Vivere Senza Problemi all'Intestino - Michel Lenois - Estratto

Vivere Senza Problemi all'Intestino - Anteprima del libro di Michel Lenois

Atto I: Vi andrebbe un verme? - Le mici

Atto I: Vi andrebbe un verme? - Le mici

Prendendo in esame i paesi europei, si riscontra l'esistenza per la specie umana, di «gradienti» nord-sud molto generali che riguardano l'aspetto, il comportamento, le abitudini, la salute. Più si sale verso nord:

  • più l'uomo vive in climi freddi;
  • più l'uomo ha la pelle chiara;
  • più sono numerosi gli individui con gli occhi blu.

Riguardo alla salute, che è l'ambito che ci interessa nello specifico, tra le altre cose emerge che più si sale verso nord:

  • più il livello di igiene è elevato;
  • minori sono i parassiti intestinali;
  • maggiore è l'incidenza delle MICI.

Alcuni di questi gradienti sulla salute sono collegati tra loro? Si potrebbe ipotizzare, per esempio, l'esistenza di un nesso tra le MICI e la presenza, o l'assenza, di vermi intestinali, dato che entrambi i dati si riferiscono direttamente all'intestino. Ma per vederci più chiaro, cominciamo con qualche informazione sulle MICI.

Qualche precisazione sulle MICI

È bene ricordare che l'acronimo MICI sta per malattie infiammatorie croniche dell'intestino. Si conoscono due tipi di MICI: il morbo di Crohn e la rettocolite ulcerosa (RCU), due malattie molto simili per quanto attiene ai sintomi, alle lesioni e alle terapie.

L'incidenza

Il morbo di Crohn e la RCU sono malattie rare che colpiscono rispettivamente 1 persona su 800 e 1 persona su 1000. Si stima che in Francia siano all'incirca 150.000 le persone affette da MICI, ma questa cifra non è affatto certa, trattandosi di una malattia per la quale non vige l'obbligo di segnalazione.

Il terreno fertile

Che si tratti del morbo di Crohn o della RCU, la malattia colpisce generalmente giovani adulti di età compresa tra i 20 e i 35 anni e nel 15% dei casi persino i bambini o gli adolescenti.

I sintomi

La sintomatologia delle MICI interessa prevalentemente l'apparato digerente; si manifesta con dolori addominali, diarrea, rettorragie ed è accompagnata da altri segni clinici generali come astenia, febbre, dimagrimento e più raramente da manifestazioni articolari e persino oculari.

Le lesioni

Le lesioni delle MICI sono costituite da zone infiammatorie solitamente discontinue a carico della mucosa digestiva che possono presentarsi sotto forma di ulcerazioni.

Le cause

Non si conoscono ancora con certezza tutte le cause delle MICI: è stata appurata l'esistenza di una predisposizione genetica che coinvolgerebbe un centinaio di geni. La causa genetica spiega perché vi siano famiglie nelle quali l'incidenza delle MICI è particolarmente frequente. A proposito del meccanismo che provoca le lesioni, è ormai assodato che le MICI sono malattie autoimmuni, nelle quali l'organismo utilizza il sistema immunitario per attaccare le proprie cellule producendo degli auto-anticorpi, anziché distruggere le cellule estranee e nocive.

Esistono molte altre malattie autoimmuni, come la poliartrite reu-matoide, la sclerodermia...

Sotto accusa, come cause possibili delle MICI, sono finiti anche i fattori ambientali, quelli alimentari in particolare, e l'inquinamento chimico.

L'evoluzione

L'evoluzione delle MICI è caratterizzata dall'alternanza di riacutizzazioni e periodi di remissione durante i quali la malattia è asintomatica. Una guarigione in senso stretto non sarà mai possibile, tutt'al più si allungherà l'intervello di tempo tra una riacutizzazione e l'altra. È importante notare che le MICI, che si tratti del morbo di Crohn o della RCU, aumentano notevolmente il rischio di cancro del colon, considerato che dopo dieci anni di malattia il rischio è 2,5 volte superiore rispetto alla popolazione generale. È un rischio considerevole se si pensa che il carcinoma del colon è una delle neoplasie più frequenti e a prognosi più infausta.

La terapia

Il trattamento delle MICI si basa su prodotti che espletano un'azione antinfiammatoria o immunosoppressiva.

Le cause

Non si conoscono ancora con certezza tutte le cause delle MICI: è stata appurata l'esistenza di una predisposizione genetica che coinvolgerebbe un centinaio di geni. La causa genetica spiega perché vi siano famiglie nelle quali l'incidenza delle MICI è particolarmente frequente. A proposito del meccanismo che provoca le lesioni, è ormai assodato che le MICI sono malattie autoimmuni, nelle quali l'organismo utilizza il sistema immunitario per attaccare le proprie cellule producendo degli auto-anticorpi, anziché distruggere le cellule estranee e nocive.

Esistono molte altre malattie autoimmuni, come la poliartrite reumatoide, la sclerodermia...

Sotto accusa, come cause possibili delle MICI, sono finiti anche i fattori ambientali, quelli alimentari in particolare, e l'inquinamento chimico.

L'evoluzione

L'evoluzione delle MICI è caratterizzata dall'alternanza di riacutizzazioni e periodi di remissione durante i quali la malattia è asintomatica. Una guarigione in senso stretto non sarà mai possibile, tutt al più si allungherà l'intervello di tempo tra una riacutizzazione e l'altra. È importante notare che le MICI, che si tratti del morbo di Crohn o della RCU, aumentano notevolmente il rischio di cancro del colon, considerato che dopo dieci anni di malattia il rischio è 2,5 volte superiore rispetto alla popolazione generale. È un rischio considerevole se si pensa che il carcinoma del colon è una delle neoplasie più frequenti e a prognosi più infausta.

La terapia

Il trattamento delle MICI si basa su prodotti che espletano un'azione antinfiammatoria o immunosoppressiva.

La distirmone tra morbo di Crohn e RCU

Non è sempre facile distinguere le due forme nelle fasi iniziali della malattia, tanto sono simili. La zona colpita fornisce indicazioni utili: il morbo di Crohn può interessare qualsiasi tratto del tubo digerente dalla bocca all'ano (ma soprattutto il colon), mentre la RCU colpisce quasi sempre soltanto il colon-retto.

Esiste un nesso tra il livello d'igiene e l'incidenza delle MICI?

Alcuni dati

L'ipotesi che sussista un nesso tra le condizioni igieniche di una regione geografica o di una popolazione e l'incidenza delle MICI si fonda su molti elementi. In Corea del Sud, grazie a una campagna di sensibilizzazione all'igiene la frequenza di parassitosi intestinale è passata dal 75% del 1969 allo 0,02% nel 2004. In questo stesso periodo l'incidenza delle MICI è quadruplicata. Altri riscontri provenienti da Egitto e Argentina, in particolare, vanno nella stessa direzione. Nel 1910 nello stato americano della Georgia uno studio condotto sui liceali rivelò che il 65% era portatore di vermi intestinali. Lo stesso studio è stato ripetuto nel 1980 e ha riscontrato soltanto il 2% di soggetti portatori. Nello stesso arco temporale vi è stato un boom di malattie autoimmuni. Dato interessante da segnalare: negli immigrati che arrivano in un paese più sviluppato l'incidenza delle MICI aumenta fino a eguagliare quella della polazione locale. Per continuare si rendono necessarie alcune precisazioni sui parassiti o vermi intestinali.

Informazioni personali sui parassiti intestinali

Esistono molte varietà di parassiti intestinali, gran parte dei quali è tipica di una determinata specie animale. L'infestazione di un'altra specie animale generalmente porta al cosiddetto «impasse parassitario» che consiste nel blocco del ciclo di vita del parassita: quando infetta un organismo diverso dall'ospite abituale, il parassita non è in grado di compiere il proprio ciclo vitale normale e muore, oppure rimane nell'organismo in una forma dall'evoluzione bloccata.

Nell'uomo e nelle regioni con clima temperato i vermi intestinali più frequenti sono gli ossiuri, gli ascaridi e le tenie. Gli ossuri sono piccoli vermi bianchi, grandi pochi millimetri, molto frequenti nei bambini. In genere non provocano gravi disturbi, a meno che l'infestazione non sia massiva. Gli ascaridi sono vermi rotondi grandi quasi quanto una matita e la loro presenza può comportare problemi di salute che vanno da un semplice fastidio a uno stato avanzato di denutrizione. Le tenie sono vermi piatti che possono raggiungere una lunghezza di parecchi metri: la contaminazione avviene per ingestione di carne cruda o poco cotta. Ma molti altri parassiti intestinali si trasmettono attraverso le uova o le larve provenienti più o meno direttamente da materia fecale che ha contaminato l'acqua o gli alimenti. In questo caso è lecito pensare che la mancanza d'igiene favorisca la contaminazione.

Le prove del nesso esistente tra parassiti intestinali e MICI?

Poiché i dati statistici precedentemente citati non consentivano di provare la sussistenza di una correlazione tra presenza di vermi intestinali e MICI, era necessario effettuare uno studio con un approccio più scientifico, vale a dire inoculando volontariamente dei parassiti in persone affette da MICI per poi verificare l'esito dell'infestazione. 

Questo testo è estratto dal libro "Vivere Senza Problemi all'Intestino".

Ti Ŕ piaciuto questo articolo? Rimani in contatto con noi!

 

Gli articoli pi¨ letti
Gli ultimi articoli pubblicati
IN QUESTA SEZIONE:
Articolo consigliato:

Vivere Senza Problemi all'Intestino

Aiuta il "motore" della tua salute

-15%
Vivere Senza Problemi all'Intestino Michel Lenois

Michel Lenois

Il contenuto del nostro intestino influenza il funzionamento del nostro corpo e, anche, il nostro cervello, ecco un concetto decisamente... continua

 
Trustpilot
Hai bisogno di aiuto? clicca qui