si ammala o qualcuno vicino a noi muore, il governo “taglia” un progetto nel quale eravamo coinvolti. In queste situazioni, possiamo sentirci come se non esistesse modo di migliorare le cose.

Forse ti è capitato di fare di tutto per ottenere un lavoro, per aiutare la tua famiglia, per trovare la tua anima gemella o semplicemente per sentirti più felice. Ma niente sembrava funzionare. Quando tentiamo un nuovo approccio facendo del nostro meglio e nonostante tutto non raggiungiamo il nostro obiettivo, spesso abbiamo paura di provare ancora. Perché? Perché tutti noi vogliamo evitare il dolore! E nessuno vuole fallire di nuovo. Nessuno vuole impegnarsi completamente in qualcosa per poi restare deluso. Spesso, dopo molte di queste esperienze o delusioni, smettiamo di tentare! Arriviamo al punto di credere che niente funzionerà.

Se sei al punto in cui non vuoi nemmeno più provare, ti trovi in uno stato chiamato “incapacità appresa di agire”. Hai letteralmente imparato - o insegnato a te stesso - che sei “impotente”.

La bella notizia è che ti sbagli. Puoi far sì che le cose accadano! Puoi modificare qualsiasi cosa nella tua vita oggi stesso, cambiando le tue percezioni e le tue azioni.

«Non mi scoraggio, perché ogni tentativo sbagliato scartato è un altro passo avanti.»
Thomas Edison

Il primo passo per cambiare la tua vita consiste nel liberarti della convinzione negativa che non puoi fare niente o che sei impotente. Come farlo? Spesso la ragione per cui le persone dicono di non poter fare niente è che nel passato hanno fatto dei tentativi che non hanno funzionato. Ma ricordati - e ho usato questa frase ripetutamente nel corso della mia vita - il tuo passato non è uguale al tuo futuro. Ciò che conta non è ieri, ma quello che fai proprio adesso. Così tante persone cercano di entrare nel proprio futuro usando uno specchietto retrovisore come guida! In questo modo, ti schianterai. Al contrario, devi concentrarti su quello che puoi fare oggi per migliorare le cose.

La perseveranza paga

Molte persone mi dicono: “Ho provato milioni di modi per riuscire, ma niente funziona!” Oppure: “Ho tentato migliaia di vie! ” Rifletti. Probabilmente non hanno provato a cambiare né centinaia e nemmeno dozzine di volte. Molti hanno tentato otto, nove, dieci modi per cambiare qualcosa e, quando non ha funzionato, hanno rinunciato.

La chiave del successo è decidere che cosa è più importante per te e poi intraprendere azioni energiche per migliorare quotidianamente, anche se sembra che non funzioni.

Ti faccio un esempio. Hai mai sentito parlare di un tipo chiamato colonnello Sanders? Sicuramente. Come è riuscito il colonnello Sanders a riscuotere un successo così incredibile? Forse perché è nato benestante? La sua famiglia era ricca? Lo hanno mandato in una delle migliori università come Harvard? Forse ha avuto successo perché ha iniziato la sua attività quando era veramente giovane. È vera anche solo una di queste cose?

La risposta è no. Il colonnello Sanders non iniziò a realizzare i suoi sogni fino all’età di sessantacinque anni! Che cosa lo spinse finalmente ad agire? Era distrutto e solo. Ricevette il suo primo assegno di centocinque dollari per la pensione e s’infuriò. Ma invece di maledire la società o scrivere arrabbiato al congresso, iniziò a chiedersi: “Cosa potrei fare di importante per le altre persone? Che cosa ho da donare?” Iniziò allora a pensare a che cosa possedeva che avesse un valore per gli altri.

La prima risposta fu: “Be’, ho questa ricetta per cucinare il pollo che tutti sembrano amare molto! E se la vendessi ai ristoranti? Potrei farci dei soldi?” Poi immediatamente pensò: “E ridicolo. Vendendo la ricetta non pagherei nemmeno l’affitto.” E gli venne una nuova idea: “Potrei non solo vendere loro la mia ricetta, ma anche mostrare come si cucina correttamente il pollo. Cosa succederebbe se il pollo fosse così buono da incrementare il loro giro d’affari? Se si recasse da loro più gente per mangiare quel pollo e quindi le vendite aumentassero, forse potrebbero darmi una percentuale sull’incremento delle vendite.”

Molte persone hanno grandi idee. Ma il colonnello Sanders era diverso. Era un uomo che non pensava solo a grandi cose da fare. Lui le metteva anche in atto. Cominciò ad andare a bussare alle porte, raccontando ai gestori di ristoranti la sua storia: “Ho una fantastica ricetta per cucinare il pollo e penso che se voi la utilizzaste le vostre vendite aumenterebbero. E io vorrei una percentuale su quell’aumento.”

Molti gli risero in faccia. Gli dicevano: “Senta, vecchio, vada fuori di qui. Perché indossa quello stupido abito bianco?” Il colonnello Sanders rinunciò, secondo te? Assolutamente no. Egli possedeva la chiave numero uno per il successo; quello che io chiamo potere personale. Potere personale significa perseverare nell’azione: ogni volta che fai qualcosa, impari da essa e trovi il modo per fare meglio la volta successiva. Il colonnello Sanders sicuramente usò il suo potere personale! Invece di sentirsi a disagio dopo il rifiuto dell’ultimo ristorante che aveva visitato, immediatamente si concentrò su come poteva raccontare la sua storia in modo più incisivo e avere migliori risultati nel ristorante successivo.

Quante volte pensi che il colonnello Sanders si sia sentito rispondere negativamente prima di ricevere la risposta che desiderava? Fu respinto millenove volte prima di sentirsi rispondere sì. Passò due anni guidando attraverso l’America nella sua vecchia auto, dormendo sui sedili posteriori con il suo abito bianco sgualcito e svegliandosi ogni giorno sempre più bramoso di condividere la sua idea con qualcuno. Spesso, l’unico cibo che aveva era qualche morso veloce dei campioni di pollo che preparava per i potenziali acquirenti. Quante persone pensate che avrebbero resistito a millenove no - ben due anni di rifiuti! - e continuato ad andare avanti? Molto poche. È per questo che esiste solo un colonnello Sanders. Penso che la maggioranza delle persone non reggerebbe a più di venti risposte negative, ancora meno a un centinaio o a un migliaio! Eppure a volte è proprio ciò che occorre per avere successo.

Non permettere a nulla di fermarti

Se prendi una qualsiasi tra le persone di successo nella storia, troverai un comune filo conduttore: non volevano essere rifiutate. Non volevano sentirsi dire di no. Non permettevano a nulla di fermarle nel realizzare i loro sogni o obiettivi.

Sapevate che Walt Disney è stato rifiutato trecentodue volte prima di ottenere il finanziamento per il suo sogno di creare “Il luogo più felice della Terra”? Tutte le banche pensavano che fosse pazzo. Non era pazzo; era un visionario e, soprattutto, era determinato nel voler realizzare quella visione. Oggi, milioni di persone hanno partecipato alla “gioia di Disney”, un mondo come nessun altro, un mondo lanciato dalla decisione di un uomo.

Quando vivevo nel mio piccolo appartamento, lavando i piatti nella vasca da bagno, dovevo continuamente rammentarmi di storie come queste. Dovevo ricordarmi continuamente che nessun problema è permanente. nessun problema affliggerà tutta la mia vita. Anche questo passerà se io continuerò ad agire in modo energico, positivo e costruttivo.

Pensavo: “Anche se la mia vita ora sembra terribile, esistono molti aspetti di cui essere grati, come i miei due amici, il fatto che tutti i miei sensi funzionino, e che posso respirare l’aria fresca.” Costantemente mi ricordavo di concentrarmi su ciò che volevo, sulle soluzioni invece che sui problemi. E mi ricordavo che nessuna difficoltà colpisce la mia intera vita, anche se al momento poteva sembrare così.

Quindi decisi di non credere più che tutta la mia vita fosse bloccata a causa delle mie difficoltà economiche o delle mie frustrazioni emotive. Decisi che non avevo nulla di sbagliato, ma mi trovavo semplicemente in un “momento di intervallo”. In altre parole, sapevo che se avessi continuato a nutrire i semi che avevo piantato - continuando a fare le cose giuste - avrei superato questo inverno della mia vita giungendo alla primavera, quando avrei raccolto i frutti di anni di sforzi apparentemente inutili. Decisi anche che fare e rifare continuamente le stesse cose e aspettarmi risultati diversi era folle. Dovevo tentare qualcosa di nuovo, dovevo resistere fino a trovare le risposte di cui avevo bisogno.

Il mio messaggio per te è semplice, e in fondo al tuo cuore sai che è vero: L’azione energica e costante messa in atto con perseveranza e con un senso di flessibilità nel perseguire i tuoi obiettivi alla fine ti darà ciò che vuoi, ma devi abbandonare la sensazione che non esista soluzione. Devi focalizzarti immediatamente sulle azioni che puoi fare oggi, anche se piccole.

Data di Pubblicazione: 14 febbraio 2020

Lascia un commento su questo articolo

Caricamento in Corso...