-15%
Messaggio per una Scimmia che si Crede un'Aquila

  Clicca per ingrandire

Messaggio per una Scimmia che si Crede un'Aquila

Storia di quello stronzo del Professor Battaglia

Mimmo Oteri

  • Prezzo € 11,82 invece di 13,90 sconto 15%
  • Tipo: Libro
  • Pagine: 319
  • Formato: 14x20
  • Anno: 2018
  • Sconto Novità
Con l'acquisto di questo articolo riceverai in omaggio il video da scaricare "Tema Centrale e Stile - Omaggio Video"

La penna dell’autore ci regala un libro dal tono leggero e dissacrante, riuscendo allo stesso tempo a farci ridere ed emozionare offrendo degli spunti di riflessione di assoluta attualità e... continua

Ti è piaciuto questo libro? Scrivi una recensione! Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna Punti Gratitudine!
Ricorda anche di condividerlo (clicca sul bottone qui sotto)

Disponibilità per la spedizione:
immediata!

Quantità:
Aggiungi al Carrello

Guadagna Punti Gratitudine! Guadagna 12 punti Gratitudine!

Salva nella lista dei preferiti

Potrebbero interessarti anche:

Descrizione

La penna dell’autore ci regala un libro dal tono leggero e dissacrante, riuscendo allo stesso tempo a farci ridere ed emozionare offrendo degli spunti di riflessione di assoluta attualità e profondità.

Il professore Roberto Battaglia ne ha per tutti. Niente e nessuno sfugge al suo giudizio cinico e arrogante. Ne sanno qualcosa gli studenti di diritto costituzionale dell’Università di Messina, agnelli sacrificali immolati sull’altare delle sue frustrazioni. A niente valgono i tentativi di domare il bisbetico.

La moglie Claudia cerca di coinvolgerlo nel suo strampalato percorso spirituale prima cattolico e poi buddista. Il suo migliore amico, l’istrionico e stravagante Barone Vittorio Amedeo Mancuso, lo invita ad abbracciare i segreti del misterioso mondo della massoneria.

Tutti i rimedi sembrano inutili per guarire il ripudio del professor Battaglia verso il genere umano finché un giorno non gli viene recapitata una strana lettera arancione che cambierà per sempre la sua vita.

Un racconto audace, dove il sarcasmo del protagonista e quello del narratore si alternano in un gioco di invettive che non risparmia nessun aspetto della società contemporanea: dalla religione alla politica, dall’università alla massoneria. In questa cornice trova spazio il tema centrale del romanzo, ovvero l’ego malato del protagonista che dovrà affrontare un affascinante viaggio ricco di ostacoli e avventure per ristabilire l’armonia perduta.

Omaggio

Indice

Ringraziamenti

Le scuse dell'autore

Parte Prima

  1. Quello stronzo del professor Battaglia
  2. Il barone Vittorio Amedeo Mancuso
  3. Viaggio in terra santa
  4. Quasi massone
  5. Una scimmia nell'ufficio

Parte Seconda

  1. Il signor Pippo
  2. Il viaggio ha inizio
  3. Sua maestà l'onorevole
  4. L'incontro con Polifemo
  5. Ma che razza di inferno è questo?
  6. Salvo per miracolo canoro
  7. Finalmente libero

Approfondimenti

Una giornata partita non molto bene:

"La mattina del 7 gennaio in cui il professor Roberto Battaglia ricevette la prima lettera arancione era cominciata veramente male. Non solo la quinta delle sette sveglie che aveva impostato la sera prima non aveva suonato, facendolo ritardare sulla tabella di marcia di ben cinque minuti, ma fìnanco la caffettiera, unica fedele compagna di vita che ogni santo giorno si prendeva cura di lui, aveva deciso di abbandonarlo. Una tragedia. Si apprestava a essere come al solito una giornata di merda."

Mimmo Oteri

Continua a leggere l'estratto del libro "Messaggio per una Scimmia che si Crede un'Aquila".

Autore

Mimmo Oteri - Foto autore

Mimmo Oteri nasce a Messina lo stesso giorno del suo compleanno. Per festeggiare un evento di tale portata, diciotto anni dopo, i genitori decidono di iscriverlo a Giurisprudenza da dove riesce a scappare, non senza gravi disturbi mentali. Gli stessi che lo hanno aiutato a scrivere il suo primo romanzo. Scoperto da Max Formisano a cui sarà per sempre devoto, si trastulla nella terra di sua maestà tra un corso di marketing e l’altro all’Università di Southampton. Odia i bigotti e i radical chic ma soprattutto i loro elettori. Ama Messina, i pitoni e l’arancino e soffre come un cane la distanza. La distanza che lo separa dalla granita. Nonostante gli sforzi della fidanzata si rifiuta di partecipare a manifestazioni di carattere sociale ove siano presenti più di due persone quindi se potete, non cercatelo. Ma se proprio dovete, potreste iniziare leggendo gli articoli del suo Blog, SaggioImpertinente.it, dove decide di condividere la sua personalissima e bisbetica visione della vita sempre in polemica con tutti: chiesa, politica, università e chiaramente, con se stesso.


Torna su
Caricamento in Corso...