Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it

L'Inizio di una Storia Importante

Quando Tutto Inizia - Anteprima del libro di Fabio Volo

Le cose importanti iniziano quando tutto sembra finito

Me lo ripeteva sempre mio padre, me l'ha detto così tante volte che quando ci penso sento ancora la sua voce.

Sono nudo, sdraiato sul letto, con il viso appoggiato al seno della donna che amo. Sento il calore della sua pelle, il battito del suo cuore, sto bene, come non mi sentivo da tempo.

Fuori da questa stanza d'albergo esiste il mondo, con i suoi rumori e le sue difficoltà. Ma io non sento nulla. L'unica cosa di cui mi importa è la mia felicità.

Sono stato molto contento quando, dopo averle chiesto di accompagnarmi. Silvia ha accettato. Per lei non è facile prendersi questo tempo.

La giornata di oggi è stata perfetta, magica.

Questa mattina abbiamo preso il treno per Verona.

Durante il viaggio ho lavorato al computer, mentre lei mi sedeva accanto, leggeva e teneva la mano appoggiata sulla mia gamba. Quel gesto ci faceva sembrare già una coppia.

Verso le undici ha chiuso il libro e mi ha chiesto se volevo un caffè.

«Preferisco continuare, voglio finire il prima possibile.»

Stavo seguendo la campagna pubblicitaria di una grossa azienda alimentare, un cliente importante che vende in tutto il mondo. Avrei dovuto presentare le prime idee il giorno seguente.

«Te lo porto io» ha detto prima di prendere la borsa e alzarsi.

Camminando ondeggiava insieme al movimento del treno. Sono rimasto a guardarla finché è sparita.

Sapevo già dove avremmo pranzato, una vecchia osteria nel centro che conoscevo bene, avevano dell'ottimo vino e dei piatti stagionali che non erano male. Per la cena, invece, avevo pensato a un posto speciale, un ristorante con un piccolo cortile interno, un'atmosfera molto riservata, romantica. Avevo prenotato con largo anticipo e mi ero assicurato uno dei cinque tavoli del cortile, già ci vedevo seduti sotto il pergolato a bere un buon rosso.

Mi sono buttato nel lavoro finché mi sono accorto che era passato più di un quarto d'ora da quando si era alzata. Ho guardato verso la porta automatica e l'ho vista tornare.

Sentire la sua presenza

A volte è come se sentissi la sua presenza.

Aveva una gonna ampia color nocciola e ima camicia bianca. Ho avuto un piccolo sussulto di piacere, con lei mi succede spesso, quando la guardo.

Mi ha passato il caffè e si è seduta.

«C'era coda al bar?»

«Hai rischiato di arrivare a Verona da solo.»

Non capivo, l'ho guardata con il bicchiere di carta in mano.

«Ho incontrato un uomo che mi ha offerto il caffè e una vita senza problemi.»

Ho sorriso prima di dare un sorso. «Non si può mai stare tranquilli.» Mi aveva preso un caffè lungo e senza zucchero, come piace a me.

Si è seduta e ha cambiato discorso: «Qual è l'idea della campagna?».

«Vogliono rilanciare un prodotto leader per l'azienda, che è sul mercato da cinquantanni e ha fatto la storia del marchio. Parto dall'idea che un anno è un giro completo della terra intorno al sole. Io ho trentanove anni, il che significa che ho girato trentanove volte intorno al sole.»

«Non ci avevo mai pensato. Ho girato intorno al sole trentacinque volte e nemmeno lo sapevo.»

«Dimostri meno giri.»

È scoppiata a ridere. Ogni volta che lo fa mi contagia, è capace di ridere di gusto come i bambini.

«Allora, sentiamo, che ti ha detto l'uomo del bar?»

«Credevo di essere riuscita a depistarti. Geloso?»

«Curioso.»

«Di cosa?»

«Di come approcciano gli uomini. Il rimorchio è il vero advertising, devi vendere te stesso in un paio di battute, frasi a effetto per piazzare un prodotto.»

Ha sorriso con malizia.

Ho sempre invidiato le donne, se ne stanno lì ad aspettare che qualcuno si avvicini e si giochi la carta buona, la strategia vincente.

«La maggior parte delle volte è una delusione» ha detto.

«Anch'io lo sono stato?»

Non ero riuscito a trattenermi dal chiederglielo.

«Tu no e sai perché?»

L'ho guardata in silenzio, in attesa di sentire come sarebbe andata avanti.

«Non mi hai avvicinato con l'intenzione di sedurmi. Anche la seconda volta che ci siamo visti, mi hai parlato in modo normale, non hai tentato nessuna strategia. Sono caduta nella tua rete senza che tu lo volessi, come uno di quei pesci che abboccano all'amo anche se non c'è l'esca, solo perché hanno visto qualcosa luccicare.»

«E chi ti dice che non fosse quella la strategia? La non-strategia come strategia?»

Ha sorriso: «Sei intelligente, ma non così intelligente, sei sempre un uomo. Una cosa del genere potrebbe pensarla solo una donna».

Abbiamo riso e non ho resistito, l'ho baciata lì, davanti a tutto il vagone. Silvia aveva un luccichio da cui non riuscivo a difendermi.

Poi, prima che tornasse a immergersi nella lettura, sono tornato io all'attacco: «E l'uomo del bar?».

«Quello ne ha fatti parecchi, di giri intorno al sole, avrà avuto l'età di mio padre.»

Mi è sembrata infastidita.

«Non ti ha fatto piacere?»

«Mi ha messo in crisi» ha sorriso, poi ha aggiunto: «Nonostante la sua età ha pensato di avere delle possibilità con me. Non credevo di sembrare così disperata».

Silvia è l'unica donna che conosco a cui piace ironizzare così su di sé.

«Almeno è stato gentile?»

«Molto galante.»

«Ti ha offerto il fazzoletto di stoffa?»

«Fin lì non è arrivato» ha risposto ridendo. «Mi ha fatto capire chiaramente di essere un uomo capace di prendersi cura di una donna.»

«Nel senso che aveva i soldi?»

«Soldi e soprattutto esperienza. Sapeva cosa fare.»

«E tu cosa hai risposto?»

Ha aspettato qualche secondo prima di parlare. «Che non mi andava di guidare.»

L'ho guardata per essere sicuro di aver capito bene.

«Gli uomini di quell'età hanno la macchina grossa, ma la guida la moglie giovane» ha spiegato.

Ho immaginato un suv guidato da una bella bionda sulla cinquantina con la coda alta, in tenuta da tennis. Accanto a lei, il corpo accartocciato di un vecchio che si aggrappa alla maniglia sopra la portiera.

«Non ho voglia di scarrozzarlo in giro» ha aggiunto, e siamo scoppiati a ridere.

Le ho preso la mano e le ho baciato le dita. Non gliel'ho lasciata finché non siamo arrivati a Verona. Le sue mani sono come una calamita per me, appena posso le tengo tra le mie.

Hotel

Siamo passati in hotel e abbiamo messo giù le borse. La camera era molto accogliente. Silvia ha sistemato le sue cose sul lato del letto vicino alla finestra. Poi abbiamo passeggiato tra i vicoli, come una delle tante coppie di innamorati.

Al ristorante eravamo così euforici che abbiamo ordinato la degustazione dei vini, il tagliere di salumi e il risotto all'amarone.

Avevamo voglia di divertirci, di essere stupidi. Prima di andarcene abbiamo preso un'altra bottiglia di rosso da portare in albergo.

Nel tragitto continuavamo a ridere e per tre volte ci siamo dovuti fermare per appoggiarci al muro.

In camera abbiamo aperto la bottiglia, ho riempito due bicchieri. Lei beveva a piccoli sorsi, bagnandosi appena le labbra. I suoi baci sapevano di vino. L'ho spogliata: prima la camicia, poi la gonna, poi il reggiseno, poi le mutande.

Si è lasciata cadere sul letto. Le baciavo le caviglie, i polpacci, le ginocchia. Mi ha preso la testa tra le mani, ha fatto una lieve resistenza, forse le stavo facendo il solletico o forse quello che sentiva era troppo intenso.

Con la bocca tra le sue gambe, il sapore del vino si è mischiato al suo. Era buona, profumata. Le sue mani guidavano il mio movimento. Poco dopo, un sussulto, sulle mie labbra il suo orgasmo.

L'ho guardata negli occhi, ho preso il bicchiere di vino, ne ho bevuto un sorso e dalla mia bocca gliene ho dato un po'.

Mi sono spogliato e abbiamo fatto l'amore, poi siamo crollati l'uno accanto all'altra.

Con lei è difficile misurare il tempo. Insieme abbiamo la capacità e la forza di entrare in ima dimensione dove tutto si dilata.

Mi sono accorto di essere innamorato quando già c'ero dentro fino al collo. È stata una sorpresa, ero convinto che non ne sarei stato più capace. L'ultima volta è stato così faticoso che pensavo la mia ex si fosse portata via tutto, il coraggio, le possibilità, gli imprevisti.

Con Silvia eravamo stati chiari: ogni tanto ci vediamo e cerchiamo di stare bene. Nessuno dei due voleva una relazione. E forse è stato questo a farci cadere. Le premesse ci hanno liberato da fraintendimenti, paure, aspettative. Avevamo stabilito un limite, un perimetro; all'interno di quello spazio avevamo libertà di movimento, nessuno dei due desiderava andare oltre.

Questa serenità ci ha fatto abbassare la guardia e a un certo punto qualcosa dentro di me è cambiato. Tutte le teorie sono saltate, cancellando ogni resistenza.

Oggi sono un'altra persona, ho smesso di avere paura. Mi sono accorto di aver passato gli ultimi anni nel terrore di perdere il controllo sulla mia vita, di provare qualcosa di così forte da poter andare oltre gli schemi. Mi chiedo se è stata una parte di me a venire alla luce oppure se è stata Silvia a crearla.

Nel silenzio e nella quiete della stanza

Con il viso appoggiato sul suo seno, nel silenzio e nella quiete della stanza, sono sicuro che lei stia provando le stesse cose che provo io.

Il silenzio ci serve per mettere in ordine la felicità, per sistemarla da qualche parte dentro di noi, trovarle uno spazio nuovo.

«Mi fido di te» le dico senza quasi rendermene conto, rompendo la sospensione del momento.

Sento il battito del suo cuore accelerare.

«Non mi fido mai di nessuno, ma di te sì.»

Ho appena tolto la maschera.

«Sarà che mi sono innamorato.»

Sto giocando a carte scoperte, obbligando anche lei a fare lo stesso.

Silvia è immobile, mi sembra che il suo corpo stia diventando sempre più caldo. Dopo tutte le premesse che per mesi ci siamo detti, sono sicuro che non si aspetti queste parole, è confusa. Non abbiamo mai usato la parola "amore", non perché tra di noi non esista, anzi, è la condizione del nostro stare insieme. Solo che non ce lo siamo mai detto.

Mi mette una mano sulla testa e mi allontana appena: «In che senso?».

Tra tutte le risposte possibili, è l'ultima a cui avrei pensato.

Alzo la testa e mi volto verso di lei, ha gli occhi chiusi.

«Stai bene?»

«Sì» mi risponde senza aprirli.

Si siede sul bordo del letto e si passa le mani tra i capelli per sistemarli. Raccoglie da terra la camicia, la infila e la abbottona. Di colpo l'atmosfera è diventata tesa. Mi allungo verso di lei, con un dito le afferro l'elastico delle mutande, lo tiro facendolo schioccare.

Lei si volta e improvvisa un sorriso che non le avevo mai visto, le irrigidisce il viso.

«Che c'è?»

«Niente.»

Eccoci qui, al famoso "niente" delle donne, quello che porta inevitabilmente a "se non ci arrivi da solo, è inutile che te lo dica". Da Silvia non me lo sarei mai aspettato.

«Vieni qui», cerco di afferrarla e tirarla a me, ma lei si alza ed esce dal mio raggio d'azione.

«Devo andare.»

«Come?» penso alla cena che ci aspetta, alla nostra prima notte insieme.

«Non me la sento» mi dice chiudendosi la gonna. Prende l'astuccio dei trucchi per andare in bagno a sistemarsi. Non mi ha ancora guardato negli occhi.

«Fermati un attimo», mi alzo e le vado di fronte. Le appoggio le mani sulle spalle.

Mi guarda dritto in faccia, è agitata. «Mi spiace.»

In un istante capisco che sono da solo a voler attraversare i confini che ci siamo dati.

«Mi spiace» ripete lei.

«Non lo fare.»

«Cosa?»

«Ripetere che ti spiace.»

M'infilo le mutande e la camicia, lei mi guarda in silenzio, poi si avvicina. «È diventato complicato, non era così che doveva andare.»

«Con lui non puoi essere felice come lo sei con me.»

«È sempre mio marito. Non è così semplice.»

Finisco di rivestirmi.

«Non mi aspetto che questa sera tomi a casa e lo lasci così, all'improvviso. Sono pronto ad aspettare il tempo che serve.»

La guardo dritto negli occhi.

«Se è quello che vuoi anche tu.»

Non riesco a leggere la sua espressione.

«E quello che vuoi anche tu?»

Non risponde, infila nella borsa l'astuccio dei trucchi.

«Vuoi stare con lui o vuoi stare con me?»

«Il punto non è quello che voglio io.»

«Per me sì. In questa stanza siamo io e te, e non conta nient'altro.»

Tenersi per mano

Oggi, dopo mesi, siamo riusciti a passeggiare tenendoci per mano e stavamo bene, eravamo felici, anche lei lo era. Non posso aver frainteso, sono certo di quello che lei prova per me. Voglio essere il suo uomo, voglio che lei sia la mia donna, alla luce del giorno.

Si gira e prende il soprabito.

«Devo andare.»

«Se vuoi andare, nessuno ti trattiene» dico con durezza, nonostante sia l'esatto opposto di quello che provo e desidero in questo momento.

Si ferma davanti alla porta e fruga nella borsa: «Non trovo il telefono».

Lo vedo sul comodino, lo prendo e vado verso di lei: «Eccolo».

Si volta, ha gli occhi pieni di lacrime.

Non l'avevo mai vista piangere, non sono preparato al suo dolore.

La lascio andare.

Il suono della porta che si chiude mi rimane impresso come un tuono. Sono sconvolto, in pochi minuti sono passato da una specie di beatitudine a una catastrofe.

Resto in piedi, mi guardo intorno, la stanza sembra un campo di battaglia, la bottiglia di vino, i bicchieri sul comodino, i cuscini a terra. Dentro e fuori di me c'è solo disordine.

Non riesco nemmeno a capire se l'ho persa per sempre.

Questo testo è estratto dal libro "Quando Tutto Inizia".

Ti è piaciuto questo articolo? Rimani in contatto con noi!
Gli articoli più letti
Gli ultimi articoli pubblicati
Articolo consigliato:

Quando Tutto Inizia

-15%
Quando Tutto Inizia

Fabio Volo

Questo libro racconta una storia d'amore, ma anche molto di più. I sentimenti sono rappresentati nelle loro sfumature e piccole... continua

 

Torna su