Leggi le recensioni su IlGiardinodeiLibri.it

Il Risveglio del Mondo

Gli Insegnamenti di Don Miguel Ruiz - Anteprima del libro di Don Miguel Ruiz

Aiutatemi a cambiare il mondo

Vengo da voi per chiedervi un favore: aiutatemi a cambiare il mondo. Non mi riferisco al mondo dell’umanità, al mondo “là fuori”. Intendo il mondo che voi create nella vostra mente, il mondo che è vero solo per voi e per nessun altro. Vedete, voi create la storia della vostra vita, create una realtà che è vera solo per voi. Ci sono sette miliardi di persone al mondo e tutte creano la propria storia. Io creo il mio mondo personale ma è solo una storia. Non è reale e non è vero. Allo stesso modo, nemmeno la vostra storia è vera. La differenza è che voi credete che lo sia, mentre io no. Voi iniziate a cambiare il vostro mondo nel momento in cui capite che non è vero, che è solo una storia.

Vi piace il modo in cui state vivendo la vostra vita?

Vi piace il modo in cui state vivendo la vostra vita? O detto in un altro modo: siete felici? Se non lo siete e non vi piace il modo in cui state vivendo, allora la prima cosa da fare è capire perché. Invece di dare la colpa a qualcuno, iniziate cercando di capire cosa pensate di voi stessi. Scoprite cosa vi hanno insegnato su voi stessi i vostri genitori, i vostri amici e i vostri insegnanti. Non per incolparli, no, solo per vedere se questo vi può aiutare a capire perché non vi piace il modo in cui vivete. State cercando di essere all’altezza di un’immagine nella vostra mente che è stata creata da qualcun altro? O meglio, ovviamente siete stati voi a crearla, ma di chi sono i criteri che avete usato per farlo?

Voi andate bene così come siete, siete perfetti. Lo scopo di tutto è quello di amare voi stessi esattamente per come siete e di vivere la vostra vita come piace a voi. Questo è ciò che vi renderà felici.

Qualunque cosa crediamo di sapere è solo un accordo, un accordo basato sul nostro linguaggio.

È solo parole. Se nella nostra lingua chiamiamo una cosa albero, ciò è vero solo perché concordiamo con il significato del simbolo, non perché sia realmente un albero. Non abbiamo idea di cosa sia davvero quella cosa, semplicemente la chiamiamo albero. Ecco perché dico che siamo tutti degli artisti e che ciò che creiamo è tutta una storia, soltanto una storia, su noi stessi e sul nostro mondo. Questa storia è vera solo perché la raccontiamo con il linguaggio che abbiamo appreso. Ci vuole consapevolezza per vedere oltre le storie che abbiamo creato.

Gli insegnamenti toltechi sono l’introduzione a un nuovo stile di vita che io chiamo la via dell’artista. Per quanto mi riguarda, sono diventato medico e chirurgo e poi ho deciso di cambiare. È questo ciò che fa un artista, e tutti, che ce ne rendiamo conto o meno, siamo artisti. Io volevo abbandonare la pratica medica e addentrarmi nella mente umana per capire davvero perché l’umanità è così com’è.

Il modo di percepire la vita

Ciò che ho scoperto è che, attraverso il modo di percepire la vita e tutto ciò che ci circonda, noi creiamo una storia su noi stessi. Usiamo la parola per creare la storia che viviamo. Impariamo il linguaggio e allora i nostri genitori e altre persone catturano la nostra attenzione e scaricano nel nostro cervello ciò che sanno. Poi andiamo a scuola e gli insegnanti fanno esattamente la stessa cosa. In questo modo impariamo a comunicare con tutti coloro che ci circondano. Usiamo il linguaggio per creare tutto ciò in cui crediamo, tutta la nostra storia. Quando ce ne accorgiamo, tutto è davvero molto semplice. Questa comprensione cambierà la vostra vita.

Da quando siete nati, avete creduto a ciò che vi hanno spiegato senza dubitare. Avete accettato l’identità e i ruoli che i vostri genitori vi hanno assegnato: questo è il tuo nome, questa è la tua casa e questo è ciò che crediamo sulla vita, su Dio e su tutto il resto. Vi hanno detto chi siete e, poco dopo, avete cominciato a rispondere al nome che vi hanno dato. Credendo a loro siete diventati come loro. Questo non è né bene né male, è semplicemente ciò che è. Quando ne diventate consapevoli, comprendete che loro non sanno chi siete voi perché non sanno chi sono loro. Nessuno lo sa.

Non abbiamo bisogno di sapere chi siamo per esistere ed essere felici.

La conoscenza rappresenta la più grande sfida alla libertà personale perché crea l’immagine che avete di voi stessi. Vincere la conoscenza significa eliminare poco a poco ogni pezzo della definizione di voi stessi che avete costruito. Per la maggior parte delle persone, questa è una cosa spaventosa e molti sentono di non poterlo fare perché la loro mente crede che, senza la conoscenza a cui aggrapparsi, potrebbe morire o impazzire. Eppure quando lasciate andare tutto ciò che pensate di sapere su voi stessi, quando lasciate andare tutte le vostre immagini, trovate la libertà.

Aiutare la gente

Una delle cose più importanti che faccio è cercare di aiutare la gente a cambiare il proprio punto di vista. Per esempio, invece di focalizzarvi su tutti i drammi che avete creato in passato o di farvi schiacciare da tutte le cose dolorose che sono successe nella vostra vita, potete concentrare la vostra attenzione su ciò che vi piace. Questo crescerà. Dipende da voi. Ci possono essere milioni di idee nella vostra testa, ma il lavoro dell’artista è quello di agire in base a tali idee, perché sapete che nella vostra mente c’è il potere di farle diventare realtà. Ecco perché, nella tradizione tolteca, il concetto di sognare è così importante. I toltechi sanno che sognare è il primo passo per far diventare un sogno realtà. Mettete la vostra attenzione sui vostri sogni piuttosto che sui vostri drammi.

Questo testo è estratto dal libro "Aiutatemi a cambiare il mondo".

Ti è piaciuto questo articolo? Rimani in contatto con noi!
Gli articoli più letti
Gli ultimi articoli pubblicati
Articolo consigliato:

Gli Insegnamenti di Don Miguel Ruiz

Un dono di saggezza tolteca

-15%
Gli Insegnamenti di Don Miguel Ruiz

Don Miguel Ruiz , Don Miguel Ruiz Jr.

Don Miguel Ruiz, autore del bestseller I quattro accordi, è uno dei maestri spirituali più autorevoli del pianeta. I suoi illuminanti... continua

 

Torna su