PRODOTTI BIO E NATURALI   |   Tempo di Lettura: 9 min

Semi di Canapa: identikit in 5 punti

Semi di canapa

Oggi parliamo di semi di canapa: forse non lo sapevi, ma il frutto della canapa sativa ha proprietà sorprendenti, tanto da essere considerato un vero e proprio superfood. Tracciamo insieme un identikit dei semi di canapa in 5 punti chiave. Pronti? Via!

1. Piacere, siamo i Semi di Canapa e siamo "figli" della Cannabis!

Quando parliamo di semi di canapa, dobbiamo necessariamente fare riferimento alla pianta da cui tali semi provengono: la famosa canapa, o Cannabis.

Al centro di vivaci dibattiti e spesso vittima di pregiudizi, la Cannabis è stata considerata un tabù sociale per lungo tempo, in tutta Europa e, soprattutto, qui in Italia. 

Il Ministero dalla Salute ha introdotto l’uso legale dei semi di canapa a scopo alimentare solo in tempi molto recenti (2009). 

E pensare che già nell'antichità i Greci e i Romani utilizzavano la canapa per curare il mal d’orecchie, per ricavarne tessuti per l’abbigliamento, per uso tecnico e alimentare!

Perché, dunque, l'impiego della canapa è stato legalizzato solo in tempi relativamente recenti?

Per capirlo, è necessario un piccolo chiarimento. Va infatti tenuto presente che esistono diversi tipi di cannabis: tra essi, abbiamo in particolare la cannabis indica e la cannabis sativa l., che presentano effetti assai differenti.

In commercio si trovano solo prodotti derivati dalla cannabis sativa l., che ha un ridotto contenuto del famoso principio psicoattivo e stupefacente THC (delta-9-tetraidrocannabinolo), illegale in quasi tutti i Paesi, e assente nelle radici e nei semi della pianta destinati all’uso alimentare. 

La cannabis indica, invece, non è coltivabile in Italia poiché illegale, e il suo consumo personale è perseguibile per legge.

2. Davvero i Semi di Canapa fanno bene alla salute?

Sì, i semi di canapa sono un vero toccasana, e per diversi motivi (e lo confermano anche diverse ricerche, si veda ad esempio questo studio). Pensa che le proprietà dei semi di canapa sono talmente tante da farne un superfood!

Una piccola premessa: i migliori da acquistare sono i semi di canapa biologici, poiché nei semi provenienti da agricoltura biologica le proprietà del seme rimangono inalterate e non sono presenti elementi chimici come i pesticidi, dannosi per la tua salute.

Detto ciò, partiamo dal contenuto proteico, corrispondente al 25% della composizione totale del seme della cannabis sativa: si tratta di una percentuale molto alta, paragonabile al contenuto di proteine di una bistecca!

L’edestina e l’albumina, le proteine del seme di cannabis, forniscono, nelle giuste proporzioni, tutti gli amminoacidi essenziali dell’organismo: non potendo essere sintetizzati, questi devono necessariamente essere introdotti attraverso la dieta. 

lipidi sono presenti nei semi della cannabis sativa per un totale variabile tra il 26% e il 37%. I lipidi di cui stiamo parlando sono gli acidi grassi essenziali, più comunemente conosciuti come Omega 3 e Omega 6, in rapporto 3:1. Grazie alla presenza di tali nutrienti, i semi di canapa sono in grado di apportare benefici alle cellule del tuo organismo, perché ne formano la membrana esterna.

Semi di Canapa decorticati

Ma le proprietà dei semi di canapa non finiscono certo qui! Essi, infatti:

  • Migliorano la tolleranza dei carboidrati nei diabetici;
  • Riducono il colesterolo cattivo (LDL) e prevengono le patologie a carico del sistema cardiovascolare;
  • Sono utili nel trattamento di acne, eczemi e dermatiti;
  • Fluidificano il sangue e ripristinano il grado di robustezza capillare;
  • Producono energia;
  • Aiutano la crescita e lo sviluppo del sistema nervoso centrale del feto grazie al DHA: un’omega 3 presente in quantità superiore, rispetto agli altri acidi, nei neuroni;
  • Sono utili in caso di malattie legate a stati infiammatori come obesità e artrite reumatoide;
  • Svolgono un’azione antidepressiva;
  • Un buon rapporto di omega 3 e omega 6 è in grado di lenire i dolori provocati da cicli mestruali molti intensi

I semi di cannabis sativa sono importanti anche per il contenuto di carboidrati, presenti in misura del 28%, e per quello di fibre solubili e insolubili: le fibre solubili agiscono come una sostanza gelatinosa all’interno dell’intestino e sono il nutrimento dei batteri buoni (quelli digestivi), le fibre insolubili, invece, favoriscono il transito intestinale.

Vanno ricordati anche i micronutrienti presenti nei semi di canapa: le vitamine E (antiossidante naturale), B1 (importante per l’attività mentale), B2 (trasforma il cibo in energia), B3 (riduce la stanchezza), B6 (importante per il sistema nervoso), A (utile per ossa, pelle, capelli, e rafforzante del sistema immunitario).

Ricordiamo infine la presenza dei minerali come manganese, fosforo, ferro, rame, magnesio, zinco, potassio, calcio

3. Come usare i Semi di Canapa? Decorticati o integrali?

In commercio, i semi di canapa biologici si possono trovare decorticati o integrali. In realtà, quello che chiamiamo seme di canapa altro non è che il frutto della Cannabis Sativa l.

Esso si presenta come un piccolo chicco ovale lungo circa 4 mm, di colore verde-grigio e all’interno del quale c’è il seme, che è facilmente estraibile. Chi lo ha già provato, afferma che il gusto ricorda quello della nocciola.

È indifferente la scelta tra semi decorticati o integrali. Tieni però presente che il seme di canapa decorticato è più facilmente soggetto ad ossidazione, dunque va consumato in tempi più brevi.

Semi di canapa bio

Caldamente consigliato, invece, è l’utilizzo dei semi di canapa crudi, ad esempio aggiunti a gustose insalate, affinché mantengano inalterate le loro innumerevoli proprietà nutrizionali.

Se i semi di canapa vengono macinati, è possibile ricavare da essi la farina di canapa, mentre dalla spremitura a freddo dei semi si ottiene l’olio di semi di canapa.

Il consumo alimentare dei semi di canapa e degli altri prodotti che da essi si ricavano è oggi piuttosto in voga, grazie anche al numero crescente di persone che scelgono di seguire un regime alimentare vegano o vegetariano. Per vegetariani e vegani, la cui dieta è povera o del tutto priva di proteine di origine animale, l’uso alimentare della canapa è una vera manna dal cielo!

4. Semi di Canapa: le idee a tavola

Se vuoi fare una colazione ricca di proteine e partire con un pieno di energia per affrontare una giornata intensa, prova a inzuppare i semi di canapa decorticati nel latte o nello yogurt, per conferire quel retrogusto di nocciola precedentemente descritto. L’apporto nutritivo di una colazione a base di semi di canapa è pari a 516 Kcal per 100 g.   

Se invece ami il latte vegetale, devi sapere che esiste anche il latte vegetale bio di canapa: non si trova facilmente in commercio, ma può essere realizzato in casa. Ecco come fare:

  • Unisci 250 g di semi di canapa decorticati ad un litro d’acqua e frulla il tutto
  • Terminata questa operazione, filtra il composto ottenuto con un colino e una garza. Semplice, no?

Piccolo accorgimento: il latte di canapa va conservato in frigo per massimo 3/4 giorni.

Se durante la mattinata improvvisamente lo stomaco inizia a brontolare, mettilo a tacere aggiungendo i semi di canapa ai frullati di frutta.

Nella pausa pranzo, invece, puoi scatenare la tua fantasia e unire i semi di canapa ad altri ingredienti per creare insalate colorate e fantasiose.

I semi di canapa, inoltre, sono ottimi anche con zuppe di verdura e cereali.

Quando poi arriva l’ora della merenda i bambini sono in prima fila davanti alla credenza della cucina! Se ti piace preparare ai tuoi bimbi gustose torte e croccanti biscotti fatti in casa, come alternativa ai classici prodotti confezionati, tieni presente che anche per queste ricette puoi usare i semi di canapa biologici macinati e trasformati in farina per i prodotti da forno.

Per uno sportivo è importante reintegrare le sostanze perse durante l’allenamento, oppure integrarle prima e durante l’esercizio fisico. Esistono in commercio, ma si possono preparare anche in casa, barrette energetiche di semi di canapa: basta aggiungere all’impasto dei cereali da 2 a 25 g di semi interi o decorticati.

E infine eccoci arrivati alla cena: qui i semi di canapa possono essere protagonisti del piatto principale. Ad esempio, perché non aggiungerli all’impasto di burger e polpette (siano essi di carne o vegetali)?

5. Olio di Semi di canapa e Cosmesi

Ma parliamo adesso del prodotto che si ottiene dalla spremitura a freddo dei semi di canapa: l’olio di semi di canapa! Quest'olio è molto ricco di acidi grassi essenziali ed è addirittura descritto come “l’olio più equilibrato in natura”.

Olio di Semi di Canapa

L’olio di semi di canapa è ideale per lavare i capelli grassi o con forfora, ma anche per reidratare le pelli che tendono a seccarsi e screpolarsi, alle quali dona nuova elasticità. Per quanto riguarda lo shampoo, esso è talmente delicato che non fa molta schiuma e non aggredisce la cute, per questo è assolutamente adatto anche ai neonati.

Dai deodoranti allo shampoo, dalle lozioni per il corpo ai sieri per labbra e saponette: i prodotti per la cura del corpo a base di olio di semi di canapa sono davvero numerosi e non hai che l'imbarazzo della scelta!

E tu conoscevi già tutte le proprietà e i benefici dei semi di canapa? Li hai mai aggiunti alle tue ricette? E ancora, hai mai usato prodotti a base di olio di semi di canapa? Fammi sapere tutto nei commenti!

***

Vuoi saperne di più sull'olio di canapa? Scopri il libro di Earl Mindell Olio di Canapa.

E se consulti il nostro Bio-Catalogo, alla sezione Semi  o a quella Prodotti Biologici puoi trovare, tra gli altri, anche i semi di canapa di tanti marchi certificati bio.

Infine, se vuoi approfondire le tue conoscenze sulla pianta della Cannabis, ti consiglio di leggere lo speciale Cannabis: Effetti, Usi e Abusi.

Data di Pubblicazione: 12 novembre 2018


Torna su
Caricamento in Corso...