EDUCAZIONE E FAMIGLIA   |   Tempo di Lettura: 8 min

L'importanza della consapevolezza in famiglia

L'importanza della consapevolezza in famiglia

Scopri come la mindfulness ti aiuterà ad affrontare i conflitti con i tuoi figli in modo più sano ed equilibrato leggendo l'anteprima del libro di Claudia Porta.

Cos'è la mindfulness

"Più ti focalizzi sul tempo (passato e futuro), più ti perdi l’Adesso, la cosa più preziosa che c'è."
Eckhart Tolle

In inglese si chiama mindfulness. I francesi la chiamano pieine conscience (ovvero “piena coscienza”). Il termine mindfulness significa semplicemente “consapevolezza”. Ribattezzata e in un certo senso “svecchiata” negli anni ’70 da Jon Kabat-Zinn, questa pratica (predicata dal Buddha in persona venticinque secoli fa) sta vivendo una seconda giovinezza e conquistando anche chi non conosce o non aderisce alla filosofia buddista.

Si tratta in effetti di una pratica antica come il mondo, descritta non solo dall'Illuminato, ma anche dai mistici di ogni tempo e ogni luogo. Non è appannaggio di nessuna religione e non richiede l’adesione ad alcuna dottrina per poter essere praticata. Si tratta semplicemente di prestare attenzione, senza giudizio alcuno, e di essere pienamente consapevoli del momento presente.

Vivere nel momento presente. Facile, no? Eppure siamo spesso imprigionati nel passato o proiettati nel futuro. Le paure per il futuro non sono che proiezioni del nostro passato: in base alle esperienze vissute, prevediamo ciò che potrebbe accadere domani, restando imprigionati in una spirale che ci mantiene costantemente fuori dal “qui e ora”. Essere liberi è vivere pienamente nel presente, senza l’ombra dei fantasmi del passato o ansie per il futuro.

Forse avete visto il film Cambia la tua vita con un click, in cui al protagonista viene regalato un telecomando universale che funziona non con i dispositivi elettronici ma con la vita reale. Quando scopre di poter mettere in pausa la moglie durante una scenata e di poter saltare direttamente dal giorno presente a quello della sua promozione, o di accelerare il decorso di una malattia facendola durare solo pochi secondi, ne approfitta volentieri. Peccato che il telecomando memorizzi le sue preferenze e inizi a saltare automaticamente le situazioni sgradevoli. Risultato? Il protagonista si ritrova presto alla fine della sua vita, rimpiangendo di non averla vissuta.

[Attenzione, spoiler!] Quando, alla fine del film, si accorge che era stato tutto un sogno, le sue priorità cambiano completamente e decide di non vivere più con il “pilota automatico”. Proprio quello che fa chi si dedica alla pratica della mindfulness.

Esercitandoci a rimanere centrati sul presente sviluppiamo la capacità di rispondere efficacemente ai cambiamenti imprevisti e imprevedibili, impariamo a gestire lo stress e il disagio emozionale, sia nel lavoro che nella vita di tutti i giorni.

Ciò non significa che dobbiamo dimenticare ciò che abbiamo vissuto e smettere di fare progetti per il futuro. Ciò che abbiamo appreso attraverso l’esperienza è un bagaglio importante che ha fatto di noi la persona che siamo oggi; il nostro vissuto è già in noi, non abbiamo bisogno di rivangare il passato. Per quanto riguarda il futuro, concentriamoci sul passo che possiamo fare ora per dirigerci verso i nostri obiettivi. Percorrendo ogni passo con consapevolezza, avanzeremo in modo sicuro e determinato.

Vivere nel presente ci permette di entrare in uno stato di grazia nel quale non abbiamo bisogno di un motivo per essere felici. Ecco un esempio nel quale molti di voi potranno identificarsi: per la maggior parte delle persone le pulizie di casa non sono che una faticosa corvée. Vanno fatte, possibilmente in fretta (e idealmente da qualcun altro), per un semplice motivo: ottenere una casa pulita e in ordine.

A tutti noi però è capitato, almeno una volta, di provare un estremo piacere durante le pulizie: lavando i piatti, riordinando l’armadio, rimettendo a posto un cassetto. Come mai un’attività che generalmente ci è sgradita, in alcune particolari occasioni può diventare fonte di piacere?

La risposta, lo avrete capito, è la presenza mentale. Per un motivo che ignorate, quel giorno in particolare vi siete immersi completamente nell’attività che stavate svolgendo, entrando in uno stato che potremmo definire meditativo. Il risultato? Avete svolto con gioia un compito che in genere non è per voi che una fastidiosa routine.

Non sarebbe meraviglioso se potessimo vivere ogni giorno, ogni momento, in quel medesimo stato di gioiosa presenza mentale?

Il termine mindfulness indica oggi due pratiche distinte: da un lato quella della presenza mentale nel quotidiano e dall’altro quella della meditazione di consapevolezza, che consiste in sedute vere e proprie durante le quali il praticante si concentra sulla consapevolezza delle proprie sensazioni.

Diventare genitori

Se sai riempire l’implacabile minuto Con sessanta secondi in gara tra loro, Tua è la terra e tutto quanto è in essa, E - ciò che più conta - sarai un Uomo, figlio mio.
Rudyard Kipling

Quando erano molto piccoli, i miei figli piangevano molto e dormivano poco. Pensando di incoraggiarmi, mia madre mi diceva spesso “vedrai che crescono in fretta”. Lungi dal sollevarmi, questo avvertimento mi metteva moltissima ansia. Io non volevo che “crescessero in fretta”. Volevo godermi ogni momento di quella fase meravigliosa in cui sono degli adorabili fagottini.

E invece ero stanca, poi addirittura depressa, e mi sembrava che i migliori momenti da condividere con i miei figli mi stessero sfuggendo di mano. Il che non faceva che accrescere il senso di ansia e frustrazione.

Non riuscivo ad accettare che i miei figli fossero creature rumorose ed estremamente bisognose di attenzione, e non dei bambolotti placidi che giocano tranquilli sul tappeto. Volevo a tutti i costi godermi quei momenti, ma non ero in grado di accettare i miei figli per quello che erano. Avrei tanto voluto che fossero come li avevo immaginati.

Oggi che solo la più piccola dei tre mi concede ancora il lusso di venire a intrufolarsi nel mio letto, provo quasi nostalgia per quelle notti passate tutti insieme nel lettone. È vero, la qualità del sonno non era un granché, e spesso e volentieri mi svegliavo con una pedata in faccia, ma quei momenti di intimità non torneranno più e mi dispiace non averli saputi apprezzare a tempo debito.

Oggi mi rendo conto che quelli che mi stavano sfuggendo di mano non erano necessariamente “i momenti migliori”, e che ogni età ha i suoi lati positivi e quelli negativi. Avere figli grandi (siamo attualmente tra i dieci e i sedici anni) è meraviglioso: si possono condividere con loro le proprie passioni, si viaggia più agevolmente e le conversazioni sono veri e propri scambi alla pari.

Ho anche scoperto che esiste una giustizia: se quando erano piccoli ho dovuto affrontare delle fatiche extra nell’accudimento, oggi ho tre figli svegli e indipendenti che (a parte gli alti e bassi di ogni giorno) non mi danno alcun problema. Sono curiosi e avidi di nuove esperienze, vanno volentieri a scuola, sono socievoli e allegri. Insomma, sono felici. E lo sono anche io.

Che cosa è cambiato? Siamo cresciuti. Tutti. Con ciascuno dei miei tre figli l’esperienza è stata diversa e la consapevolezza sempre maggiore. Più grande è la consapevolezza, più semplice diventa il nostro compito di genitori.

Fondare una famiglia è un grande atto d’amore. Ma le relazioni di coppia, così come quelle tra genitori e figli, sono anche inevitabili fonti di conflitto. La mindfulness non eliminerà i conflitti dalla vostra vita ma vi aiuterà ad affrontarli in modo più sano ed equilibrato.

Non smetterete di sgridare i vostri figli quando lo meritano. Però eviterete, in molti casi, di sgridarli quando non lo meritano, e quando la sfuriata è l’unico modo che avete trovato per sfogare le vostre tensioni. Potreste anche alzare la voce o usare un tono severo, ma lo farete perché ritenete che la situazione lo richieda, e non perché non siete riusciti a controllarvi. Farete valere le vostre ragioni con chi (volontariamente o involontariamente) invade il vostro spazio, ma sarete mossi dalla ragione e non dalla collera.

Continuerete a provare delle emozioni, ma non ne sarete vittime. Immaginate di essere una barca in mezzo al mare: navigherete cavalcando le onde, ma non ne sarete inghiottiti.

Il vostro atteggiamento avrà effetti positivi su tutti i membri della famiglia e i vostri figli impareranno, grazie al vostro esempio, ad affrontare la vita in modo consapevole.

Data di Pubblicazione: 10 settembre 2019

Lascia un commento su questo articolo

Caricamento in Corso...