La Via del Corpo - Rio e Alessandrini - Estratto
Giorni 00
Ore 10
Min. 09
Sec. 08

La Via del Corpo - Anteprima del libro di Roberta Rio e Francesco Alessandrini

Il significato delle parole

Il significato delle parole

Sesso: non siamo i primi a dedicarci a questa tematica e di certo non saremo nemmeno gli ultimi, segno questo di quanto interesse riscuota nell’essere umano l’esperienza sessuale.

E un tema tra i più significativi e allo stesso tempo tra i più tabuizzati e dibattuti della nostra società.

Oscillando tra due estremi — di sesso non si parla o se ne sparla — brancoliamo in quel buio generato dall’ assenza di conoscenza, alla ricerca alcuni di risposte e altri forse solo di soddisfazioni fisiche.

Per iniziare a orientarci, riteniamo utile fare luce su alcuni interrogativi frequenti.

Il sesso esclude l’amore ? Oppure uno è complementare all’altro?

In un modo nuovo e per certi versi liberatorio, vi accompagneremo a comprendere in dettaglio i meccanismi di funzionamento del corpo nell’esperienza sessuale, per poi esplorare e definire insieme un "oltre il corpo” di cui molti di voi hanno già intuito l’esistenza.

Per affrontare al meglio questo viaggio è necessario delimitare i confini dell’area che andremo a esplorare e lo faremo ricorrendo all’etimologia: che cosa significa ' ’amore”? Che cosa significa "sesso”?

Nella nostra società occidentale c’è la tendenza a mettere in competizione questi due aspetti come se l’uno escludesse l’altro o, addirittura, fosse migliore dell’altro per una qualche accezione morale.

Per liberarci dagli equivoci e da interpretazioni soggettive, partiamo da una posizione neutrale ovvero dall’etimologia: l’origine delle parole.

Gli antichi credevano che le parole fossero dotate di un’energia in grado di creare la realtà, e cioè che una volta pronunciate — talvolta anche solo scritte — fossero in grado di attivare un meccanismo di manifestazione nella realtà dell’essenza della parola stessa. Quindi conoscere il significato originario delle parole ci permette di scegliere consapevolmente l’energia che desideriamo richiamare, al fine di introdurla nel processo di creazione della nostra realtà. Capirete che, sotto questa luce, l’etimologia è molto più che un campo di studio per eruditi: è una "via della responsabilità” per tutti coloro che sono giunti alla consapevolezza che siamo co-creatori della realtà in cui viviamo.

Definiamo allora etimologicamente "amore” e "sesso".

Possiamo scomporre la parola "amore” in questo modo: a-mors.

Mors, mortis in latino significa "morte”, mentre la "a” iniziale ha un valore privativo. Quindi amore significa: "senza morte”.

In altre parole con l’amore superiamo la morte, quella dei nostri corpi mortali e dell’esperienza di vita puramente fisica. Con l’amore entriamo nell’Unione, ovvero in una dinamica che ci permette di dimenticare il senso di separazione e di morte — effettiva o incombente — che caratterizza la nostra esperienza terrestre.

Nell’amore ci sentiremo uniti a tutti i livelli — corpo, mente e anima — con un altro essere umano e automaticamente con il Tutto.

Noterete subito che c’è una discrepanza tra questa definizione e ciò che comunemente intendiamo con amore.

Talvolta confondiamo l’amore con il bisogno: ti amo perché ho bisogno di te, perché soddisfi le mie aspettative, perché attraverso di te io mi definisco, perché se ci sei non mi sento solo/a.

Amore, invece, è sinonimo di Unione.

E in questo senso lo scriveremo con la A maiuscola — così come Unione è scritto maiuscolo — per riportarvi alla mente che una tale esperienza è di fondamentale importanza per il processo evolutivo dell’essere umano.

Le sorprese però non sono finite.

Analizziamo il secondo termine in questione, la parola "sesso”.

Al sesso si dà una grande importanza ed, entro certi termini, ciò è decisamente corretto perché esso è:

  1. lo strumento della procreazione. Senza di esso la vita sulla Terra non sarebbe possibile;
  2. lo strumento energetico più potente di cui siamo dotati noi esseri umani;
  3. lo strumento del massimo piacere fisico. Nessun’altra modalità di soddisfazione dell’essere umano lo eguaglia per intensità. E uno strumento talmente radicato nei nostri corpi fisici che chi tenta di negarlo viene prontamente sconfessato dal proprio inconscio, che genera insoddisfazione e impulsi talvolta incontrollabili, se non addirittura forme di pazzia. L’astensione dal sesso, infatti, non è umana;
  4. infine, è lo strumento che, più di ogni altro, ci fa apprezzare il fatto di essere, temporaneamente, in un corpo fisico.

Da queste definizioni capiamo che il sesso è uno strumento della dualità, molto potente, posto a servizio della continuità della specie e in grado di farci apprezzare il nostro temporaneo essere in un corpo fìsico.

Ma è solo uno strumento e, come tutti gli strumenti, può essere usato bene o male, oppure può essere utilizzato semplicemente perché la natura lo prevede.

Eppure, esiste anche una quinta connotazione. Infatti:

5.se usato correttamente, il sesso è lo strumento della Materia che porta all’Unione, non solo con il corpo del partner, ma anche con la sua anima. Ci può quindi mettere in uno stretto collegamento con un altro essere umano, aiutandoci a superare il senso di solitudine e distacco in cui pensiamo di trovarci.

È sorprendente notare come etimologicamente la parola "sesso” rimandi proprio a quest’ultimo significato.

La parola "sesso” deriva infatti dal latino sexus, sostantivo composto dalla radice sex e dalla desinenza us. In questo caso la radice è già una parola a sé stante e con un significato compiuto: in latino sex significa sei.

Come noto, nell’antichità ai numeri veniva attribuito un significato che andava ben oltre il valore numerico fine a se stesso. Pertanto, se all’origine della parola sesso c’è il numero cardinale "sei”, vuol dire che rispetto all’uso odierno della parola stiamo trascurando degli elementi che costituiscono l’essenza della parola stessa.

In che modo il sesso e il numero sei sono connessi?

Il 6 è dato dalla moltiplicazione del 3 con il 2: in altre parole, rappresenta l’unione di due triadi.

In un atto sessuale le due triadi che si uniscono per generare il sei sono i tre "corpi” dell’essere umano: il corpo fisico-energetico, il corpo emotivo-mentale e l’anima.

Fare Sesso (notate la maiuscola) secondo il significato originario del termine significa dunque unire due triadi; grazie all’atto sessuale, due persone si uniscono nella loro interezza: "anima-mente-corpo”.

In questo senso il Sesso si presenta come sinonimo di Amore e, più in dettaglio, dell’Amore-Unione di due esseri umani.

La definizione etimologica ci riconsegna un significato della parola ben superiore a quello che noi oggi le attribuiamo comunemente, riducendo l’esperienza al solo rapporto fisico/corporeo, con l’esclusione sia della dimensione emotiva sia di quella dell’anima.

Essendo però questo termine da troppo tempo utilizzato come sinonimo di "atto sessuale esclusivamente corporeo”, in questo libro utilizzeremo la parola "sesso” (senza maiuscola) nel significato comune dei nostri tempi e non nel suo significato originario.

Quindi il sesso, nell’accezione corrente, è l’Amore?

No, il sesso non è esattamente l’Amore, ma è uno strumento che lo può alimentare.

È uno strumento che può portare all’Unione: è come una specie di calore che, permettendo al ghiaccio di sciogliersi in acqua, consente a quest’ultima di mescolarsi a quella che le sta vicina.

Facendo sesso si può comunque entrare nella dinamica dell’Amore? Certamente.

Anzi, l’aspetto interessante della dinamica dell’Amore, ovvero dell’Unione, è che il corpo è una delle vie attraverso le quali possiamo accedere a esperienze che trascendono il corpo fìsico e gli altri corpi mortali dell’essere umano.

E proprio attraverso il corpo che contattiamo la nostra anima e che ci possiamo poi unire all’anima dell’altro.

Quello che generalmente accade, però, è che restiamo bloccati nel corpo o nella mente: ci fermiamo a un’esperienza che si consuma solo a livello fìsico o comunque al livello dei nostri corpi mortali.

Noi desideriamo accompagnarvi oltre, lungo un percorso che non a caso abbiamo chiamato la Via del Corpo.

Questo passo — l’andare oltre — non si compie negando il corpo o astenendosi dalla vita sessuale: al contrario, è solo vivendo pienamente nel corpo che possiamo sentire cosa c’è oltre a esso e così accedere all’Unione.

E per questi motivi che, nel libro che vi accingete a leggere, il corpo è al centro della trattazione.

Ma il nostro fine non è il corpo!

Vi daremo molte informazioni sul suo funzionamento prima e durante un atto sessuale, sui tipi di attrazione, sulle posizioni migliori dal punto di vista energetico, sui pensieri che ci muovono verso un rapporto sessuale. Ricordatevi però che il nostro obiettivo è l'oltre o, ancora meglio, è quello di mostrarvi quale sia la strada per arrivare, tramite i corpi, a un’esperienza di Amore-Unione che coinvolga le nostre interezze, ovvero anima, mente e corpo insieme.

Questo testo è estratto dal libro "La Via del Corpo".

Ti è piaciuto questo articolo? Rimani in contatto con noi!

 

Gli articoli più letti
Gli ultimi articoli pubblicati
IN QUESTA SEZIONE:
Articolo consigliato:

La Via del Corpo

Il sentiero che conduce dal sesso all’Amore

-15%
La Via del Corpo Roberta Rio Francesco Alessandrini

Roberta Rio, Francesco Alessandrini

Una guida teorico-pratica per scoprire ed esplorare le potenzialità evolutive del sesso. Roberta Rio e Francesco Alessandrini conducono, in maniera... continua

 
Trustpilot
Hai bisogno di aiuto? clicca qui